ELEZIONI 2022 VOTA con PROTESTA

IL 25 SETTEMBRE VOTIAMO SOLTANTO CHI PIACE A NOI


FACCIAMO VALERE IL NOSTRO VOTO E LA NOSTRA PROTESTA
DIVENTIAMO LA NOVITÀ CHE I PARTITI NON SI ASPETTANO

In queste elezioni arrivate di corsa, si può votare non con il naso tappato, ma con scelta ponderata dei candidati, quelli che più vi ispirano, lontani dalle logiche di partito.

Anche chi si astiene dal votare da anni, chi lo pensa di fare per questa tornata elettorale, ora ha la possibilità di farsi sentire, votando o meno, ma andando al seggio e protestando.
Si, hai capito bene, protestando, ma non con cartelli fuori dal seggio, ma con un reclamo scritto da presentare dopo la registrazione al seggio, se hai la scheda elettorale valida.


Quanto scritto qui e nei documenti, non è una bufala o fake news, è tutto vero,
SI PUO’ FARE“.

La protesta è contro la legge elettorale Rosatellum e per maggiore supporto ai ricorsi contro.

Nel concreto, servirà fare un reclamo al seggio, con tanto di verbalizzazione della protesta. Tale operazione, per come riportato nel modulo allegato, potrebbe comportare tempi lunghi di verbalizzazione: si consiglia, pertanto, in comodità, la stampa e consegna del modulo, secondo ogni più efficace indicazione contenuta nelle istruzioni a corredo del file .pdf, già appositamente predisposto. Stampa due copie del RECLAMO da consegnare per verbalizzare, una per la Camera una per il Senato.

Il 25 settembre andremo a votare con il cosiddetto “Rosatellum”, una legge elettorale che consideriamo per alcuni aspetti incostituzionale perché:

  • impedisce di scegliere i propri candidati a causa delle liste bloccate;
  • privilegia alcune minoranze linguistiche discriminandone altre;
  • discrimina i territori rendendo diseguale l’effetto del voto, ad esempio il voto espresso in Calabria vale quasi la metà del voto espresso in Trentino-Alto Adige.

Sono stati presentati numerosi ricorsi contro il Rosatellum in vari Tribunali ma, in attesa di conoscerne l’esito, dobbiamo comunque mobilitarci già in occasione di questo appuntamento elettorale, per dare un importante segnale di protesta contro questa legge ingannevole e incostituzionale.

Ed è proprio il 25 settembre che ciascuno potrà presentare una protesta/reclamo, come previsto dalle norme vigenti, sia votando, sia astenendosi, ma, in ogni caso, recandosi al seggio.

Tutti i reclami presentati ai seggi saranno inviati alle Giunte per le Elezioni di Camera e Senato, che dovranno esaminarli con la facoltà di sottomettere la questione direttamente alla Corte Costituzionale.

Per approfondire:

Vi invitiamo a tenere presente che, nel contesto specifico, astenersi dall’esprimere un voto valido potrebbe favorire qualche coalizione nell’ottenere i 2/3 dei parlamentari, favorendo ogni condizione utile a modificare la Costituzione, trascurando il passaggio a Referendum. Invitiamo, pertanto, ogni elettore/elettrice a tenere presente questo pericolo, ovvero ad evitare tale rischio esprimendo un voto valido ed utile nel contrastare questa eventualità, al tempo stesso protestando con il modo che indicheremo qui di seguito.

Con la attuale legge elettorale, il Rosatellum, fortemente caratterizzato da liste bloccate, ovvero candidati praticamente scelti dalle segreterie di partito, ancora una volta in sede di elezioni politiche, inibisce, in qualche modo, le scelte dei candidati: quelle attuali sono le quarte dai presupposti incostituzionali; per ben due volte, con la stessa legge, appunto il Rosatellum, ancora una volta emergerà un parlamento illegittimo, guardacaso, non ha voluto, in 5 anni, modificarne l’essenza.

Ma, non tutto è perduto questa volta, nel cercare di limitare i danni provocati.

In calce, troverete un esempio di quanto predisposto nel file da scaricare, corredato da:
1- le spiegazioni dettagliate della iniziativa
2- la protesta (da consegnare al seggio)
3- le spiegazioni del voto utile
4- i termini di legge
5- la eventuale “denuncia-tipo” da presentare alle forze dell’ordine in caso di rifiuto della protesta al seggio.

Il file con la protesta precompilata e con l’aggiunta nostra di temi di Democrazia Diretta.

Il file con la protesta precompilata ed una parte compilabile da te.

Se usi quello compilabile e non scrivi nulla, ricordati di barrare la parte con le righe vuote.
Sia che usi uno sia che usi l’altro, ricordati di aggiungere alla dichiarazione da fare scrivere al segretario, dicendo di scrivere “Più Democrazia”.
Serve solo alla identificazione della provenienza del reclamo in fase di riconteggio dei voti se passa il ricorso da fare entro i primi 20 gg dalle votazioni.

Quanto scritto nel file, con tutta la parte giuridica, è stato revisionato e corretto da avvocati e costituzionalisti, tre questi Felice Carlo Besostri, l’avvocato che ha permesso di fare si che le 2 precedenti leggi elettorali, Porcellum ed Italicum, venissero considerate in parte INCOSTITUZIONALI, e quindi sono state abolite.
Ora si sta provando a fare ricorso al Rosatellum, come menzionato sopra, questa protesta fatta al seggio, potrebbe permettere di arrivare prima alla Corte Costituzionale.

Qui trovate la pagina con una iniziativa simile e parallela per la protesta e i link per i ricorsi con i relativi file.

Iniziativa di Eumans con Referendum e Democrazia di Cappato

Un’altra iniziativa parallela e collegata è la raccolta firme dai link qui sotto

FIRMA QUI: SALVIAMO IL PARLAMENTO ITALIANO

FIRMA la petizione: Salviamo il parlamento – Vota con Protesta

La legge indica il segretario come verbalizzante, è questa figura che rischia, alla prefettura:
http://www.prefettura.it/FILES/AllegatiPag/1156/DPR%2030%20marzo%201957%20n%20361.pdf

Il manuale del seggio elettorale del 2022


ARTICOLI:

AZIONE PER CONTESTARE IL ROSATELLUM

Felice Besostri

“Ecco perché con il Rosatellum il voto non è libero né diretto”: a TPI parla l’avvocato Felice Besostri

GLOBALIST: Una piccola e disperata protesta per un voto più democratico e libero

Il TG NORBA parla dei reclami proteste presentate ai seggi elettorali, tra accolti e rifiutati

Qui sotto copia in anteprima di quanto scritto nel file PDF, un esempio del documento da noi compilato per la parte compilabile.
__________________________________________________________________________________

IL 25 SETTEMBRE VOTIAMO SOLTANTO CHI PIACE A NOI

facciamo valere il nostro voto e la nostra protesta diventiamo la novità che i partiti non si aspettano

Ancora una volta i partiti ci costringono ad andare al voto con la peggior legge elettorale di sempre. Si erano impegnati a correggerla ma non l’hanno fatto.

Ormai lo ammettono tutti che il c.d. Rosatellum ha prodotto un brutto Parlamento e si appresta a produrne uno ancora peggiore.

Il Rosatellum viola il diritto costituzionale di poter scegliere i nostri rappresentanti.

La Corte Costituzionale non ha ancora potuto pronunciarsi sulla legittimità costituzionale della legge perché i ricorsi degli elettori presso i tribunali ordinari sono stati finora rigettati dai giudici con motivazioni che meriterebbero un ricorso alla Corte di Giustizia dell’Unione europea.

Nella concitata campagna elettorale sono emersi i meccanismi complicati e perversi di questa legge elettorale che dà alle segreterie dei partiti il potere di fare eleggere chiunque vogliano, obbligandole però a formare coalizioni elettorali: qui siamo all’assurdo perché le coalizioni sono prive di un programma politico condiviso e quindi sono destinate a sfasciarsi come è successo nella legislatura che sta finendo

Abbiamo dovuto sopportare, tra lo sconcerto e il disgusto, le estenuanti trattative e le improvvise rotture tra le segreterie per decidere le coalizioni elettorali e per distribuire i candidati nelle schede, combinando candidati uninominali e liste plurinominali bloccate, all’unico scopo di assicurarsi che chi vogliono far eleggere sarà eletto.

La buona notizia è che noi tutti abbiamo la possibilità di trasformare il nostro disgusto in due azioni coordinate e sinergiche per far valere il nostro voto e per opporci alla prepotenza dei partiti:

1 contrassegnare su ciascuna scheda elettorale soltanto il candidato/a uninominale preferito/a;

La scelta di voto esclusiva a favore di un candidato/a uninominale, è consentita dal Rosatellum, è perciò legittima. Tale scelta di voto potrà scompaginare l’ordine di elezione dei candidati, imposto con le schede plurinominali bloccate, nel caso in cui riuscissimo a ottenere il riconteggio dei voti.

Questo produrrebbe una ripartizione dei seggi parlamentari più vicina alle nostre intenzioni di voto.

2 presentare al segretario del seggio il nostro legittimo e motivato reclamo e protesta contro il Rosatellum

Il reclamo e protesta (vedi pagina 3) è previsto dalla legge e ha lo scopo di indurre le Commissioni Elettorali a sottoporre il Rosatellum alla Corte Costituzionale, in modo da avere una possibilità aggiuntiva di ottenerne il giudizio.

Andiamo tutti al seggio a far valere il nostro voto e la nostra protesta !

Se saremo tanti a partecipare, potremo dare un seguito politico post-elettorale a questa iniziativa e aprire un confronto sulla rappresentanza popolare, che ci è negata da troppo tempo.

Ricordiamoci che la democrazia esige la partecipazione e allora, se abbiamo a cuore la democrazia, resistiamo alla tentazione di astenerci dal voto, e andiamo al seggio ! !

Seguono:

– le indicazioni pratiche su come votare e protestare
il reclamo e protesta da consegnare al segretario del seggio
– riferimenti di legge utili nel caso di opposizione al reclamo

____________________________________pag.1___________________________________

indicazioni pratiche su come votare e protestare

Per ogni evenienza ti suggeriamo di portare l’intero documento al seggio.

NOTA BENE: come ben descrive il RECLAMO E PROTESTA che segue, la scheda del Rosatellum è ingannevole e la legge distorce sistematicamente il voto espresso soprattutto nel caso si votano coalizioni elettorali. L’indicazione pratica di votare solo il nominativo del candidato/a che preferisci vale sia per il partito/lista non coalizzato sia per le coalizioni, e ha lo scopo di valorizzare al massimo la tua intenzione di voto.

Prima di andare al seggio, stampa due copie del reclamo e protesta, completale con le tue generalità, aggiungi la tua eventuale e personale ragione di reclamo, firmale in modo che siano già pronte per essere consegnate velocemente in modo da far risparmiare tempo e fatica al segretario del seggio.

Cerca di andare al seggio in momenti poco affollati, registrati regolarmente per il voto, prendi le schede elettorali per la Camera e per il Senato, vai nella cabina elettorale e in ciascuna delle schede contrassegna soltanto il candidato/a uninominale che preferisci mettendo la X in corrispondenza del nome e cognome nel riquadro superiore (a titolo esemplificativo ecco come apparirebbe la scheda nel caso di di voto di coalizione).

Esci dalla cabina, metti le schede nelle urne, rivolgiti al segretario del seggio e chiedi di verbalizzare la tua protesta e di allegare il documento reclamo e protesta. Se il segretario si oppone mostragli le disposizioni di legge riportate in ultima pagina, per cui è tenuto ad accettare la tua richiesta.

Assicurati che il segretario prenda in consegna il documento e che registri la protesta sul verbale “l’elettrice/l’elettore …. ha presentato una protesta”, firma e così è tutto fatto.

Gli italiani all’estero, che votano per posta ed hanno il diritto alle preferenze, possono comunque spedire una protesta inviandola in una busta a parte indirizzata al consolato o all’ambascita alla quale spediscono il loro voto.

Altre possibilità di voto

1) Si può contrassegnare soltanto la lista che contiene ad esempio almeno una persona che ti piace. Questa scelta è però sconsigliabile perché il voto che hai dato potrebbe non andare alla persona che ti piace. Anzi può servire a far eleggere candidati di un’altra lista coalizzata più forte della lista che hai indicato tu e persino a far eleggere il candidato uninominale che ti rifiuteresti di votare. Nel caso di dichiarata illegittimità del voto congiunto-obbligatorio del Rosatellum, denunciata nel testo del reclamo e protesta, e di riconteggio dei voti singoli, questa scelta di voto potrà comunque concorrere a modificare l’assegnazione dei seggi, ottenendo una ripartizione più vicina alle intenzioni espresse col voto.

2) Se decidi di contrassegnare sia il candidato uninominale sia una lista collegata tieni presente che questa è la scelta peggiore in quanto il doppio voto non solo non impedisce l’effetto perverso descritto al punto precedente, bensì lo “autorizza”. Nel caso di riconteggio dei voti singoli, ovviamente il voto doppio non potrà concorrere a modificare l’esito elettorale.

3) Se non trovi un candidato/a uninominale che ti piace ti invitiamo almeno a protestare:
Prepara tutto come descritto all’inizio di queste indicazioni e cerca di andare al seggio in momenti poco affollati, registrati regolarmente per il voto, prendi le schede elettorali per la Camera e per il Senato, vai nella cabina elettorale e se dopo un’ultima verifica proprio non trovi in una o in entrambe le schede un nominativo accettabile, scrivi “SCHEDA RIFIUTATA” sull’esterno della scheda elettorale o di entrambe le schede, per prevenirne l’uso fraudolento.

Esci dalla cabina, vai dal segretario del seggio, dichiara che hai preferito non votare, restituisci le schede e chiedi di verbalizzare la tua protesta e di allegare il documento reclamo e protesta e seil segretario si oppone mostragli l’ultima pagina che contiene le disposizioni di legge.

Assicurati che il segretario prenda in consegna il documento e che registri la protesta sul verbale “l’elettrice/l’elettore …. ha presentato una protesta”, firma e così è tutto fatto.

____________________________________pag.2___________________________________

reclamo e protesta

ai sensi degli artt. 74 e 87 T.U. Elezione Camera deputati, tutelato dall’art. 104 c. 5 del DPR 361/1957,

applicabile anche al Senato della Repubblica ex art. 27 d.lgs n. 533/1993

Il presente reclamo è indirizzato alla legge elettorale n. 165/2017, come modificata e integrata dalla legge n. 51/2019, adottata per queste elezioni unitamente alla legge cost. n. 1/2020, che ritengo incostituzionale e lesiva dei diritti politici del cittadino come garantiti dagli artt.3, 6, 48, 51, 56 e 58 Cost. alla luce delle sentenze nn. 1/2014, 35/2017 e 48/2021 Corte Cost., nonché per la modifica dell’art. 57 c. 3 Cost. la sentenza n. 1146/1988.

Chiedo pertanto che il presente reclamo sia allegato al processo verbale

Sottoscrivendo questo documento mi associo alla protesta per come si svolgono le elezioni e al reclamo contenuto nei ricorsi giudiziari contro la legge elettorale vigente Rosatellum perché:

il Rosatellum viola il mio diritto costituzionale di esprimere un voto diretto, libero e personale per scegliere, almeno in parte, tra i candidati nelle liste elettorali bloccate imposte dai partiti;

– mentre al momento del voto, la scheda elettorale mi offre la possibilità di esprimere liberamente la mia legittima e genuina intenzione di votare soltanto a favore di un candidato uninominale, oppure soltanto a favore di una lista plurinominale, al momento del conteggio dei voti la norma del voto congiunto-obbligatorio del Rosatellum mi toglie detta libertà. Tale norma attribuisce infatti il voto che avrò dato al solo candidato uninominale anche alle liste a lui collegate e attribuisce il voto che avrò dato solo a una lista al candidato a essa collegato, pertanto

la norma del voto congiunto obbligatorio, presume e impone in forza di legge una intenzione di voto che non ho voluto esprimere, rende la scheda elettorale ingannevole e distorce il risultato elettorale.

