FARE il cambiamento

Cari amici attivisti della Democrazia, vi invitiamo ad una riunione dei gruppi, per parlare di come “FARE il cambiamento” e dare così continuità alla cooperazione ed al lavoro avviato insieme nel tempo.
Abbiamo raccolto, da fonti ed opinioni diverse, una lista di punti di cambiamento e vi chiediamo di valutare altre proposte da inviarci così da aggiungere il vostro prezioso contributo all’elenco da noi stilato. Questa sarà la prima di una serie di riunioni sul tema “FARE il cambiamento”. Fisseremo scadenze, possibilmente regolari, stilando un calendario di incontri per fare una disamina di tutti i punti trovati e per decidere assieme cosa fare per promuoverli e sostenerli.
Vi chiediamo quindi di inviarci all’indirizzo e-mail: portavoce [AT] piudemocraziaitalia.org , possibilmente entro il 26 novembre, le vostre proposte da inserire nella lista degli argomenti che andremo a trattare, così da permetterci di stilare, prima del giorno dell’incontro, un elenco completo. Durante la riunione si potranno proporre anche altri temi non inviati in precedenza.
In questa pagina troverete la lista raccolta fino ad oggi.

INVITIAMO TUTTI I DEMOCRATICI

Sabato 28 novembre 2020

a partire dalle ore 14.00
(conclusione prevista: ore 17.00)
via rete all’indirizzo:

https://meet.jit.si/piudemocraziaitalia

Il nostro canale YouTube per seguire la diretta video

UNIAMOCI PER TROVARE, PROPORRE E SOSTENERE INSIEME PUNTI DI
CAMBIAMENTO PER MIGLIORARE LA DEMOCRAZIA IN ITALIA.

Cari amici,
in occasione dello scorso referendum era stato
promesso che sarebbe stato un
“primo passo per il cambiamento”.

E’ tempo che i democratici italiani,
purtroppo divisi tra i “SI” ed i “NO” dell’ultimo
referendum costituzionale, si riuniscano per
concordare, sostenere ed incentivare il
cambiamento promesso.

Più Democrazia Italia ha raccolto,
da fonti ed opinioni diverse, una lista di punti
elencati qui di seguito.
Vi invitiamo al dibattito per organizzarci e sostenerli.


Senza un movimento per la democrazia forte,
unito, propositivo e determinato, nessuno di questi punti
potrà realizzarsi. Per questo:

PROPONIAMO UN INCONTRO per:
raccogliere e valutare altre proposte di punti di
cambiamento – decidere assieme cosa fare per promuoverli
e sostenerli – fissare scadenze, possibilmente regolari, di
altri incontri per dare continuità alla cooperazione ed al
lavoro insieme avviato.

Primo elenco dei punti di cambiamento

  • Preferenze nella legge elettorale
  • Legge sul conflitto di interesse
  • Sfiducia costruttiva
  • Referendum propositivo (da fare ripartire l’iter)
  • Assicurare l’Iter parlamentare delle LIP (Leggi Iniziativa Popolare)
  • Strumenti di formazione alla democrazia per i cittadini
  • Preferenze anche disgiunte
  • Inserire strumenti partecipativi negli statuti comunali
  • Assemblee dei cittadini
  • Semplificazione raccolta firme (denuncia ONU)
  • Informazione libera ed indipendente come servizio pubblico
  • Referendum obbligatorio
  • Regolamentazione democratica negli statuti dei partiti
  • Federalismo
  • Primarie aperte
  • Strumenti di estrazione a sorte (parlamentare ed altro)
  • Implementazione di strumenti di democrazia partecipativa
  • Quorum zero per tutte le votazioni popolari

Nella prima riunione, tutti assieme, in modo democratico, con votazioni, daremo delle priorità ai temi da esaminare, così da avere una scaletta stabilita e ordinata da noi tutti, su quali saranno i temi da esaminare per primi ed i successivi, fino all’esaurimento dei vari punti. I temi proposti sono descritti molto sinteticamente, ed il lavoro di noi tutti sarà di fare una descrizione dettagliata di ogni punto che verrà stabilito di trattare.

Il nostro intento è quello di portare due o tre temi in esame ad ogni incontro.
Al primo incontro quindi, dopo aver deciso l’ordine dei temi da trattare, divideremo l’elenco in gruppi di tre, e per ogni gruppo di temi, decideremo una data per l’incontro successivo in cui tratteremo quei tre temi, con scadenza di circa un mese l’uno dall’altro.

Tutti i temi saranno messi nel forum in anticipo, uno per uno, così da permettere a tutti di inserire commenti, per cercare di portare una disamina ed una discussione iniziale, che si concluderà, auspicabilmente, con l’incontro dei gruppi relativo ai temi decisi per la discussione, per arrivare ad un accodo comune sul come trattare tali argomenti.

Lascia un commento