– la legge non rispetta la mia genuina libera e legittima intenzione di voto singolo ed esclusivo a favore di un candidato uninominale oppure di una lista proporzionale, visto che non è previsto il conteggio separato di tali voti;

– la legge distorce il voto che do a una lista plurinominale coalizzata che può andare a rafforzare altre liste della stessa coalizione, che hanno programmi e leader politici incompatibili con la lista che preferisco, cosicché il mio voto può contribuire ad eleggere persino un candidato uninominale collegato, che mi rifiuterei di votare;

– i partiti, grazie alla norma dell voto congiunto obbligatorio unita alla possibilità di candidare in più collegi gli stessi candidati in diverse liste proporzionali bloccate, hanno il potere di far eleggere i candidati a loro graditi, nell’ordine da loro imposto nelle liste bloccate. IL tutto indipendentemente e contro la mia intenzione di voto;

– il Rosatellum viola l’art. 3 Cost., discrimina i diritti di molte minoranze linguistiche non residenti in regioni a statuto speciale e inoltre discrimina tra minoranze linguistiche e minoranze politiche, con sproporzioni significative tra il numero degli abitanti e il numero dei rappresentanti.

Alla luce di quanto sopra il Rosatellum mi impedisce di scegliere i mie rappresentanti in Parlamento e produce un “Parlamento di nominati”, privo del sostegno popolare, incapace di rappresentare il paese reale e per questo privo del legittimo potere di svolgere pienamente il suo ruolo istituzionale. Dichiaro perciò il mio sostegno ai ricorsi presentati in vari tribunali per la verifica della legittimità costituzionale del c.d. Rosatellum (https://coordinamentoperlarappresentanza.blogspot.com/2022/07/il-testo-del-ricorso-contro-il.html)in particolare per il mancato rispetto degli articoli 3, 6, 48, 51, 56 e 58 della Costituzione e protesto perché il Governo, che dovrebbe essere neutrale in materia elettorale di esclusiva competenza parlamentare, si oppone al loro rinvio alla Corte Costituzionale.

Reclamo infine perché l’obbligo di raccolta delle firme solo per partiti o soggetti politici non presenti in parlamento ha creato una discriminazione per l’accesso alla competizione elettorale in violazione dell’art.51 della Costituzione.

A quanto sopra aggiungo: chiedo ai parlamentari del prossimo Parlamento l’impegno morale a non modificare la Costituzione fino al pronunciamento della Corte Costituzionale sulla legittimità costituzionale della legge con la quale sono stati eletti.

Inoltre, protesto perché il parlamento non ha attivato strumenti per migliorare la Democrazia ed anche la Democrazia Diretta, come quelli qui di seguito elencati, e chiedo la loro istituzione:

1- REALIZZAZIONE PIATTAFORMA PUBBLICA RACCOLTA FIRME DIGITALI (per come già previsto dalla legge sulle semplificazioni burocratiche di riferimento
2- ASSICURARE L’ITER PARLAMENTARE DELLE LEGGI DI INIZIATIVA POPOLARE (LIP) IN TEMPI CERTI
3- STRUMENTI DI INFORMAZIONE AI CITTADINI NEI PROCESSI DECISIONALI (LIBRETTO INFORMATIVO super partes)
4- QUORUM ZERO O LIMITATO PER LE VOTAZIONI POPOLARI
5- PROSEGUIRE L’ITER PARLAMENTARE DEL DISEGNO di LEGGE 1089 (attualmente conosciuto come REFERENDUM PROPOSITIVO, e già APPROVATO ALLA CAMERA)
6- ASSEMBLEE dei CITTADINI (AC)
7- REFERENDUM OBBLIGATORIO (senza raccolta firme), per le modifiche della costituzione, leggi elettorali ed altre leggi che contengono conflitti di interesse per i legislatori.

Nome __________________________________________
cognome ______________________________________________

codice fiscale ____________________________________
firma _________________________________________________

____________________________________pag.3___________________________________

riferimenti di legge utili nel caso di opposizione al reclamo e protesta

qui di seguito trovi il testo degli articoli di legge richiamati nell’intestazione del Reclamo e protesta da tenere a disposizione e da MOSTRARE AL segretario del SEGGIO

Art. 74. (T. U. 5 febbraio 1948, n. 26, artt. 26, ultimo comma, 47, ultimo comma, 49, ultimo comma, 50, comma 5°, e 53, primo comma) Il verbale delle operazioni dell’Ufficio elettorale di sezione è redatto dal segretario in doppio esemplare, firmato in ciascun foglio e sottoscritto, seduta stante, da tutti i membri dell’Ufficio e dai rappresentanti ((…)) delle liste presenti.
Nel verbale dev’essere presa nota di tutte le operazioni prescritte dal presente testo unico e deve farsi menzione di tutti i reclami presentati, delle proteste fatte, dei voti contestati (siano stati o non attribuiti provvisoriamente alle liste ((…))) e delle decisioni del presidente, nonché’ delle firme e dei sigilli. Il verbale è atto pubblico.

Art. 87. (T. U. 5 febbraio 1948, n. 26, art. 62).

Alla Camera dei deputati è riservata la convalida della elezione dei propri componenti. Essa pronuncia giudizio definitivo sulle contestazioni, le proteste e, in generale, su tutti i reclami presentati agli Uffici delle singole sezioni elettorali o all’Ufficio centrale durante la loro attività o posteriormente.
I voti delle sezioni, le cui operazioni siano annullate, non hanno effetto.
Le proteste e i reclami non presentati agli Uffici delle sezioni o all’Ufficio centrale devono essere trasmessi alla Segreteria della Camera dei deputati entro il termine di venti giorni dalla proclamazione fatta dall’Ufficio centrale. La Segreteria ne rilascia ricevuta.
Nessuna elezione può essere convalidata prima che siano trascorsi venti giorni dalla proclamazione.

Art. 104 comma 5 (T. U. 5 febbraio 1948, n. 26, art.78).

Il segretario dell’Ufficio elettorale che rifiuta di inserire nel processo verbale o di allegarvi proteste o reclami di elettori è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa sino a lire 20.000.

p.s.
Se il segretario insistesse a non voler verbalizzare la tua protesta, mantieni la calma, va dalle forze dell’ordine che presidiano i seggi e chiedi di verbalizzare presso di loro. Nel caso anche esse rifiutassero, nel giro di pochi giorni va alla stazione dei Carabinieri o della Polizia e fa la denuncia citando ora e seggio presso il quale è avvenuto il fatto. Vedi esempio di denuncia in ultima pagina.

infine

infine

L’attuale  campagna  di  ricorsi  contro  il Rosatellum è coordinata dall'avvocato   Felice  Carlo  Besostri,   già   protagonista  delle battaglie  contro  le  precedenti  leggi  elettorali,  Porcellum  e Italicum,   che  furono   sanzionate   dalla  Corte  Costituzionale. L’attuale  campagna di ricorsi si è resa necessaria perché i partiti hanno riproposto nel Rosatellum elementi di incostituzionalità delle leggi precedenti  che riducono ulteriormente la rappresentatività e il ruolo del Parlamento. 

       Anche il presente reclamo è stato preparato grazie alla     .     .                  sua generosissima assistenza
               UN GRAZIE DI CUORE AVOCATO BESOSTRI !

____________________________________pag.4___________________________________

ESEMPIO DI EVENTUALE DENUNCIA DA PRESENTARE AGLI UFFICIALI GIUDIZIARI:

Io sottoscritto “Nome e Cognome, Codice Fiscale: nato in “Luogo di Nascita”, il “Data di Nascita”, residente in “Luogo di Residenza”, titolare della Tessera Elettorale n. “Numero Tessera”, dichiaro di essermi presentato al Seggio N. “Numero del Seggio”, del Comune “Nome del Comune” presso il quale sono regolarmente iscritto, al fine di esercitare il mio diritto-dovere di cittadino elettore.
Era mia intenzione di avvalermi del diritto di verbalizzare una protesta/reclamo, sancito dalla Legge Elettorale (Artt. 74, 87 e 104 Testo Unico delle Leggi Elettorali D.P.R. 30 marzo 1957, n 361 e successive modifiche), ma: (Aggiungere breve descrizione di quanto avvenuto al Seggio, es.):

“Il Segretario si e’ rifiutato di mettere a verbale la Protesta/Reclamo e di accogliere il documento che ho chiesto di allegare”.

In Fede

(data e firma)

____________________________________pag.5___________________________________

FARE il Cambiamento: realizzazione

Cari amici ed attivisti della democrazia,
siamo uniti dalla volontà di cambiare e migliorare il sistema politico nel nostro paese e nel mondo.

Le società sono sistemi complessi ( vale a dire: fatti di diversi componenti che interagiscono tra di loro in una rete di relazioni) per questo ( e come in tutti i sistemi complessi) non esiste mai “un solo” provvedimento lui da solo “salvifico” per lo scopo, ma ne esistono parecchi che cooperando tra di loro realizzano il cambiamento. Molti punti di cambiamento possono essere utili anche se molto diversi nella loro incisività sul sistema.

Per questo, con il vostro aiuto, contributi e seguendo le vostre indicazioni, avevamo raccolto una lista di “punti di cambiamento”.

Si trattava di 27 punti descritti in modo sintetico in un opuscolo dal titolo “Fare il cambiamento” che trovate all’indirizzo qui in basso.

Vorremmo riprendere con voi il lavoro rimasto in sospeso.

Il lavoro si potrebbe sviluppare secondo decisioni da prendere collegialmente seguendo il programma seguente che proponiamo:

PROSECUZIONE DEL LAVORO per FARE IL CAMBIAMENTO

Pensiamo che il lavoro possa proseguire nel modo seguente e con discussioni sui temi seguenti:

1- COME SI REALIZZANO I CAMBIAMENTI.

Sulla base dell’esperienza storica possiamo constatare che nuovi strumenti e forme di democrazia non vengono introdotte dai partiti a meno che questi non siano spinti a farlo da movimenti popolari.

Il tema di discussione e di decisione sarà quindi: esaminare come riuscire a cooperare tra gruppi di democratici per realizzare i cambiamenti.

In questo incontro concorderemo, tutti assieme, le successive date degli incontri.

La data del primo incontro: 02/07/2022
Il secondo incontro e’ avvenuto il: 9/07
Il terzo incontro e’ previsto per il 16/07

Le date successive verranno decise collegialmente

2- ESAMINARE/AGGIORNARE I PUNTI DI CAMBIAMENTO GIA’ RACCOLTI E DESCRITTI.

Esamineremo assieme i punti già raccolti ( attualmente sono 27) e verificheremo che non ce ne siano altri da aggiungere.
Se servirà e lo riterrete opportuno ne aggiungeremo altri, se giudicati mancanti.

3- COME DECIDERE COLLEGIALMENTE SU CHE PUNTI CONCENTRARE LE ENERGIE E COME OTTENERNE LA REALIZZAZIONE.

Non è possibile agire su tutti i punti con la stessa incisività ed impegno, è quindi necessaria una classifica. Esamineremo e decideremo assieme metodi di classifica collegiali per la valutazione dei punti e la valutazione delle forme per rivendicarli.

4- CLASSIFICA ATTUALE DEI PUNTI DI CAMBIAMENTO.

I punti raccolti erano già stati anche classificati, rispondendo (con giudizio pesato) alle domande seguenti:
– incisività
– semplicità o difficoltà nell’introduzione.
– popolarità e condivisione del punto da parte dei cittadini italiani,

ma la classifica può essere resa attuale tenendo conto anche della attualità del contesto politico.

In base alla situazione politica attuale ed alle decisioni prese nel corso delle discussioni precedenti, i diversi punti verranno ri-classificati in modo da evidenziare quello sui quali conviene concentrare le energie e le forme di rivendicazione.

UN ESEMPIO

Per esempio, nel momento di scrivere questa mail, siamo nell’imminenza di una votazione popolare ( 12 giugno) quindi il tema:

– strumenti-di-informazione-ai-cittadini-nei-processi-decisionali

Ci è parso opportuno dare la preferenza ed impegnare le nostre energie per fare in modo che il “libretto delle votazioni” esista in modo sistematico anche nel nostro paese in occasione di tutte le votazioni popolari, come nei paesi dove esistono strumenti di democrazia diretta.

Vi preghiamo di contribuire alla diffusione del “libretto” e contattare : parlamentari/media /normali cittadini in modo che questo importante strumento di informazione e che affianca gli strumenti della democrazia diretta possa esistere anche in Italia. Abbiamo il piacere di constatare che già per la seconda volta grazie alla nostra azione il tema viene discusso nel nostro Parlamento.

Dovremo insistere finché diventerà una prassi costante.

Questo avverrà solo se noi cittadini sapremo unirci decidere collegialmente le priorità e sostenere le rivendicazioni creando attorno ad esse un movimento popolare e coinvolgendo l’opinione pubblica Terminata questa “emergenza” del 12 giugno vi proponiamo di riprendere la selezione dei “punti di cambiamento” sui quali dovremo poi concentrare le forse nella nostra azione congiunta.

Ai punti di cambiamento se ne potranno aggiungere altri, se voi lo proporrete. Ma soprattutto occorrerà aggiungere alla classifica (già esistente) il criterio:

– Priorità nel contesto politico attuale.

Per questo vi invitiamo ad una riunione in rete:

sabato 16/07/2022
alle ore: 10.30

sulla piattaforma: https://meet.jit.si/piudemocraziaitalia

Per discutere di:
1- COME SI REALIZZANO I CAMBIAMENTI.

Grazie per l’attenzione.
Qui di seguito il testo aggioranto ( in base alle riunioni precedenti) dei “Modi e strumenti per realizzare modifiche del sistema politico che rafforzino la democrazia”

PS:
link ai “Punti di FARE il Cambiamento

https://www.piudemocraziaitalia.org/wp-content/uploads/2021/04/FareIlCambiamento-27punti-%0Av8.pdf

Link al libretto sul “Referendum Giustizia”:

FARE il Cambiamento

REFERENDUM GIUSTIZIA

Libretto delle votazioni per i referendum sulla giustizia

Il 12 giugno 2022 , si terranno le votazioni sui 5 temi referendari e come nella precedente occasione, con la collaborazione dei comitati del SI e del NO, redigiamo il testo del “libretto delle votazioni” o “opuscolo informativo”, con la descrizione dell’oggetto della votazione e dei pareri per il SI e per il NO.

Qui di seguito trovate la versione attuale del libretto:

Il testo è il frutto della cooperazione delle persone e dei comitati favorevoli al SI ed al NO.

Per maggiori informazioni sulla redazione del libretto informativo, vi preghiamo di leggere il nostro articolo al link:
https://www.piudemocraziaitalia.org/indicazioni-per-la-redazione-del-libretto-delle-votazioni-detto-anche-opuscolo-informativo/


Se volete vedere il libretto precedente, discusso anche in parlamento nel DL 26/2020 ad iniziativa on. Magi:
https://www.piudemocraziaitalia.org/2020/03/05/libretto-informativo-referendum-2020-sul-taglio-dei-parlamentari/

Nelle importanti occasioni come sono le votazioni popolari, occorre che
l’informazione dei cittadini sia all’altezza delle loro responsabilità e sia in grado di
mettere ciascuno nelle condizioni migliori in modo che possa fare la scelta più
intelligente per la collettività intera. L’informazione, quindi, deve essere al tempo
stesso sintetica ma completa, pluralista, accessibile a tutti. Non può essere “di
parte”, tanto meno può essere affidata ad entità a carattere commerciale (come lo
sono i media privati). Nei paesi dove gli strumenti di democrazia diretta, affiancati da
quelli di democrazia rappresentativa, sono presenti da più tempo e sono di uso più
frequente ( Svizzera … , California, Oregon , … Taiwan … ecc ecc), un documento come il presente esiste e viene gratuitamente diffuso da enti pubblici agli elettori.
Per il bene del popolo italiano e della sua democrazia, i cittadini democratici e gli enti
che sostengono la diffusione di questo strumento di informazione esortano i
legislatori a fare in modo che un testo con queste caratteristiche venga redatto e reso
pubblico in ogni futura occasione.

Qui sotto mettiamo i documenti messi a disposizione per il pubblico dai comitati del SI e del NO, ed ai quali ci siamo ispirati per redarre il libretto usando le regole sopra indicate, oltre ad aver collaborato con la cittadinanza attiva che si è messa a disposizione.

Documenti Comitato per il NO

Giustizia-Quesiti-giustizia-schede

Giustizia-Comunicato_costituzione_comitato_per_il_NO

Giustizia-Costituito_il_Comitato_per_il_NO_ai_5_Referendum_sulla_giustizia

ANSA-Nasce il Comitato per il NO ai Referendum Giustizia

Referendum giustizia, nasce il Comitato per il No

Documenti Comitato per il SI

giustizia_comitato_si_cartoncino-referendum_ESEC

giustizia_comitato_si_flyer_ESEC

Comitato promotore Referendum Giustizia

Referendum giustizia

Link correlati:

Vi informiamo che gli emendamenti proposti al DL Elezioni dal alcuni parlamentari, per rendere istituzionale la creazione del libretto informativo per ogni referendum, sono stati bocciati. Pag. 2 i due emendamenti.
Ci rallegriamo del fatto che ci siano ancora dei parlamentari che capiscono che gli italiani debbano essere informati.

Trentino – Chiediamo al Governo di tener conto dei voti del Consiglio regionale in fatto di istituti di partecipazione

I referendum NON risultano essere stati richiesti dagli italiani, perché non sono state presentate le firme presso l’Ufficio centrale per il referendum, ma da nove Consigli regionali “amici”: la prima Regione ad adempiere è la Lombardia, a cui seguono Basilicata, Friuli-Venezia Giulia, Liguria, Piemonte, Sardegna, Sicilia, Umbria e Veneto.

Referendum giustizia, dalle firme mai depositate al mutismo di Salvini (che ora grida al complotto): tutta la storia di una campagna fantasma

Referendum Giustizia – Le poche firme raccolte non sono mai state consegnate.


Idee per la Conferenza sul futuro dell’Europa

Idee da proporre ai cittadini della UE e alla Commissione UE per la Conferenza sul futuro dell’Europa

Come Più Democrazia Italia, siamo impegnati a fare conoscere la Democrazia e la Democrazia Diretta e Partecipativa in Italia.

Abbiamo scoperto che anche l’Europa ha bisogno di Più Democrazia ed abbiamo trovato forse il modo di portare aventi tali intenti anche a livello europeo, con una visione verso l’Italia e non solo, a tutti gli stati membri della UE.

Perché se la Democrazia non è adottata da tutti gli stati membri, l’Unione Europea non si può definire Democratica, non completamente.

Abbiamo trovato il sito per il Futuro dell’Europa, ed abbiamo visto che potevamo fare delle proposte, inserire delle IDEE da fare conoscere ai cittadini europei.

Abbiamo notato che ci sono molte iniziative, ed alcune sono in linea con i nostri intenti e con i 27 temi del FARE il Cambiamento.

Alcuni mancavano e li abbiamo inseriti.

Abbiamo anche notato che molte idee interessanti non hanno raggiunto molte firme, ed altre sono già in Commissione Europea.

Inizieremo a mettere in questa pagina le IDEE, le proposte, da noi inserite e vi chiediamo di sottoscriverle e renderle note al mondo inviando questa pagina od i singoli link a tutti i vostri contatti nei vari modi possibili, iniziando dai social network. Facciamo un uso responsabile e divulgativo dei social network.

In seguito, analizzeremo quante più idee già presenti per capire quali sono in linea con i nostri intenti, e le metteremo qui per avere un elenco completo, speriamo in un vostro aiuto con segnalazione di quelle che ritenete siano utili al cambiamento.

Conferenza sul futuro dell’Europa

Le idee che abbiamo proposto:

Le idee che abbiamo trovato più vicine alla Democrazia Diretta e Partecipativa

Assemblea annuale Associati 2022

Assemblea Annuale Associati indetta per il 25/01/2021

Convocazione in prima sessione per il giorno 21/01/2021, alle ore 23,55 .

In seconda sessione, convocazione per il giorno martedì 25/01/2021, dalle ore 18.30 alle ore 20.00/20.30 circa.

L’incontro si terrà, come al solito, online sul sito Jitsi Meet

Ordine del giorno.

1- Relazione del Portavoce, Tesoriere e Segretario.
2- Bilancio consuntivo 2021 e preventivo 2022.
3- Decidere  la quota associativa: mantenere la stessa o cambiarla (ora 20 €).
4- Rinnovo cariche
5- Quota Associativa Democrazy International
6- Discussione modifiche allo statuto di associazione per adattarlo all’accesso dei gruppi esterni, se serve.
7- Decisione sulle attività del “FARE il cambiamento”, come incentivare l’aggregazione e la partecipazione e come FARE ad attuare il cambiamento.
8- Varie ed eventuali.

Ricordiamo che per partecipare alle votazioni, occorre aver versato la quota di iscrizione 2022,
prima della assemblea, quindi da fare entro le 12 del 24/01/2022.

Iscrizione

Informazione libera ed indipendente

Il tema della informazione è fondamentale per la democrazia.

Lo abbiamo anche detto al momento di redigere il punto, tra i 27, per “fare il cambiamento”.

Di recente si e’ discusso di ri prendere il tema che era stato oggetto di riflessione e studio in un Meet Up.
Alla fine della discussione in quel MeetUp ( discussione dirata piu’ di un anno) era stato individuato il testo che segue come “testo condiviso”.


Questo testo puo’ servire come base di partenza per la riflessione, e ( auspicabilmente) una rivendicazione pratica e concreta sul tema: abbiamo bisogno di una informazione libera ed indipendente, non una disinformazione controllata dalle lobby dei proprietari dei media o controllata dai “politici al comando” nel caso di canali pubblici. I finanziamenti pubblici, quando esistono, devono comportare un controllo democratico da parte dei fruitori del servizio.

Qui di seguito il testo:

Riunione gruppi del 20 novembre 2021

Riunione Gruppi: FARE il cambiamento

Cari attivisti della Democrazia,

I prossimi temi degli incontri per FARE il Cambiamento saranno:

25– Strumenti di estrazione a sorte (parlamentare ed altro)
26– Sistema del VOTO DUALE (studio dell’applicazione)
27– Introduzione strumento revoca del mandato (Recall)

I 27 temi: https://www.piudemocraziaitalia.org/articoli/fare-il-cambiamento/


DATA INCONTRO:  SABATO  20/11/2021, su piattaforma on-line,
a partire dalle ore 14.00 (chiusura prevista: ore 17.00),
all’indirizzo: https://meet.jit.si/piudemocraziaitalia

Per collegarsi alla conferenza in modo attivo, occorre un browser recente ed aggiornato se si usa un Computer.

Da Telefono o Tablet, con la APP Jitsi Meet che è scaricabile:
da Google Store: https://play.google.com/store/apps/details?id=org.jitsi.meet
da Apple Store: https://apps.apple.com/us/app/jitsi-meet/id1165103905

– Il punto 24 Il sorteggio è uno strumento, un mezzo, un modo di selezionare un tipo di rappresentanza politica dei cittadini. Lo scopo a cui mira l’utilizzo di questo strumento è quello di avere una democrazia e una politica più solide, più sentite, più informate, più responsabili, più vicine alla realtà dei cittadini. Il sorteggio funziona meglio dell’elezione perché dà a tutti le stesse possibilità di partecipare, di dire la propria, di mettersi in gioco, di fare la differenza, di contribuire al benessere della comunità.
– Il punto 25 In occasione di votazioni e di elezioni, proponiamo di rendere possibile l’attribuzione di voti sia positivi che negativi ( da cui l’espressione: “voto duale”). Il metodo è possibile quando le opzioni di scelta sono almeno tre.  

– Il punto 26 La Revoca (“Recall”) è lo strumento attraverso cui gli elettori hanno la possibilità di rimuovere un rappresentante eletto per mezzo di una votazione diretta, prima che il suo mandato elettorale giunga al suo termine naturale.  Per fare ciò, è richiesto che gli elettori si attivino e procedano alla raccolta di un certo numero di firme prestabilite.
Lo strumento del “Recall” risulta pertanto essere un valido istituto, ricomprendibile nell’alveo degli strumenti di democrazia diretta, che si pone a supporto della democrazia rappresentativa e finalizzato ad accrescere la corrispondenza fra la volontà dei governati e l’azione dei governanti.
Ad oggi, il “Recall”, risulta essere utilizzato in diversi stati fra cui Svizzera, in alcuni stati degli Stati Uniti, in Colombia, in Taiwan ed altri.

Come sempre, cercheremo di fare il punto della situazione per aprire la discussione su “come attuarle il cambiamento”, viste anche le recenti modifiche
e attuazioni di alcuni dei 27 punti che sosteniamo.

Vi ricordiamo e invitiamo a dare il vostro contributo su questi temi ed a tutti gli altri, scrivendo sul forum o inviandoci via mail le vostre proposte o negli incontri in video conferenza, in modo da sviluppare gli abstract per concretizzarli, per arrivare ad un documento più programmatico e approfondimenti pratici sul come “FARE” ad attuare il tema. La chiave di questi incontri è il “FARE”, individuare i modi per “FARE”.

Anche inviando ad altri l’invito dell’incontro. Più confronto c’è, più idee verranno proposte.

Abbiamo presentato la raccolta degli abstract dei 27 temi (vedi allegato).
I temi sono stati raggruppati per categorie ed  all’interno una descrizione del lavoro svolto, con il contributo di molti di voi.
Abbiamo concretizzato parte del lavoro, con descrizioni che ci aiutano a mantenere la strada o per creare nuovi percorsi.

Questi incontri ci auguriamo siano di collaborazione con tutti voi, per costruire, tutti assieme, l’autostrada che ci porta verso l’attuazione della Democrazia. Le corsie sono i temi che ci uniscono per formare questa autostrada che percorreremo tutti assieme in collaborazione unendo le forze, sostenendoci ed aiutandoci reciprocamente, colmando quei vuoti del sapere che servono per attuare il Cambiamento.

Un tema importante è il REFERENDUM PROPOSITIVO, che  permetterebbe ai cittadini di poter fare proposte più dirette delle Leggi di Iniziativa Popolare (LIP), perché non deve aspettare che il parlamento le metta in calendario ( vi rammento che dal 1970 ad oggi, sono state presentate 262 LIP, e solo 130 trattate e solo 3 sono diventate operative, oltre al fatto che al senato, l’art.74 del regolamento, dichiara che una  LIP deve essere assegnata entro un mese e discussa entro 3 mesi, altrimenti va direttamente in calendario), ma andrebbe direttamente al voto popolare, sperando anche nel libretto informativo, essendo il quorum di partecipazione al  25% e quello di approvazione del 12,5% circa (dei SI), quindi eviterebbe astensionismo come spesso viene promosso invitando i cittadini ad andare al mare o fare altro, non facendo esprimere così la popolazione.
Referendum Propositivo nel FORUM.

Alcuni in questi mesi sono diventai realtà, vedi  “la firma digitale” che è stata accolta dal parlamento in modo anticipato, e ci sono già diverse raccolte firme digitali in attesa della modifica legata alla raccolta firme cartacea, in virtù della condanna ONU all’Italia: in tal senso sono già attive delle iniziative a sostegno di un’accelerazione di tale procedura di cambiamento da parte del Governo previste per il 2022 (almeno per la parte della raccolta digitale).

Supporto al Comitato per la rappresentanza parlamentare: Basta leggi elettorali incostituzionali

https://referendum.eutanasialegale.it/firma-digitale/
https://www.wired.it/attualita/politica/2021/09/14/referendum-firma-digitale-eutanasia-cannabis-italia/?refresh_ce=
https://www.repubblica.it/cronaca/2021/09/12/news/referendum_cannabis_raccolte_100mila_firme_in_24_ore-317513224/

Nella nostra pagina su YouTube potete visualizzare tutti gli incontri che abbiamo fatto e faremo, sui vari temi:

https://www.youtube.com/channel/UCKON9mKcKU2cGJTJl2IDk3Q

Come sapete, i temi sono stati tutti inseriti nel  FORUM , così da poter continuare con commenti e per dipanare la matassa intricata.

Quindi, ecco un calendario completo:

Raggruppamento per date mensili:

TEMIDATE Set.DATE Mensile
1– Preferenze nella legge elettorale30/01/21
2– Semplificazione raccolta firme (denuncia ONU)30/01/21
3– Legge sul conflitto di interesse30/01/21
4– Informazione libera ed indipendente come servizio pubblico06/03/21
5– Educazione civica alla democrazia ed alla partecipazione06/03/21
6– Referendum propositivo (da fare ripartire l’iter)06/03/21
7– Referendum obbligatorio10/04/21
8– Inserire strumenti partecipativi negli statuti comunali10/04/21
9– Strumenti di informazione ai cittadini nei processi decisionali (Libretto informativo etc..)”10/04/21
10– Quorum zero o limitato per le votazioni popolari17/04/2115/05/21
11– Sistema Elettorale Proporzionale24/04/2115/05/21
12– Assicurare l’Iter parlamentare delle LIP (Leggi Iniziativa Popolare)08/05/2115/05/21
13– Implementazione di strumenti di democrazia partecipativa29/05/2118/09/21
14– Federalismo29/05/2118/09/21
15– Regolamentazione democratica negli statuti dei partiti05/06/2118/09/21
16– Assemblee dei cittadini05/06/2109/10/21
17– Preferenze anche disgiunte04/09/2109/10/21
18– Attuazione delle norme in materia di trasparenza04/09/2109/10/21
19– Sfiducia Costruttiva25/09/2123/10/21
20– Primarie aperte25/09/2123/10/21
21– Verifica di legittimità costituzionale sulle leggi elettorali29/05/2123/10/21
22– Governi collegiali e rappresentativi05/06/2106/11/21
23– Potenziare gli strumenti degli organi di garanzia25/09/2106/11/21
24– Estendere il potere legislativo ai cittadini mediante revisione art. 70 cost.08/05/2106/11/21
25– Strumenti di estrazione a sorte (parlamentare ed altro)04/09/2120/11/21
26– Sistema del VOTO DUALE (studio dell’applicazione)17/04/2120/11/21
27– Introduzione strumento revoca del mandato (Recall)24/04/2120/11/21

Presentazione delle linee guida utilizzate per la creazione di un libretto/opuscolo informativo in stile Svizzero usato per i Referendum

Cari cittadini,

vi invitiamo a partecipare ad una presentazione delle linee guida utilizzate per la creazione di un libretto/opuscolo informativo in stile Svizzero, in realtà diffuso in tutto il mondo dove esiste al Democrazia Diretta e dove viene usato il libretto informativo (Oregon, California, Taiwan ed altri) per informare i cittadini sugli argomenti a favore del SI e a favore del NO sui diversi temi.

In molti di questi paesi esiste una apposita commissione che redige il libretto, in altri vengono chiamati cittadini estratti a sorte.

Ci apprestiamo a redigere gli opuscoli informativi auspicando la collaborazione di molti di voi, dato il grande numero di quesiti referendari.

DATA INCONTRO: MARTEDI 30/11/2021, su piattaforma on-line,
a partire dalle ore 18.30 (chiusura prevista: ore 20.00),
all’indirizzo: https://meet.jit.si/piudemocraziaitalia

Qui sotto il link della guida già scritta sulla quale sarà basato il corso, vi invitiamo a prenderne visione.

Indicazioni per la redazione del “Libretto delle votazioni”, detto anche “Opuscolo informativo”

Qui sotto il link al nostro Libretto/Opuscolo Informativo sul referendum sul taglio dei parlamentari del 2020, la cui possibilità di invio ai cittadini venne discussa ed approvata in parlamento.

Libretto informativo Referendum 2020 sul taglio dei parlamentari

Video Radio One Five: intervista Live con il console di Basilea che parla del nostro opuscolo/libretto informativo sul referendum del 2020 sul taglio dei parlamentari

Riunione gruppi del 6 novembre 2021

Riunione Gruppi: FARE il cambiamento

I prossimi temi degli incontri per FARE il Cambiamento saranno: 

22– Governi collegiali e rappresentativi
23– Potenziare gli strumenti degli organi di garanzia
24– Estendere il potere legislativo ai cittadini mediante revisione art. 70 cost.


I 27 temi: https://www.piudemocraziaitalia.org/articoli/fare-il-cambiamento/


DATA INCONTRO:  SABATO  06/11/2021, su piattaforma on-line,
a partire dalle ore 14.00 (chiusura prevista: ore 17.00),
all’indirizzo: https://meet.jit.si/piudemocraziaitalia

Per collegarsi alla conferenza in modo attivo, occorre un browser recente ed aggiornato se si usa un Computer.

Da Telefono o Tablet, con la APP Jitsi Meet che è scaricabile:
da Google Store: https://play.google.com/store/apps/details?id=org.jitsi.meet
da Apple Store: https://apps.apple.com/us/app/jitsi-meet/id1165103905

– Il punto 22  I governi collegiali sono quelli nei quali sono presenti rappresentanti di tutte le forze politiche presenti nel Parlamento. Anche l’esecutivo risulta quindi rappresentativo degli elettori. Si cancella la contrapposizione tra maggioranza e l’ «opposizione» che si oppone a prescindere. Leggi e delibere vengono votate o approvate solo in base al loro contenuto.

– Il punto 23   Consiste nel potenziare le  figure di garanzie dei diritti fondamentali quali il Difensore Civico, il Garante dei diritti dei detenuti, il Garante dei diritti dei minori, le Commissioni per le pari opportunità, il Comitato per la garanzia delle comunicazioni, etc.
Tutte queste figure non sono sufficientemente valorizzate in termini di visibilità, accessibilità, dotazione di risorse, autonomia d’azione e funzioni sanzionatorie di fronti a fatti palesemente illegittimi o a casi di “maladministration”.
In generale mancano gli strumenti per assicurare la salvaguardia dello stato di diritto e i principi fondamentali dell’ordinamento democratico.

– Il punto 24  Consiste nel coinvolgere maggiormente i cittadini nel processo legislativo.
Nelle precedenti conferenze si è arrivati a capire che non serve , forse, modificare l’art. 70, visto che l’art., 71 recita:
“L’iniziativa delle leggi appartiene al Governo [cfr. art. 87 c. 4], a ciascun membro delle Camere ed agli organi ed enti ai quali sia conferita da legge costituzionale [cfr. artt. 99 c. 3, 121 c. 2].
Il popolo esercita l’iniziativa delle leggi, mediante la proposta, da parte di almeno cinquantamila elettori, di un progetto redatto in articoli.”

Quindi si parla di LIP.

Parliamone assieme.

Incontro successivo 20/11/2021

25– Strumenti di estrazione a sorte (parlamentare ed altro)
26– Sistema del VOTO DUALE (studio dell’applicazione)
27– Introduzione strumento revoca del mandato (Recall)

Come sempre, cercheremo di fare il punto della situazione per aprire la discussione su “come attuarle il cambiamento”, viste anche le recenti modifiche
e attuazioni di alcuni dei 27 punti che sosteniamo.

Vi ricordiamo e invitiamo a dare il vostro contributo su questi temi ed a tutti gli altri, scrivendo sul forum o inviandoci via mail le vostre proposte o negli incontri in video conferenza, in modo da sviluppare gli abstract per concretizzarli, per arrivare ad un documento più programmatico e approfondimenti pratici sul come “FARE” ad attuare il tema. La chiave di questi incontri è il “FARE”, individuare i modi per “FARE”.

Anche inviando ad altri l’invito dell’incontro. Più confronto c’è, più idee verranno proposte.

Abbiamo presentato la raccolta degli abstract dei 27 temi (vedi allegato).
I temi sono stati raggruppati per categorie ed  all’interno una descrizione del lavoro svolto, con il contributo di molti di voi.
Abbiamo concretizzato parte del lavoro, con descrizioni che ci aiutano a mantenere la strada o per creare nuovi percorsi.

Questi incontri ci auguriamo siano di collaborazione con tutti voi, per costruire, tutti assieme, l’autostrada che ci porta verso l’attuazione della Democrazia. Le corsie sono i temi che ci uniscono per formare questa autostrada che percorreremo tutti assieme in collaborazione unendo le forze, sostenendoci ed aiutandoci reciprocamente, colmando quei vuoti del sapere che servono per attuare il Cambiamento.

Un tema importante è il REFERENDUM PROPOSITIVO, che  permetterebbe ai cittadini di poter fare proposte più dirette delle Leggi di Iniziativa Popolare (LIP), perché non deve aspettare che il parlamento le metta in calendario ( vi rammento che dal 1970 ad oggi, sono state presentate 262 LIP, e solo 130 trattate e solo 3 sono diventate operative, oltre al fatto che al senato, l’art.74 del regolamento, dichiara che una  LIP deve essere assegnata entro un mese e discussa entro 3 mesi, altrimenti va direttamente in calendario), ma andrebbe direttamente al voto popolare, sperando anche nel libretto informativo, essendo il quorum di partecipazione al  25% e quello di approvazione del 12,5% circa (dei SI), quindi eviterebbe astensionismo come spesso viene promosso invitando i cittadini ad andare al mare o fare altro, non facendo esprimere così la popolazione. Referendum Propositivo nel FORUM.

Alcuni in questi mesi sono diventai realtà, vedi  “la firma digitale” che è stata accolta dal parlamento in modo anticipato, e ci sono già diverse raccolte firme digitali in attesa della modifica legata alla raccolta firme cartacea, in virtù della condanna ONU all’Italia: in tal senso sono già attive delle iniziative a sostegno di un’accelerazione di tale procedura di cambiamento da parte del Governo previste per il 2022 (almeno per la parte della raccolta digitale).

Supporto al Comitato per la rappresentanza parlamentare: Basta leggi elettorali incostituzionali

https://referendum.eutanasialegale.it/firma-digitale/
https://www.wired.it/attualita/politica/2021/09/14/referendum-firma-digitale-eutanasia-cannabis-italia/?refresh_ce=
https://www.repubblica.it/cronaca/2021/09/12/news/referendum_cannabis_raccolte_100mila_firme_in_24_ore-317513224/

Nella nostra pagina su YouTube potete visualizzare tutti gli incontri che abbiamo fatto e faremo, sui vari temi:

https://www.youtube.com/channel/UCKON9mKcKU2cGJTJl2IDk3Q

Come sapete, i temi sono stati tutti inseriti nel  FORUM , così da poter continuare con commenti e per dipanare la matassa intricata.

Quindi, ecco un calendario completo:

Raggruppamento per date mensili:

TEMIDATE Set.DATE Mensile
1– Preferenze nella legge elettorale30/01/21
2– Semplificazione raccolta firme (denuncia ONU)30/01/21
3– Legge sul conflitto di interesse30/01/21
4– Informazione libera ed indipendente come servizio pubblico06/03/21
5– Educazione civica alla democrazia ed alla partecipazione06/03/21
6– Referendum propositivo (da fare ripartire l’iter)06/03/21
7– Referendum obbligatorio10/04/21
8– Inserire strumenti partecipativi negli statuti comunali10/04/21
9– Strumenti di informazione ai cittadini nei processi decisionali (Libretto informativo etc..)”10/04/21
10– Quorum zero o limitato per le votazioni popolari17/04/2115/05/21
11– Sistema Elettorale Proporzionale24/04/2115/05/21
12– Assicurare l’Iter parlamentare delle LIP (Leggi Iniziativa Popolare)08/05/2115/05/21
13– Implementazione di strumenti di democrazia partecipativa29/05/2118/09/21
14– Federalismo29/05/2118/09/21
15– Regolamentazione democratica negli statuti dei partiti05/06/2118/09/21
16– Assemblee dei cittadini05/06/2109/10/21
17– Preferenze anche disgiunte04/09/2109/10/21
18– Attuazione delle norme in materia di trasparenza04/09/2109/10/21
19– Sfiducia Costruttiva25/09/2123/10/21
20– Primarie aperte25/09/2123/10/21
21– Verifica di legittimità costituzionale sulle leggi elettorali29/05/2123/10/21
22– Governi collegiali e rappresentativi05/06/2106/11/21
23– Potenziare gli strumenti degli organi di garanzia25/09/2106/11/21
24– Estendere il potere legislativo ai cittadini mediante revisione art. 70 cost.08/05/2106/11/21
25– Strumenti di estrazione a sorte (parlamentare ed altro)04/09/2120/11/21
26– Sistema del VOTO DUALE (studio dell’applicazione)17/04/2120/11/21
27– Introduzione strumento revoca del mandato (Recall)24/04/2120/11/21

Riunione gruppi del 23 ottobre 2021

Riunione Gruppi: FARE il cambiamento


I prossimi temi degli incontri per FARE il Cambiamento saranno:

19– Sfiducia Costruttiva
20– Primarie aperte
21– Verifica di legittimità costituzionale sulle leggi elettorali


I 27 temi: https://www.piudemocraziaitalia.org/articoli/fare-il-cambiamento/


DATA INCONTRO:  SABATO  23/10/2021, su piattaforma on-line,
a partire dalle ore 14.00 (chiusura prevista: ore 17.00),
all’indirizzo: https://meet.jit.si/piudemocraziaitalia

Per collegarsi alla conferenza in modo attivo, occorre un browser recente ed aggiornato se si usa un Computer.

Da Telefono o Tablet, con la APP Jitsi Meet che è scaricabile da:
Google Store: https://play.google.com/store/apps/details?id=org.jitsi.meet
Apple Store: https://apps.apple.com/us/app/jitsi-meet/id1165103905

– Il punto 19 Consiste nell’impossibilità di “minacciare di fare cadere” un governo votando la sfiducia o privandolo della “maggioranza” senza, al tempo stesso, avere un altro governo che possa sostituire il precedente (eliminare la possibilità di porre la fiducia forzando l’approvazione di una legge, potrebbe essere una soluzione che contribuirebbe a cercare consenso discutendo tra tutti i parlamentari [maggioranza e opposizione], avvicinandoci a quello che è la ricaduta di un “Governo Collegiale” )

– Il punto 20 Consistente nel fatto che i candidati presenti nelle liste elettorali dei partiti vengano definiti dagli elettori e le «preferenze libere» consistenti nel fatto che al momento dell’elezione gli elettori possano votare anche per persone non presenti nelle liste e tra i candidati

– Il punto 21   Consiste nel fare si che le leggi più importanti, siano verificate sulla legittimità costituzionale prima di essere promulgate ed entrare in vigore. L’applicazione di alcune leggi possono implicare conseguenze gravi e durature nel tempo
(ad esempio le leggi elettorali, proposte referendarie o altre proposte che implicano la partecipazione dei cittadini)

Prossimo incontro 06/11/2021

22– Governi collegiali e rappresentativi
23– Potenziare gli strumenti degli organi di garanzia
24– Estendere il potere legislativo ai cittadini mediante revisione art. 70 cost.

Incontro successivo 20/11/2021

25– Strumenti di estrazione a sorte (parlamentare ed altro)
26– Sistema del VOTO DUALE (studio dell’applicazione)
27– Introduzione strumento revoca del mandato (Recall)

Come sempre, cercheremo di fare il punto della situazione per aprire la discussione su “come attuarle il cambiamento”, viste anche le recenti modifiche
e attuazioni di alcuni dei 27 punti che sosteniamo.

Vi ricordiamo e invitiamo a dare il vostro contributo su questi temi ed a tutti gli altri, scrivendo sul forum o inviandoci via mail le vostre proposte o negli incontri in video conferenza, in modo da sviluppare gli abstract per concretizzarli, per arrivare ad un documento più programmatico e approfondimenti pratici sul come “FARE” ad attuare il tema. La chiave di questi incontri è il “FARE”, individuare i modi per “FARE”.

Abbiamo presentato la raccolta degli abstract dei 27 temi (vedi allegato).
I temi sono stati raggruppati per categorie ed  all’interno una descrizione del lavoro svolto, con il contributo di molti di voi.
Abbiamo concretizzato parte del lavoro, con descrizioni che ci aiutano a mantenere la strada o per creare nuovi percorsi.

Questi incontri ci auguriamo siano di collaborazione con tutti voi, per costruire, tutti assieme, l’autostrada che ci porta verso l’attuazione della Democrazia. Le corsie sono i temi che ci uniscono per formare questa autostrada che percorreremo tutti assieme in collaborazione unendo le forze, sostenendoci ed aiutandoci reciprocamente, colmando quei vuoti del sapere che servono per attuare il Cambiamento.

Vi ricordiamo che alcuni temi sono da affrontare e FARE prima di altri, se vogliamo che tutti gli altri abbiano una possibilità maggiore di essere “attivati” in tempi più brevi del normale o mai.

Uno di questi è il REFERENDUM PROPOSITIVO, che  permetterebbe ai cittadini di poter fare proposte più dirette delle Leggi di Iniziativa Popolare (LIP), perché non deve aspettare che il parlamento le metta in calendario ( vi rammento che dal 1970 ad oggi, sono state presentate 262 LIP, e solo 130 trattate e solo 3 sono diventate operative, oltre al fatto che al senato, l’art.74 del regolamento, dichiara che una  LIP deve essere assegnata entro un mese e discussa entro 3 mesi, altrimenti va direttamente in calendario), ma andrebbe direttamente al voto popolare, sperando anche nel libretto informativo, essendo il quorum di partecipazione al  25% e quello di approvazione del 12,5% circa (dei SI), quindi eviterebbe astensionismo come spesso viene promosso invitando i cittadini ad andare al mare o fare altro, non facendo esprimere così la popolazione. Referendum Propositivo nel FORUM.

Alcuni in questi mesi sono diventai realtà, vedi  “la firma digitale” che è stata accolta dal parlamento in modo anticipato, e ci sono già diverse raccolte firme digitali in attesa della modifica legata alla raccolta firme cartacea, in virtù della condanna ONU all’Italia: in tal senso sono già attive delle iniziative a sostegno di un’accelerazione di tale procedura di cambiamento da parte del Governo previste per il 2022 (almeno per la parte della raccolta digitale).

Supporto al Comitato per la rappresentanza parlamentare: Basta leggi elettorali incostituzionali

https://referendum.eutanasialegale.it/firma-digitale/
https://www.wired.it/attualita/politica/2021/09/14/referendum-firma-digitale-eutanasia-cannabis-italia/?refresh_ce=
https://www.repubblica.it/cronaca/2021/09/12/news/referendum_cannabis_raccolte_100mila_firme_in_24_ore-317513224/

Nella nostra pagina su YouTube potete visualizzare tutti gli incontri che abbiamo fatto e faremo, sui vari temi:

https://www.youtube.com/channel/UCKON9mKcKU2cGJTJl2IDk3Q

Come sapete, i temi sono stati tutti inseriti nel  FORUM , così da poter continuare con commenti e per dipanare la matassa intricata.

Quindi, ecco un calendario completo:

Raggruppamento per date mensili:

TEMIDATE Set.DATE Mensile
1– Preferenze nella legge elettorale30/01/21
2– Semplificazione raccolta firme (denuncia ONU)30/01/21
3– Legge sul conflitto di interesse30/01/21
4– Informazione libera ed indipendente come servizio pubblico06/03/21
5– Educazione civica alla democrazia ed alla partecipazione06/03/21
6– Referendum propositivo (da fare ripartire l’iter)06/03/21
7– Referendum obbligatorio10/04/21
8– Inserire strumenti partecipativi negli statuti comunali10/04/21
9– Strumenti di informazione ai cittadini nei processi decisionali (Libretto informativo etc..)”10/04/21
10– Quorum zero o limitato per le votazioni popolari17/04/2115/05/21
11– Sistema Elettorale Proporzionale24/04/2115/05/21
12– Assicurare l’Iter parlamentare delle LIP (Leggi Iniziativa Popolare)08/05/2115/05/21
13– Implementazione di strumenti di democrazia partecipativa29/05/2118/09/21
14– Federalismo29/05/2118/09/21
15– Regolamentazione democratica negli statuti dei partiti05/06/2118/09/21
16– Assemblee dei cittadini05/06/2109/10/21
17– Preferenze anche disgiunte04/09/2109/10/21
18– Attuazione delle norme in materia di trasparenza04/09/2109/10/21
19– Sfiducia Costruttiva25/09/2123/10/21
20– Primarie aperte25/09/2123/10/21
21– Verifica di legittimità costituzionale sulle leggi elettorali29/05/2123/10/21
22– Governi collegiali e rappresentativi05/06/2106/11/21
23– Potenziare gli strumenti degli organi di garanzia25/09/2106/11/21
24– Estendere il potere legislativo ai cittadini mediante revisione art. 70 cost.08/05/2106/11/21
25– Strumenti di estrazione a sorte (parlamentare ed altro)04/09/2120/11/21
26– Sistema del VOTO DUALE (studio dell’applicazione)17/04/2120/11/21
27– Introduzione strumento revoca del mandato (Recall)24/04/2120/11/21

Riunione gruppi del 9 ottobre 2021

Riunione Gruppi: FARE il cambiamento

I prossimi temi degli incontri settimanali per FARE il Cambiamento sono: 

16– Assemblee dei cittadini
17– Preferenze anche disgiunte
18– Attuazione delle norme in materia di trasparenza

I 27 temi: https://www.piudemocraziaitalia.org/articoli/fare-il-cambiamento/


DATA INCONTRO:  SABATO  9/10/2021, su piattaforma on-line,
a partire dalle ore 14.00 (chiusura prevista: ore 17.00),
all’indirizzo: https://meet.jit.si/piudemocraziaitalia

– Il punto 16 Consiste nel dare voce ai cittadini con  incontri a tema decisi dai cittadini per migliorare e/o cambiare leggi esisiteni o proporne di nuove.

– Il punto 17 consiste nel poter attribuire le preferenze a candidati presenti in liste di partiti diversi.

– Il punto 18  Anche la Comunità Europea ha redatto delle raccomandazioni per il rafforzamento della trasparenza nel documento dal titolo: “Codice di buona condotta amministrativa”.

Prossimo incontro 23/10/2021

19– Sfiducia Costruttiva
20– Primarie aperte
21– Verifica di legittimità costituzionale sulle leggi elettorali

Per collegarsi alla conferenza in modo attivo, occorre un browser recente ed aggiornato se si usa un Computer.

Da Telefono o Tablet, con la APP Jitsi Meet che è scaricabile:

Da Google Store: https://play.google.com/store/apps/details?id=org.jitsi.meet

Da Apple Store: https://apps.apple.com/us/app/jitsi-meet/id1165103905

Vi ricordiamo e invitiamo a dare il vostro contributo su questi temi ed a tutti gli altri, scrivendo sul forum o inviandoci via mail le vostre proposte o negli incontri in video conferenza, in modo da sviluppare gli abstract per concretizzarli, per arrivare ad un documento più programmatico e approfondimenti pratici sul come “FARE” ad attuare il tema. La chiave di questi incontri è il “FARE”, individuare i modi per “FARE”.

Abbiamo presentato la raccolta degli abstract dei 27 temi (vedi allegato).
I temi sono stati raggruppati per categorie ed  all’interno una descrizione del lavoro svolto, con il contributo di molti di voi.
Abbiamo concretizzato parte del lavoro, con descrizioni che ci aiutano a mantenere la strada o per creare nuovi percorsi.

Questi incontri ci auguriamo siano di collaborazione con tutti voi, per costruire, tutti assieme, l’autostrada che ci porta verso l’attuazione della Democrazia. Le corsie sono i temi che ci uniscono per formare questa autostrada che percorreremo tutti assieme in collaborazione unendo le forze, sostenendoci ed aiutandoci reciprocamente, colmando quei vuoti del sapere che servono per attuare il Cambiamento.

Vi ricordiamo che alcuni temi sono da affrontare e FARE prima di altri, se vogliamo che tutti gli altri abbiano una possibilità maggiore di essere “attivati” in tempi più brevi del normale o mai.

Uno di questo è il REFERENDUM PROPOSITIVO, che  permetterebbe ai cittadini di poter fare proposte più dirette delle Leggi di Iniziativa Popolare (LIP), perché non deve aspettare che il parlamento le metta in calendario ( vi rammento che dal 1970 ad oggi, sono state presentate 262 LIP, e solo 130 trattate e solo 3 sono diventate operative, oltre al fatto che al senato, l’art.74 del regolamento, dichiara che una  LIP deve essere assegnata entro un mese e discussa entro 3 mesi, altrimenti va direttamente in calendario), ma andrebbe direttamente al voto popolare, sperando anche nel libretto informativo, essendo il quorum di partecipazione al  25% e quello di approvazione del 12,5% circa (dei SI), quindi eviterebbe astensionismo come spesso viene promosso invitando i cittadini ad andare al mare o fare altro, non facendo esprimere così la popolazione.
Referendum Propositivo nel FORUM.

Alcuni in questi mesi sono diventai realtà, vedi  “la firma digitale” che è stata accolta dal parlamento in modo anticipato, e ci sono già diverse raccolte firme digitali in attesa della modifica legata alla raccolta firme cartacea, in virtù della condanna ONU all’Italia: in tal senso sono già attive delle iniziative a sostegno di un’accelerazione di tale procedura di cambiamento da parte del Governo previste per il 2022 (almeno per la parte della raccolta digitale).

Supporto al Comitato per la rappresentanza parlamentare: Basta leggi elettorali incostituzionali

https://referendum.eutanasialegale.it/firma-digitale/
https://www.wired.it/attualita/politica/2021/09/14/referendum-firma-digitale-eutanasia-cannabis-italia/?refresh_ce=
https://www.repubblica.it/cronaca/2021/09/12/news/referendum_cannabis_raccolte_100mila_firme_in_24_ore-317513224/

Nella nostra pagina su YouTube potete visualizzare tutti gli incontri che abbiamo fatto e faremo, sui vari temi:

https://www.youtube.com/channel/UCKON9mKcKU2cGJTJl2IDk3Q

Come sapete, i temi sono stati tutti inseriti nel  FORUM , così da poter continuare con commenti e per dipanare la matassa intricata.

Prossimo incontro 23/10/2021

19– Sfiducia Costruttiva
20– Primarie aperte
21– Verifica di legittimità costituzionale sulle leggi elettorali

Quindi, ecco un calendario completo:

Raggruppamento per date settimanali:

TEMIDATE Set.DATE Mensile
10– Quorum zero o limitato per le votazioni popolari17/04/2115/05/21
26– Sistema del VOTO DUALE (studio dell’applicazione)17/04/2111/12/21
11– Sistema Elettorale Proporzionale24/04/2115/05/21
27– Introduzione strumento revoca del mandato (Recall)24/04/2111/12/21
12– Assicurare l’Iter parlamentare delle LIP (Leggi Iniziativa Popolare)08/05/2115/05/21
24– Estendere il potere legislativo ai cittadini mediante revisione art. 70 cost.08/05/2113/11/21
13– Implementazione di strumenti di democrazia partecipativa29/05/2118/09/21
14– Federalismo29/05/2118/09/21
21– Verifica di legittimità costituzionale sulle leggi elettorali29/05/2123/10/21
15– Regolamentazione democratica negli statuti dei partiti12/06/2118/09/21
16– Assemblee dei cittadini12/06/2109/10/21
22– Governi collegiali e rappresentativi12/06/2113/11/21
17– Preferenze anche disgiunte04/09/2109/10/21
18– Attuazione delle norme in materia di trasparenza04/09/2109/10/21
25– Strumenti di estrazione a sorte (parlamentare ed altro)04/09/2111/12/21
19– Sfiducia Costruttiva25/09/2123/10/21
20– Primarie aperte25/09/2123/10/21
23– Potenziare gli strumenti degli organi di garanzia25/09/2113/11/21
1– Preferenze nella legge elettorale30/01/21
2– Semplificazione raccolta firme (denuncia ONU)30/01/21
3– Legge sul conflitto di interesse30/01/21
4– Informazione libera ed indipendente come servizio pubblico06/03/21
5– Educazione civica alla democrazia ed alla partecipazione06/03/21
6– Referendum propositivo (da fare ripartire l’iter)06/03/21
7– Referendum obbligatorio10/04/21
8– Inserire strumenti partecipativi negli statuti comunali10/04/21
9– Strumenti di informazione ai cittadini nei processi decisionali (Libretto informativo etc..)”10/04/21

Raggruppamento per date mensili:

TEMIDATE Set.DATE Mensile
1– Preferenze nella legge elettorale30/01/21
2– Semplificazione raccolta firme (denuncia ONU)30/01/21
3– Legge sul conflitto di interesse30/01/21
4– Informazione libera ed indipendente come servizio pubblico06/03/21
5– Educazione civica alla democrazia ed alla partecipazione06/03/21
6– Referendum propositivo (da fare ripartire l’iter)06/03/21
7– Referendum obbligatorio10/04/21
8– Inserire strumenti partecipativi negli statuti comunali10/04/21
9– Strumenti di informazione ai cittadini nei processi decisionali (Libretto informativo etc..)”10/04/21
10– Quorum zero o limitato per le votazioni popolari17/04/2115/05/21
11– Sistema Elettorale Proporzionale24/04/2115/05/21
12– Assicurare l’Iter parlamentare delle LIP (Leggi Iniziativa Popolare)08/05/2115/05/21
13– Implementazione di strumenti di democrazia partecipativa29/05/2118/09/21
14– Federalismo29/05/2118/09/21
15– Regolamentazione democratica negli statuti dei partiti05/06/2118/09/21
16– Assemblee dei cittadini05/06/2109/10/21
17– Preferenze anche disgiunte04/09/2109/10/21
18– Attuazione delle norme in materia di trasparenza04/09/2109/10/21
19– Sfiducia Costruttiva25/09/2123/10/21
20– Primarie aperte25/09/2123/10/21
21– Verifica di legittimità costituzionale sulle leggi elettorali29/05/2123/10/21
22– Governi collegiali e rappresentativi05/06/2113/11/21
23– Potenziare gli strumenti degli organi di garanzia25/09/2113/11/21
24– Estendere il potere legislativo ai cittadini mediante revisione art. 70 cost.08/05/2113/11/21
25– Strumenti di estrazione a sorte (parlamentare ed altro)04/09/2111/12/21
26– Sistema del VOTO DUALE (studio dell’applicazione)17/04/2111/12/21
27– Introduzione strumento revoca del mandato (Recall)24/04/2111/12/21

Riunione gruppi del 25 settembre 2021

Riunione Gruppi: FARE il cambiamento

I prossimi temi degli incontri settimanali per FARE il Cambiamento sono: 


19– Sfiducia Costruttiva
20– Primarie aperte
23– Potenziare gli strumenti degli organi di garanzia

I 27 temi: https://www.piudemocraziaitalia.org/articoli/fare-il-cambiamento/


DATA INCONTRO:  SABATO  25/09/2021, su piattaforma on-line,
a partire dalle ore 14.00 (chiusura prevista: ore 17.00),
all’indirizzo: https://meet.jit.si/piudemocraziaitalia

– Il punto 19 Consiste nell’impossibilità di “fare cadere ” un governo  votando la sfiducia o privandolo della “maggioranza” senza al tempo stesso avere un altro governo che possa sostituire il precedente.

– Il punto 20 consiste nel fatto che i candidati presenti nelle liste elettorali dei partiti vengano definiti dagli elettori

– Il punto 23  consiste nel  valorizzate in termini di visibilità, accessibilità, dotazione di risorse, autonomia d’azione e funzioni sanzionatorie di fronte a fatti palesemente illegittimi
o a casi di “maladministration”, le figure di garanzie dei diritti fondamentali.
In generale mancano gli strumenti per assicurare la salvaguardia dello stato di diritto e i principi fondamentali dell’ordinamento democratico.

Prossimo incontro 09/10/2021

16– Assemblee dei cittadini
17– Preferenze anche disgiunte
18– Attuazione delle norme in materia di trasparenza

Per collegarsi alla conferenza in modo attivo, occorre un browser recente ed aggiornato se si usa un Computer.

Da Telefono o Tablet, con la APP Jitsi Meet che è scaricabile:

Da Google Store: https://play.google.com/store/apps/details?id=org.jitsi.meet

Da Apple Store: https://apps.apple.com/us/app/jitsi-meet/id1165103905

Vi ricordiamo e invitiamo a dare il vostro contributo su questi temi ed a tutti gli altri, scrivendo sul forum o inviandoci via mail le vostre proposte o negli incontri in video conferenza, in modo da sviluppare gli abstract per concretizzarli, per arrivare ad un documento più programmatico e approfondimenti pratici sul come “FARE” ad attuare il tema. La chiave di questi incontri è il “FARE”, individuare i modi per “FARE”.

Abbiamo presentato la raccolta degli abstract dei 27 temi (vedi allegato).
I temi sono stati raggruppati per categorie ed  all’interno una descrizione del lavoro svolto, con il contributo di molti di voi.
Abbiamo concretizzato parte del lavoro, con descrizioni che ci aiutano a mantenere la strada o per creare nuovi percorsi.

Questi incontri ci auguriamo siano di collaborazione con tutti voi, per costruire, tutti assieme, l’autostrada che ci porta verso l’attuazione della Democrazia. Le corsie sono i temi che ci uniscono per formare questa autostrada che percorreremo tutti assieme in collaborazione unendo le forze, sostenendoci ed aiutandoci reciprocamente, colmando quei vuoti del sapere che servono per attuare il Cambiamento.

Vi ricordiamo che alcuni temi sono da affrontare e FARE prima di altri, se vogliamo che tutti gli altri abbiano una possibilità maggiore di essere “attivati” in tempi più brevi del normale o mai.

Uno di questo è il REFERENDUM PROPOSITIVO, che  permetterebbe ai cittadini di poter fare proposte più dirette delle Leggi di Iniziativa Popolare (LIP), perché non deve aspettare che il parlamento le metta in calendario ( vi rammento che dal 1970 ad oggi, sono state presentate 262 LIP, e solo 130 trattate e solo 3 sono diventate operative, oltre al fatto che al senato, l’art.74 del regolamento, dichiara che una  LIP deve essere assegnata entro un mese e discussa entro 3 mesi, altrimenti va direttamente in calendario), ma andrebbe direttamente al voto popolare, sperando anche nel libretto informativo, essendo il quorum di partecipazione al  25% e quello di approvazione del 12,5% circa (dei SI), quindi eviterebbe astensionismo come spesso viene promosso invitando i cittadini ad andare al mare o fare altro, non facendo esprimere così la popolazione. Referendum Propositivo nel FORUM.

Alcuni in questi mesi sono diventai realtà, vedi  “la firma digitale” che è stata accolta dal parlamento in modo anticipato, e ci sono già diverse raccolte firme digitali in attesa della modifica legata alla raccolta firme cartacea, in virtù della condanna ONU all’Italia: in tal senso sono già attive delle iniziative a sostegno di un’accelerazione di tale procedura di cambiamento da parte del Governo previste per il 2022 (almeno per la parte della raccolta digitale).

Supporto al Comitato per la rappresentanza parlamentare: Basta leggi elettorali incostituzionali

https://www.repubblica.it/cronaca/2021/09/12/news/referendum_cannabis_raccolte_100mila_firme_in_24_ore-317513224/

Nella nostra pagina su YouTube potete visualizzare tutti gli incontri che abbiamo fatto e faremo, sui vari temi:

https://www.youtube.com/channel/UCKON9mKcKU2cGJTJl2IDk3Q

Come sapete, i temi sono stati tutti inseriti nel  FORUM , così da poter continuare con commenti e per dipanare la matassa intricata.

Prossimo incontro 09/10/2021

16– Assemblee dei cittadini
17– Preferenze anche disgiunte
18– Attuazione delle norme in materia di trasparenza

Quindi, ecco un calendario completo:

Raggruppamento per date settimanali:

TEMIDATE Set.DATE Mensile
10– Quorum zero o limitato per le votazioni popolari17/04/2115/05/21
26– Sistema del VOTO DUALE (studio dell’applicazione)17/04/2111/12/21
11– Sistema Elettorale Proporzionale24/04/2115/05/21
27– Introduzione strumento revoca del mandato (Recall)24/04/2111/12/21
12– Assicurare l’Iter parlamentare delle LIP (Leggi Iniziativa Popolare)08/05/2115/05/21
24– Estendere il potere legislativo ai cittadini mediante revisione art. 70 cost.08/05/2113/11/21
13– Implementazione di strumenti di democrazia partecipativa29/05/2118/09/21
14– Federalismo29/05/2118/09/21
21– Verifica di legittimità costituzionale sulle leggi elettorali29/05/2123/10/21
15– Regolamentazione democratica negli statuti dei partiti12/06/2118/09/21
16– Assemblee dei cittadini12/06/2109/10/21
22– Governi collegiali e rappresentativi12/06/2113/11/21
17– Preferenze anche disgiunte04/09/2109/10/21
18– Attuazione delle norme in materia di trasparenza04/09/2109/10/21
25– Strumenti di estrazione a sorte (parlamentare ed altro)04/09/2111/12/21
19– Sfiducia Costruttiva25/09/2123/10/21
20– Primarie aperte25/09/2123/10/21
23– Potenziare gli strumenti degli organi di garanzia25/09/2113/11/21
1– Preferenze nella legge elettorale30/01/21
2– Semplificazione raccolta firme (denuncia ONU)30/01/21
3– Legge sul conflitto di interesse30/01/21
4– Informazione libera ed indipendente come servizio pubblico06/03/21
5– Educazione civica alla democrazia ed alla partecipazione06/03/21
6– Referendum propositivo (da fare ripartire l’iter)06/03/21
7– Referendum obbligatorio10/04/21
8– Inserire strumenti partecipativi negli statuti comunali10/04/21
9– Strumenti di informazione ai cittadini nei processi decisionali (Libretto informativo etc..)”10/04/21

Raggruppamento per date mensili:

TEMIDATE Set.DATE Mensile
1– Preferenze nella legge elettorale30/01/21
2– Semplificazione raccolta firme (denuncia ONU)30/01/21
3– Legge sul conflitto di interesse30/01/21
4– Informazione libera ed indipendente come servizio pubblico06/03/21
5– Educazione civica alla democrazia ed alla partecipazione06/03/21
6– Referendum propositivo (da fare ripartire l’iter)06/03/21
7– Referendum obbligatorio10/04/21
8– Inserire strumenti partecipativi negli statuti comunali10/04/21
9– Strumenti di informazione ai cittadini nei processi decisionali (Libretto informativo etc..)”10/04/21
10– Quorum zero o limitato per le votazioni popolari17/04/2115/05/21
11– Sistema Elettorale Proporzionale24/04/2115/05/21
12– Assicurare l’Iter parlamentare delle LIP (Leggi Iniziativa Popolare)08/05/2115/05/21
13– Implementazione di strumenti di democrazia partecipativa29/05/2118/09/21
14– Federalismo29/05/2118/09/21
15– Regolamentazione democratica negli statuti dei partiti05/06/2118/09/21
16– Assemblee dei cittadini05/06/2109/10/21
17– Preferenze anche disgiunte04/09/2109/10/21
18– Attuazione delle norme in materia di trasparenza04/09/2109/10/21
19– Sfiducia Costruttiva25/09/2123/10/21
20– Primarie aperte25/09/2123/10/21
21– Verifica di legittimità costituzionale sulle leggi elettorali29/05/2123/10/21
22– Governi collegiali e rappresentativi05/06/2113/11/21
23– Potenziare gli strumenti degli organi di garanzia25/09/2113/11/21
24– Estendere il potere legislativo ai cittadini mediante revisione art. 70 cost.08/05/2113/11/21
25– Strumenti di estrazione a sorte (parlamentare ed altro)04/09/2111/12/21
26– Sistema del VOTO DUALE (studio dell’applicazione)17/04/2111/12/21
27– Introduzione strumento revoca del mandato (Recall)24/04/2111/12/21

Riunione gruppi del 18 settembre 2021

Riunione Gruppi: FARE il cambiamento

Cari attivisti della Democrazia,

I prossimi temi degli incontri settimanali per FARE il Cambiamento sono:

13– Implementazione di strumenti di democrazia partecipativa
14– Federalismo
15– Regolamentazione democratica negli statuti dei partiti

I 27 temi: https://www.piudemocraziaitalia.org/articoli/fare-il-cambiamento/


DATA INCONTRO:  SABATO  18/09/2021, su piattaforma on-line,
a partire dalle ore 14.00 (chiusura prevista: ore 17.00),
all’indirizzo: https://meet.jit.si/piudemocraziaitalia

Il punto 13 rientra principalmente nel concetto di assemblee di cittadini, primo elemento della Democrazia Partecipativa.

Il punto 14 distribuisce il potere sul territorio e favorisce la partecipazione dei cittadini nelle decisioni, così migliorando la democrazia.

Il punto 15 permetterebbe di attrarre e coinvolgere i cittadini con strumenti democratici verso quei partiti che sono inclusivi dei cittadini e che vogliono “rappresentare” i cittadini con strumenti decisionali democratici.

La conferenza sul nostro canale Youtube

Dopo questo incontro, il prossimo sarà il 25/09/2021

19– Sfiducia Costruttiva
20– Primarie aperte
23– Potenziare gli strumenti degli organi di garanzia

Per collegarsi alla conferenza in modo attivo, occorre un browser recente ed aggiornato se si usa un Computer.

Da Telefono o Tablet, con la APP Jitsi Meet che è scaricabile:

Da Google Store: https://play.google.com/store/apps/details?id=org.jitsi.meet

Da Apple Store: https://apps.apple.com/us/app/jitsi-meet/id1165103905

Vi ricordiamo e invitiamo a dare il vostro contributo su questi temi ed a tutti gli altri, scrivendo sul forum o inviandoci via mail le vostre proposte o negli incontri in video conferenza, in modo da sviluppare gli abstract per concretizzarli, per arrivare ad un documento più programmatico e approfondimenti pratici sul come “FARE” ad attuare il tema. La chiave di questi incontri è il “FARE”, individuare i modi per “FARE”.

Abbiamo presentato la raccolta degli abstract dei 27 temi. I temi sono stati raggruppati per categorie ed  all’interno una descrizione del lavoro svolto, con il contributo di molti di voi. Abbiamo concretizzato parte del lavoro, con descrizioni che ci aiutano a mantenere la strada o per creare nuovi percorsi.

Questi incontri ci auguriamo siano di collaborazione con tutti voi, per costruire, tutti assieme, l’autostrada che ci porta verso l’attuazione della Democrazia. Le corsie sono i temi che ci uniscono per formare questa autostrada che percorreremo tutti assieme in collaborazione unendo le forze, sostenendoci ed aiutandoci reciprocamente, colmando quei vuoti del sapere che servono per attuare il Cambiamento.

Vi ricordiamo che alcuni temi sono da affrontare e FARE prima di altri, se vogliamo che tutti gli altri abbiano una possibilità maggiore di essere “attivati” in tempi più brevi del normale o mai.

Uno di questo è il REFERENDUM PROPOSITIVO, che  permetterebbe ai cittadini di poter fare proposte più dirette delle Leggi di Iniziativa Popolare (LIP), perché non deve aspettare che il parlamento le metta in calendario ( vi rammento che dal 1970 ad oggi, sono state presentate 262 LIP, e solo 130 trattate e solo 3 sono diventate operative, oltre al fatto che al senato, l’art.74 del regolamento, dichiara che una  LIP deve essere assegnata entro un mese e discussa entro 3 mesi, altrimenti va direttamente in calendario), ma andrebbe direttamente al voto popolare, sperando anche nel libretto informativo, essendo il quorum di partecipazione al  25% e quello di approvazione del 12,5% circa (dei SI), quindi eviterebbe astensionismo come spesso viene promosso invitando i cittadini ad andare al mare o fare altro, non facendo esprimere così la popolazione.

Alcuni in questi mesi sono diventai realtà, vedi  “la firma digitale” che è stata accolta dal parlamento in modo anticipato, e ci sono già diverse raccolte firme digitali in attesa della modifica legata alla raccolta firme cartacea, in virtù della condanna ONU all’Italia: in tal senso sono già attive delle iniziative a sostegno di un’accelerazione di tale procedura di cambiamento da parte del Governo previste per il 2022 (almeno per la parte della raccolta digitale).

https://www.repubblica.it/cronaca/2021/09/12/news/referendum_cannabis_raccolte_100mila_firme_in_24_ore-317513224/

Nella nostra pagina su YouTube potete visualizzare tutti gli incontri che abbiamo fatto e faremo, sui vari temi:

https://www.youtube.com/channel/UCKON9mKcKU2cGJTJl2IDk3Q

Come sapete, i temi sono stati tutti inseriti nel  FORUM , così da poter continuare con commenti e per dipanare la matassa intricata.

Prossimo incontro 25/09/2021

19– Sfiducia Costruttiva
20– Primarie aperte
23– Potenziare gli strumenti degli organi di garanzia

Quindi, ecco un calendario completo:

Raggruppamento per date settimanali:

TEMIDATE Set.DATE Mensile
10– Quorum zero o limitato per le votazioni popolari17/04/2115/05/21
26– Sistema del VOTO DUALE (studio dell’applicazione)17/04/2111/12/21
11– Sistema Elettorale Proporzionale24/04/2115/05/21
27– Introduzione strumento revoca del mandato (Recall)24/04/2111/12/21
12– Assicurare l’Iter parlamentare delle LIP (Leggi Iniziativa Popolare)08/05/2115/05/21
24– Estendere il potere legislativo ai cittadini mediante revisione art. 70 cost.08/05/2113/11/21
13– Implementazione di strumenti di democrazia partecipativa29/05/2118/09/21
14– Federalismo29/05/2118/09/21
21– Verifica di legittimità costituzionale sulle leggi elettorali29/05/2123/10/21
15– Regolamentazione democratica negli statuti dei partiti12/06/2118/09/21
16– Assemblee dei cittadini12/06/2109/10/21
22– Governi collegiali e rappresentativi12/06/2113/11/21
17– Preferenze anche disgiunte04/09/2109/10/21
18– Attuazione delle norme in materia di trasparenza04/09/2109/10/21
25– Strumenti di estrazione a sorte (parlamentare ed altro)04/09/2111/12/21
19– Sfiducia Costruttiva25/09/2123/10/21
20– Primarie aperte25/09/2123/10/21
23– Potenziare gli strumenti degli organi di garanzia25/09/2113/11/21
1– Preferenze nella legge elettorale30/01/21
2– Semplificazione raccolta firme (denuncia ONU)30/01/21
3– Legge sul conflitto di interesse30/01/21
4– Informazione libera ed indipendente come servizio pubblico06/03/21
5– Educazione civica alla democrazia ed alla partecipazione06/03/21
6– Referendum propositivo (da fare ripartire l’iter)06/03/21
7– Referendum obbligatorio10/04/21
8– Inserire strumenti partecipativi negli statuti comunali10/04/21
9– Strumenti di informazione ai cittadini nei processi decisionali (Libretto informativo etc..)”10/04/21

Raggruppamento per date mensili:

TEMIDATE Set.DATE Mensile
1– Preferenze nella legge elettorale30/01/21
2– Semplificazione raccolta firme (denuncia ONU)30/01/21
3– Legge sul conflitto di interesse30/01/21
4– Informazione libera ed indipendente come servizio pubblico06/03/21
5– Educazione civica alla democrazia ed alla partecipazione06/03/21
6– Referendum propositivo (da fare ripartire l’iter)06/03/21
7– Referendum obbligatorio10/04/21
8– Inserire strumenti partecipativi negli statuti comunali10/04/21
9– Strumenti di informazione ai cittadini nei processi decisionali (Libretto informativo etc..)”10/04/21
10– Quorum zero o limitato per le votazioni popolari17/04/2115/05/21
11– Sistema Elettorale Proporzionale24/04/2115/05/21
12– Assicurare l’Iter parlamentare delle LIP (Leggi Iniziativa Popolare)08/05/2115/05/21
13– Implementazione di strumenti di democrazia partecipativa29/05/2118/09/21
14– Federalismo29/05/2118/09/21
15– Regolamentazione democratica negli statuti dei partiti05/06/2118/09/21
16– Assemblee dei cittadini05/06/2109/10/21
17– Preferenze anche disgiunte04/09/2109/10/21
18– Attuazione delle norme in materia di trasparenza04/09/2109/10/21
19– Sfiducia Costruttiva25/09/2123/10/21
20– Primarie aperte25/09/2123/10/21
21– Verifica di legittimità costituzionale sulle leggi elettorali29/05/2123/10/21
22– Governi collegiali e rappresentativi05/06/2113/11/21
23– Potenziare gli strumenti degli organi di garanzia25/09/2113/11/21
24– Estendere il potere legislativo ai cittadini mediante revisione art. 70 cost.08/05/2113/11/21
25– Strumenti di estrazione a sorte (parlamentare ed altro)04/09/2111/12/21
26– Sistema del VOTO DUALE (studio dell’applicazione)17/04/2111/12/21
27– Introduzione strumento revoca del mandato (Recall)24/04/2111/12/21

Riunione gruppi del 4 settembre 2021

Riunione Gruppi: FARE il cambiamento

Cari attivisti della Democrazia,

iniziamo i nuovi incontri dopo una pausa estiva.

I prossimi temi degli incontri settimanali sono:

17– Preferenze anche disgiunte
18– Attuazione delle norme in materia di trasparenza
25– Strumenti di estrazione a sorte (parlamentare ed altro)

I 27 temi: https://www.piudemocraziaitalia.org/articoli/fare-il-cambiamento/


DATA INCONTRO:  SABATO  04/09/2021, su piattaforma on-line,
a partire dalle ore 14.00 (chiusura prevista: ore 17.00),
all’indirizzo: https://meet.jit.si/piudemocraziaitalia

Estendete l’invito a tutti gli interessati e nei vari social.

Dopo questo incontro, il prossimo sarà il 25/09/2021

In fondo alla pagina trovate le  date, dovrebbero essere quelle definitive, vi terremo aggiornati su eventuali cambiamenti.

Per collegarsi alla conferenza in modo attivo, occorre un browser recente ed aggiornato se si usa un Computer.

Da Telefono o Tablet, con la APP Jitsi Meet che è scaricabile dal Google Store:
https://play.google.com/store/apps/details?id=org.jitsi.meet

Da Apple Store: https://apps.apple.com/us/app/jitsi-meet/id1165103905

Vi ricordiamo e invitiamo a dare il vostro contributo su questi temi ed a tutti gli altri, scrivendo sul forum o inviandoci via mail le vostre proposte o negli incontri in video conferenza, in modo da sviluppare gli abstract per concretizzarli, per arrivare ad un documento più programmatico e approfondimenti pratici sul come “FARE” ad attuare il tema. La chiave di questi incontri è il “FARE”, individuare i modi per “FARE”.

Abbiamo presentato la raccolta degli abstract dei 27 temi. I temi sono stati raggruppati per categorie ed  all’interno una descrizione del lavoro svolto, con il contributo di molti di voi. Abbiamo concretizzato parte del lavoro, con descrizioni che ci aiutano a mantenere la strada o per creare nuovi percorsi.

Questi incontri ci auguriamo siano di collaborazione con tutti voi, per costruire, tutti assieme, l’autostrada che ci porta verso l’attuazione della Democrazia. Le corsie sono i temi che ci uniscono per formare questa autostrada che percorreremo tutti assieme in collaborazione unendo le forze, sostenendoci ed aiutandoci reciprocamente, colmando quei vuoti del sapere che servono per attuare il Cambiamento.

Vi ricordiamo che alcuni temi sono da affrontare e FARE prima di altri, se vogliamo che tutti gli altri abbiano una possibilità maggiore di essere “attivati” in tempi più brevi del normale o mai.

Uno di questo è il REFERENDUM PROPOSITIVO, che  permetterebbe ai cittadini di poter fare proposte più dirette delle Leggi di Iniziativa Popolare (LIP), perché non deve aspettare che il parlamento le metta in calendario ( vi rammento che dal 1970 ad oggi, sono state presentate 262 LIP, e solo 130 trattate e solo 3 sono diventate operative, oltre al fatto che al senato, l’art.74 del regolamento, dichiara che una  LIP deve essere assegnata entro un mese e discussa entro 3 mesi, altrimenti va direttamente in calendario), ma andrebbe direttamente al voto popolare, sperando anche nel libretto informativo, essendo il quorum di partecipazione al  25% e quello di approvazione del 12,5% circa (dei SI), quindi eviterebbe astensionismo come spesso viene promosso invitando i cittadini ad andare al mare o fare altro, non facendo esprimere così la popolazione.

Bisogna poi spingere sull’adozione e validità giuridica della firma digitale, in attesa della modifica legata alla raccolta firme cartacea, in virtù della condanna ONU all’Italia: in tal senso sono già attive delle iniziative a sostegno di un’accelerazione di tale procedura di cambiamento da parte del Governo previste per il 2022 (almeno per la parte della raccolta digitale).

Nella nostra pagina su YouTube potete visualizzare tutti gli incontri che abbiamo fatto e faremo, sui vari temi:

https://www.youtube.com/channel/UCKON9mKcKU2cGJTJl2IDk3Q

sui social network :
FB: https://www.facebook.com/groups/quorumzeropiudemocrazia/posts/4284537418300157/
Twitter: https://twitter.com/piudemocraziait/status/1433548586243944471
Mastodon: https://mastodon.uno/@portavocepiudemit/106864326908457714

Come sapete, i temi sono stati tutti inseriti nel  FORUM , così da poter continuare con commenti e per dipanare la matassa intricata.

Quindi, ecco un calendario completo revisionato per darci spazio questa estate 2021:

Raggruppamento per date settimanali:

TEMIDATE Set.DATE Mensile
10– Quorum zero o limitato per le votazioni popolari17/04/2115/05/21
26– Sistema del VOTO DUALE (studio dell’applicazione)17/04/2111/12/21
11– Sistema Elettorale Proporzionale24/04/2115/05/21
27– Introduzione strumento revoca del mandato (Recall)24/04/2111/12/21
12– Assicurare l’Iter parlamentare delle LIP (Leggi Iniziativa Popolare)08/05/2115/05/21
24– Estendere il potere legislativo ai cittadini mediante revisione art. 70 cost.08/05/2113/11/21
13– Implementazione di strumenti di democrazia partecipativa29/05/2118/09/21
14– Federalismo29/05/2118/09/21
21– Verifica di legittimità costituzionale sulle leggi elettorali29/05/2123/10/21
15– Regolamentazione democratica negli statuti dei partiti12/06/2118/09/21
16– Assemblee dei cittadini12/06/2109/10/21
22– Governi collegiali e rappresentativi12/06/2113/11/21
17– Preferenze anche disgiunte04/09/2109/10/21
18– Attuazione delle norme in materia di trasparenza04/09/2109/10/21
25– Strumenti di estrazione a sorte (parlamentare ed altro)04/09/2111/12/21
19– Sfiducia Costruttiva25/09/2123/10/21
20– Primarie aperte25/09/2123/10/21
23– Potenziare gli strumenti degli organi di garanzia25/09/2113/11/21
1– Preferenze nella legge elettorale30/01/21
2– Semplificazione raccolta firme (denuncia ONU)30/01/21
3– Legge sul conflitto di interesse30/01/21
4– Informazione libera ed indipendente come servizio pubblico06/03/21
5– Educazione civica alla democrazia ed alla partecipazione06/03/21
6– Referendum propositivo (da fare ripartire l’iter)06/03/21
7– Referendum obbligatorio10/04/21
8– Inserire strumenti partecipativi negli statuti comunali10/04/21
9– Strumenti di informazione ai cittadini nei processi decisionali (Libretto informativo etc..)”10/04/21

Raggruppamento per date mensili:

TEMIDATE Set.DATE Mensile
1– Preferenze nella legge elettorale30/01/21
2– Semplificazione raccolta firme (denuncia ONU)30/01/21
3– Legge sul conflitto di interesse30/01/21
4– Informazione libera ed indipendente come servizio pubblico06/03/21
5– Educazione civica alla democrazia ed alla partecipazione06/03/21
6– Referendum propositivo (da fare ripartire l’iter)06/03/21
7– Referendum obbligatorio10/04/21
8– Inserire strumenti partecipativi negli statuti comunali10/04/21
9– Strumenti di informazione ai cittadini nei processi decisionali (Libretto informativo etc..)”10/04/21
10– Quorum zero o limitato per le votazioni popolari17/04/2115/05/21
11– Sistema Elettorale Proporzionale24/04/2115/05/21
12– Assicurare l’Iter parlamentare delle LIP (Leggi Iniziativa Popolare)08/05/2115/05/21
13– Implementazione di strumenti di democrazia partecipativa29/05/2118/09/21
14– Federalismo29/05/2118/09/21
15– Regolamentazione democratica negli statuti dei partiti05/06/2118/09/21
16– Assemblee dei cittadini05/06/2109/10/21
17– Preferenze anche disgiunte04/09/2109/10/21
18– Attuazione delle norme in materia di trasparenza04/09/2109/10/21
19– Sfiducia Costruttiva25/09/2123/10/21
20– Primarie aperte25/09/2123/10/21
21– Verifica di legittimità costituzionale sulle leggi elettorali29/05/2123/10/21
22– Governi collegiali e rappresentativi05/06/2113/11/21
23– Potenziare gli strumenti degli organi di garanzia25/09/2113/11/21
24– Estendere il potere legislativo ai cittadini mediante revisione art. 70 cost.08/05/2113/11/21
25– Strumenti di estrazione a sorte (parlamentare ed altro)04/09/2111/12/21
26– Sistema del VOTO DUALE (studio dell’applicazione)17/04/2111/12/21
27– Introduzione strumento revoca del mandato (Recall)24/04/2111/12/21

La democrazia diretta, partecipativa e rappresentativa nei comuni

Cari amici della democrazia,

Siete invitati ad una riunione sul tema:

  La democrazia diretta, partecipativa e rappresentativa nei comuni

Saranno presenti anche alcune persone che si sono adoperate per introdurre strumenti di Democrazia Diretta e partecipativa nei comuni.

Sono stati invitati rappresentanti dei seguenti comuni :
– Roma
– Milano
– Vignola
– Pinerolo
– Ville d’Anaunia

ed altri in corso di conferma.

Grazie anche a voi se vorrete estendere gli inviti a persone interessate.

L’ incontro, è confermato per sabato 11/09 a partire dalle ore 14, presumibilmente fino alle ore17.

L’incontro avverrà via rete al solito il link: https://meet.jit.si/piudemocraziaitalia

Per collegarsi alla conferenza in modo attivo, occorre un browser recente ed aggiornato se si usa un Computer.
Da Telefono o Tablet, con la APP Jitsi Meet che è scaricabile da:

Google Store: https://play.google.com/store/apps/details?id=org.jitsi.meet

Apple Store: https://apps.apple.com/us/app/jitsi-meet/id1165103905

Gli obiettivi dell’incontro (definiti in precedenti riunioni di preparazione) sono i seguenti:
– approfondire la conoscenza e stimolare la diffusione degli strumenti di democrazia diretta, partecipativa e le migliorie possibili della democrazia rappresentativa a livello comunale, anche attraverso esempi concreti come:
– Il nuovo statuto di Roma, gli intenti presenti a Milano, le realizzazioni/ problemi nel comune di Pinerolo, i problemi presentatisi in Trentino Alto Adige, ed anche : raccogliere informazioni ed insegnamenti da altri casi ed esempi.
– mobilitare attività simili in altri comuni,
– fare in modo che l’incontro sia il primo di una serie di “incontri di lavoro” sistematici sul tema: ” Democrazia Diretta, Partecipativa e Rappresentativa nei comuni”.
– stimolare i candidati a proporre cambiamenti Democratici negli Statuti Comunali, mettendo nei loro piani di lavori nell’attività politico amministrativo anche questi obbiettivi e stimolare i cittadini a chiedere tali cambiamenti
– ci sarà un dibattito tra gli ospiti che parleranno anche delle problematiche avute per l’introduzione degli istituti democratici, dibattito aperto al pubblico partecipante attraverso domande scritte o dal vivo, sia dalla chat della conferenza, che dalla chat Live su YT o via email pervenute durante l’incontro, almeno 30 minuti prima della fine prevista per l’incontro.

E’ gradita la conferma della vostra partecipazione per meglio coordinarsi
( via e-mail o anche segnalando la partecipazione qui:
https://www.piudemocraziaitalia.org/forum/topic/incontro-democrazia-diretta-nei-comuni-roma-milano/ ).

Ospiti :

  • Sturni Angelo (primo firmatario della deliberazione di revisione dello Statuto di Roma Capitale n.5 2018)
  • avv. costituzionalista Besostri Felice (Città Metropolitane non democratiche)
  • Vinti Luca (Milano – (lista civica per Milano inizia qui)
  • Laurenti Martino – (Assessore comune di Pinerolo)
  • Maisani Monica – ( Comune di Vignola)
  • dot.ssa Gloria Concini (Comune di Ville D’Anaunia)
  • Direno Mauro (Più Democrazia Trentino)
  • Daniela Fieber (Più Democrazia Trentino)
  • Stefano Longano (Presidente Più Democrazia Trentino)
  • Diego Renzi Presidente del COMITES di San Marino (San Marino)

Ospiti in attesa di conferma:

  • Stephan Lausch (Bolzano)
  • Piseddu Nadia – ( Comune di Vignola)
  • Alex Marini
  • on. Fraccaro Riccardo
  • on. Magi Riccardo
  • Comune di Gaeta
  • Comune di Torino
  • Comune di Livorno

Alcuni link utili:

Statuti comunali a confronto Pinerolo 20200511
Pinerolo – Diritti e Partecipazione

Democrazia Diretta nei comuni di Roma e Milano

Caso di studio – Statuto Roma Capitale
Statuto Comune di Roma Capitale

Caso Eliminazione Referendum in Trentino-Alto-Adige

Raccolta firme digitale per riattivazione della figura del Difensore Civico a Milano

Statuto Comune di Vignola
Regolamento Comune di Vignola

Pesentazione Ville d’Anaunie

Città Metropolitana:

Trasparenza nei Comuni:

  • Trasparenza-presentazione Trasparena-DIRITTO_AMMINISTRATIVO_PRIMA_DEL_COSTITUZIONE Trasparenza-lettera_di_ANAC_a_DirenoTrasparenza-sanzioni
  • La conferenza sul nostro canale YouTube


    STRUMENTI DI DIRETTA PARTECIPAZIONE DEI CITTADINI ALLA ATTIVITA’ AMMINISTRATIVA

    Premesso che la costituzione Italiana recita:

    • L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione (art.1).
      Riconosce e promuove le autonomie locali; attua nei servizi che dipendono dallo Stato il più ampio decentramento amministrativo; adegua i principi ed i metodi della sua legislazione alle esigenze dell’autonomia e del decentramento (art. 5).
      Il voto e’ personale ed eguale, libero e segreto. Il suo esercizio e’ dovere civico (art.48).
    • Tutti i cittadini possono rivolgere petizioni alle Camere per chiedere provvedimenti legislativi o esporre comuni necessita. (art.50).
    • E’ indetto referendum popolare per deliberare la abrogazione, totale o parziale, di una legge o di un atto avente valore di legge, quando lo richiedono cinquecentomila elettori o cinque Consigli regionali… (art.75). (quorum 50%+1)
    • Le leggi di revisione della Costituzione …. stesse sono sottoposte a referendum popolare quando, entro tre mesi dalla loro pubblicazione, ne facciano domanda un quinto dei membri di una Camera o cinquecentomila elettori o cinque Consigli regionali. La legge sottoposta a referendum non è promulgata, se non è approvata dalla maggioranza dei voti validi Non si fa luogo a referendum se la legge è stata approvata nella seconda votazione da ciascuna delle Camere a maggioranza di due terzi dei suoi componenti. (art.138).(Quorum zero).

    Elenco non esaustivo di leggi e normative di riferimento sono:

    • Decreto legislativo sulla trasparenza n.33 del 14.03.013
    • FOIA Decreto legislativo n.97 del 2016 che ha modificato il Decreto sulla trasparenza n.33 del 14.03.2013 introducendo accesso civico generalizzato.
    • Commissione europea per la Democrazia attraverso il Diritto
      Documents by opinions and studies
      Documento della Commissione di Venezia
      Questo capitolo ha l’obiettivo di costruire un percorso formativo e partecipativo dei cittadini per concretizzare ed esercitare in modo maturo e partecipato il principio costituzionale della sovranità popolare (art. 1). Questa percorso si può ottenere solo con un lavoro concreto di partecipazione e di coinvolgimento dei cittadini nelle eventuali necessarie e opportune vincolanti responsabilità nelle decisioni.

    Strumenti referendari e partecipativi:

    • Conflitto di interesse

    Nella attività amministrativa dei politici eletti o nominati a rappresentare gli stessi in Enti di diritto pubblico, vi sono inevitabilmente presenti due tipi di decisioni deliberative in cui sono presenti oggettivamente o soggettivamente elementi riconducibili ad un conflitto di interessi.
    Tra i primi si collocano quelle che definiscono la indennità, in forma diretta od indiretta, per permettere di assolvere adeguatamente il proprio mandato (art.69 cost).
    In questo caso vengono istituiti stabilmente uno o più referendum popolari a quorum zero.
    Nel secondo caso si propone una istanza di un numero di cittadini pari a ………. numero voti validi elezione di riferimento/numero degli eletti x 2, oppure numero fisso in funzione del numero degli aventi diritto al voto. Il quorum partecipativo potrebbe essere il 50%+1 della percentuale di partecipazione al voto di riferimento alla sua elezione.

    E’ un giudizio politico di rimozione di merito, oltre qualsiasi giudizio con risvolti penali. Filtro di ammissione con commissione super partes, avvocati (non giudici), oppure di cittadini, proposti 50% maggioranza e 50% minoranza ed estratti a caso.

    • Democrazia partecipata

    Assemblee pubbliche di ascolto e confronto con i cittadini promosse dalla amministrazione, su iniziativa della maggioranza, della minoranza o di gruppi di cittadini per aree e subaree omogenee all’interno degli enti territoriali locali, con un elenco delle priorità delle proposte.
    Obiettivo finale una quota del bilancio istituzionale destinato ad un bilancio partecipato e ripartito per sub aree omogenee di aggregazione abitativa, con progettazione pubblica, ipotesi progettuale e priorità condivisa con i cittadini di riferimento e vincolante.

    Riunione gruppi del 12 giugno 2021

    Riunione Gruppi: FARE il cambiamento

    Cari attivisti della Democrazia,

    scusate il doppio invio, ho corretto il refuso della data nell’oggetto, da maggio a giugno .

    In fondo alla pagina trovate le nuove date, dovrebbero essere quelle definitive, vi terremo aggiornati su eventuali cambiamenti.

    I prossimi temi degli incontri settimanali sono:

    15– Regolamentazione democratica negli statuti dei partiti
    16– Assemblee dei cittadini
    22– Governi collegiali e rappresentativi


    DATA INCONTRO:  SABATO  12/06/2021, su piattaforma on-line,
    a partire dalle ore 14.00 (chiusura prevista: ore 17.00),
    all’indirizzo: https://meet.jit.si/piudemocraziaitalia

    Dopo questo incontro, il prossimo sarà il 04/09/2021

    Per collegarsi alla conferenza in modo attivo, occorre un browser recente ed aggiornato se si usa un Computer.

    Da Telefono o Tablet, con la APP Jitsi Meet che è scaricabile:

    Dal Google Store: https://play.google.com/store/apps/details?id=org.jitsi.meet

    Da Apple Store: https://apps.apple.com/us/app/jitsi-meet/id1165103905

    Vi ricordiamo e invitiamo a dare il vostro contributo su questi temi ed a tutti gli altri, scrivendo sul forum o inviandoci via mail le vostre proposte o negli incontri in video conferenza, in modo da sviluppare gli abstract per concretizzarli, per arrivare ad un documento più programmatico e approfondimenti pratici sul come “FARE” ad attuare il tema. La chiave di questi incontri è il “FARE”, individuare i modi per “FARE”.

    Abbiamo presentato la raccolta degli abstract dei 27 temi. I temi sono stati raggruppati per categorie ed  all’interno una descrizione del lavoro svolto, con il contributo di molti di voi. Abbiamo concretizzato parte del lavoro, con descrizioni che ci aiutano a mantenere la strada o per creare nuovi percorsi.

    Questi incontri ci auguriamo siano di collaborazione con tutti voi, per costruire, tutti assieme, l’autostrada che ci porta verso l’attuazione della Democrazia. Le corsie sono i temi che ci uniscono per formare questa autostrada che percorreremo tutti assieme in collaborazione unendo le forze, sostenendoci ed aiutandoci reciprocamente, colmando quei vuoti del sapere che servono per attuare il Cambiamento.

    Vi ricordiamo che alcuni temi sono da affrontare e FARE prima di altri, se vogliamo che tutti gli altri abbiano una possibilità maggiore di essere “attivati” in tempi più brevi del normale o mai.

    Uno di questo è il REFERENDUM PROPOSITIVO, che  permetterebbe ai cittadini di poter fare proposte più dirette delle Leggi di Iniziativa Popolare (LIP), perché non deve aspettare che il parlamento le metta in calendario ( vi rammento che dal 1970 ad oggi, sono state presentate 262 LIP, e solo 130 trattate e solo 3 sono diventate operative, oltre al fatto che al senato, l’art.74 del regolamento, dichiara che una  LIP deve essere assegnata entro un mese e discussa entro 3 mesi, altrimenti va direttamente in calendario), ma andrebbe direttamente al voto popolare, sperando anche nel libretto informativo, essendo il quorum di partecipazione al  25% e quello di approvazione del 12,5% circa (dei SI), quindi eviterebbe astensionismo come spesso viene promosso invitando i cittadini ad andare al mare o fare altro, non facendo esprimere così la popolazione.

    Bisogna poi spingere sull’adozione e validità giuridica della firma digitale, in attesa della modifica legata alla raccolta firme cartacea, in virtù della condanna ONU all’Italia: in tal senso sono già attive delle iniziative a sostegno di un’accelerazione di tale procedura di cambiamento da parte del Governo previste per il 2022 (almeno per la parte della raccolta digitale).

    Nella nostra pagina su YouTube potete visualizzare tutti gli incontri che abbiamo fatto e faremo, sui vari temi:

    https://www.youtube.com/channel/UCKON9mKcKU2cGJTJl2IDk3Q

    Come sapete, i temi sono stati tutti inseriti nel  FORUM , così da poter continuare con commenti e per dipanare la matassa intricata.

    Raggruppamento per date settimanali:

    TEMIDATE Set.DATE Mensile
    10– Quorum zero o limitato per le votazioni popolari17/04/2115/05/21
    26– Sistema del VOTO DUALE (studio dell’applicazione)17/04/2111/12/21
    11– Sistema Elettorale Proporzionale24/04/2115/05/21
    27– Introduzione strumento revoca del mandato (Recall)24/04/2111/12/21
    12– Assicurare l’Iter parlamentare delle LIP (Leggi Iniziativa Popolare)08/05/2115/05/21
    24– Estendere il potere legislativo ai cittadini mediante revisione art. 70 cost.08/05/2113/11/21
    13– Implementazione di strumenti di democrazia partecipativa29/05/2118/09/21
    14– Federalismo29/05/2118/09/21
    21– Verifica di legittimità costituzionale sulle leggi elettorali29/05/2123/10/21
    15– Regolamentazione democratica negli statuti dei partiti12/06/2118/09/21
    16– Assemblee dei cittadini12/06/2109/10/21
    22– Governi collegiali e rappresentativi12/06/2113/11/21
    17– Preferenze anche disgiunte04/09/2109/10/21
    18– Attuazione delle norme in materia di trasparenza04/09/2109/10/21
    25– Strumenti di estrazione a sorte (parlamentare ed altro)04/09/2111/12/21
    19– Sfiducia Costruttiva25/09/2123/10/21
    20– Primarie aperte25/09/2123/10/21
    23– Potenziare gli strumenti degli organi di garanzia25/09/2113/11/21

    Raggruppamento per date mensili:

    TEMIDATE Set.DATE Mensile
    1– Preferenze nella legge elettorale30/01/21
    2– Semplificazione raccolta firme (denuncia ONU)30/01/21
    3– Legge sul conflitto di interesse30/01/21
    4– Informazione libera ed indipendente come servizio pubblico06/03/21
    5– Educazione civica alla democrazia ed alla partecipazione06/03/21
    6– Referendum propositivo (da fare ripartire l’iter)06/03/21
    7– Referendum obbligatorio10/04/21
    8– Inserire strumenti partecipativi negli statuti comunali10/04/21
    9– Strumenti di informazione ai cittadini nei processi decisionali (Libretto informativo etc..)”10/04/21
    10– Quorum zero o limitato per le votazioni popolari17/04/2115/05/21
    11– Sistema Elettorale Proporzionale24/04/2115/05/21
    12– Assicurare l’Iter parlamentare delle LIP (Leggi Iniziativa Popolare)08/05/2115/05/21
    13– Implementazione di strumenti di democrazia partecipativa29/05/2118/09/21
    14– Federalismo29/05/2118/09/21
    15– Regolamentazione democratica negli statuti dei partiti12/06/2118/09/21
    16– Assemblee dei cittadini12/06/2109/10/21
    17– Preferenze anche disgiunte04/09/2109/10/21
    18– Attuazione delle norme in materia di trasparenza04/09/2109/10/21
    19– Sfiducia Costruttiva25/09/2123/10/21
    20– Primarie aperte25/09/2123/10/21
    21– Verifica di legittimità costituzionale sulle leggi elettorali29/05/2123/10/21
    22– Governi collegiali e rappresentativi12/06/2113/11/21
    23– Potenziare gli strumenti degli organi di garanzia25/09/2113/11/21
    24– Estendere il potere legislativo ai cittadini mediante revisione art. 70 cost.08/05/2113/11/21
    25– Strumenti di estrazione a sorte (parlamentare ed altro)04/09/2111/12/21
    26– Sistema del VOTO DUALE (studio dell’applicazione)17/04/2111/12/21
    27– Introduzione strumento revoca del mandato (Recall)24/04/2111/12/21

    Cordialmente

    Riunione gruppi del 15 maggio 2021 – sesto incontro

    Riunione Gruppi: FARE il cambiamento – sesta riunione

    Cari attivisti della Democrazia,

    eccoci giunti al nuovo incontro, la quinta riunione dei gruppi della Democrazia.

    Continuare a scrivere come  “FARE il cambiamento” e passare poi all’azione.

    Il 10 aprile 2021 abbiamo fatto il quinto incontro.

    Abbiamo fatto proposte e concretizzato molti aspetti, e ci accingiamo a fare il documento di proposta.

    Nella nostra pagina su YouTube potete visualizzare i precedenti incontri.

    Per il sesto incontro i tre temi da dibattere questa volta sono:

    10- Quorum zero o limitato per le votazioni popolari
    11- Sistema Elettorale Proporzionale
    12- Assicurarne l’ITER parlamentare delle LIP (Legge di Iniziativa Popolare)

    I temi sono stati tutti inseriti nel  FORUM , per chi volesse iniziare a dare i suoi commenti e leggere quello che alcuni hanno già inserito.

    Il fine ultimo, è produrre dei documenti di massima da presentare ai cittadini/partiti/parlamento.

    Di ogni tema verrà quindi redatto un documento con il contributo di tutti, dove trascriveremo modi e strumenti individuati per promuoverlo e sostenerlo, per perseguire il fine della proposta, in che modo presentarla, a chi e quando, e per fare Referendum o LIP o altro.
    DATA INCONTRO:  SABATO  15.05.2021, su piattaforma on-line, a partire dalle ore 14.00 (chiusura prevista: ore 17.00),
    all’indirizzo: https://meet.jit.si/piudemocraziaitalia

    La riunione sarà visibile anche LIVE sul nostro canale Youtube:

    Per collegarsi alla conferenza in modo attivo, occorre un browser recente ed aggiornato se si usa un Computer.

    Da Telefono o Tablet, con la APP Jitsi Meet che è scaricabile dal Google Store al link:
    https://play.google.com/store/apps/details?id=org.jitsi.meet

    Da Apple Store:

    https://apps.apple.com/us/app/jitsi-meet/id1165103905

    Oltre al FORUM, abbiamo pensato ad una parte più attiva da sfruttare prima della riunione dei gruppi per il relativo tema.

    Abbiamo pensato a meeting online settimanali, al quale chi ha presentato il tema farà da relatore, e per i temi che non hanno uno specifico “proponente”, chiediamo agli intervenuti di farci pervenire la propria disponibilità ed anche interesse a trattare il tema, in modo da poter fare dei gruppi per ogni stanza online.

    Abbiamo stilato un elenco provvisorio con il nome del proponente e di altri che si vorrebbero occupare del tema, sono ben accetti altre persone che vogliono contribuire.

    Vi chiediamo quindi di essere attivi nel cambiamento che ci accingiamo  a fare.

    I relativi link delle stanze:
    https://meet.jit.si/piudemit-01

    https://meet.jit.si/piudemit-02

    https://meet.jit.si/piudemit-03

    ….

    https://meet.jit.si/piudemit-27

    Proporremo delle date di incontro sui vari temi, e per primi quelli attuali.

    Maggiori dettagli al link:

    Elenco dei tempi e proponenti/referenti:

    1– Preferenze nella legge elettorale
    2– Ragno – Staderini: Semplificazione raccolta firme (denuncia ONU)
    3– Erminio : Legge sul conflitto di interesse

    4– LeonelloPietro Muni– Erminio – : Informazione libera ed indipendente come servizio pubblico
    5– Luca Vinti – Guido De Simone – Diego Pascale:  Educazione civica alla democrazia ed alla partecipazione
    6– (Leonello) – Erminio – Luciano: Referendum propositivo (da fare ripartire l’iter)

    7– Leonello: Referendum obbligatorio
    8– Erminio – Luciano – Angelo Sturni: Inserire strumenti partecipativi negli statuti comunali
    9– Guido De Simone – Erminio? – Diego Pascale : Strumenti di informazione ai cittadini nei processi decisionali (Libretto informativo etc..)

    10– Leonello: Quorum zero o limitato per le votazioni popolari
    11– Leonello – Ragno – Sistema Elettorale Proporzionale
    12– (Leonello)Ragno: Assicurare l’Iter parlamentare delle LIP (Leggi Iniziativa Popolare)

    13– Nannoni – Vinti : Implementazione di strumenti di democrazia partecipativa
    14– Leonello – Federalismo
    15– Ragno: Regolamentazione democratica negli statuti dei partiti

    16– Nannoni – Altri? : Assemblee dei cittadini
    17– Leonello – Preferenze anche disgiunte
    18– Alex Marini – Attuazione delle norme in materia di trasparenza

    19– Sfiducia Costruttiva
    20– De Simone Guido: Primarie aperte
    21– Besostri Felice – Ragno:  Verifica di legittimità costituzionale sulle leggi elettorali 

    22– Leonello : Governi collegiali e rappresentativi
    23– Alex Marini – (Manca Maurizio) : Potenziare gli strumenti degli organi di garanzia
    24– Pietro Muni – Estendere il potere legislativo ai cittadini mediante revisione art. 70 cost.

    25– Zanolli – Nannoni: Strumenti di estrazione a sorte (parlamentare ed altro)
    26– Nusca Emanuele:  Sistema del  VOTO DUALE (studio dell’applicazione)
    27– Luca Aime: Introduzione strumento revoca del mandato (Recall)

    Venezia compie 1600 anni

    Venezia compie 1600 anni, La fondazione è indicata al 25 marzo 421 d.c.

    Venezia è una città fondamentale per la storia del pianeta intero e la democrazia. Purtroppo quella storia è poco conosciuta anche dagli italiani. Per conoscere la storia di Venezia ho dovuto leggere il libro di uno storico americano: F.C. Lane.

    Venezia integrava molte delle pratiche democratiche della tradizione della Roma repubblicana (SPQR, significa: il Senato ed il Popolo romano. Vale a dire ogni legge, per entrare in vigore, doveva essere votata dal Senato e poi ratificata dai cittadini. Come un “Referendum obbligatorio” per tutte le leggi).
    Oltre a quelle a Venezia erano state integrate altre regole sia di democrazia diretta come anche procedure molto interessanti per l’elezione del Doge: l’elezione era studiata per contrastare le lobby ed implicava diversi meccanismi di estrazione a sorte … povere lobby … .
    Nella repubblica veneta i partiti erano liberi di esistere, ma le prassi elettorali vietavano l’elezione di persone individuate come “attivisti di partito”: si temeva che l’eletto facesse poi l’interesse del partito e non quello della Repubblica.

    Certo poi nei secoli le fasi democratiche subirono alti e bassi. Ma pochi sanno che i costituenti americani (Jefferson , Thomas Moore, Benjamin Franklin … ) vennero in visita a Venezia nel 1786 per studiare il sistema legislativo in vigore nella “Serenissima” da più di un millennio.

    https://www.ilcuoreveneto.it/palladio-e-la-repubblica-veneta-alla-casa-bianca/

    A Verona, ( città che venne poi ad esser governata da Venezia) in piazza delle Erbe, ancora oggi è possibile vedere la “Campana dell’Agorà“: la campana che suonava per chiamare i cittadini all’assemblea legislativa delle città: l’equivalente della Landsgemeinde ancora oggi esistente in qualche cantone svizzero.

    Queste assemblee-legislative cittadine gli svizzeri le introdussero a partire dai primi decenni del 1200. E’ probabile che le avessero copiate dai comuni del nord Italia ed in particolare a Venezia, dove erano in vigore già da quasi mille anni ( e spesso finivano con l’essere cancellate nelle città e comuni italiani, nel 1300).

    Insomma, Venezia è una delle nostre glorie ed un esempio di civiltà per il mondo intero.

    Leonello Zaquini

    Riunione gruppi del 6 marzo 2021

    Riunione Gruppi: FARE il cambiamento – quarta riunione

    Cari attivisti della Democrazia,
    eccoci giunti al nuovo incontro, alla quarta riunione dei gruppi della Democrazia.
    Siamo pronti per continuare a scrivere come  “FARE il cambiamento” e passare poi all’azione.

    Il 30 gennaio 2021 abbiamo fatto il terzo incontro.
    Abbiamo fatto proposte e concretizzato molti aspetti, e ci accingiamo a fare il documento di proposta.
    Nella nostra pagina su YouTube potete visualizzare il terzo incontro.

    Per il quarto incontro i tre temi da dibattere  sono:

    4- Informazione libera ed indipendente come servizio pubblico
    5- Educazione civica alla democrazia ed alla partecipazione
    6- Referendum propositivo (da fare ripartire l’iter)

    I temi sono stati tutti inseriti nel  FORUM , per chi volesse iniziare a dare il suo contributo con commenti e leggere quello che alcuni hanno già inserito e rispondere e commentare.
    Il fine ultimo, è produrre dei documenti di massima da presentare ai cittadini/partiti/parlamento.
    Di ogni tema verrà quindi redatto un documento con il contributo di tutti, dove trascriveremo modi e strumenti individuati per promuoverlo e sostenerlo, per perseguire il fine della proposta, in che modo presentarla, a chi e quando, e per fare referendum o LIP o altro.
    DATA INCONTRO:  SABATO  06.03.2021, su piattaforma on-line, a partire dalle ore 14.00 (chiusura prevista: ore 17.00),
    all’indirizzo: https://meet.jit.si/piudemocraziaitalia

    La riunione sarà visibile anche LIVE sul nostro canale Youtube.

    Per collegarsi alla conferenza in modo attivo, occorre un browser recente ed aggiornato se si usa un Computer.
    Da Telefono o Tablet, con la APP è scaricabile dal Google Store o dall’ Apple Store .

    Oltre al FORUM, abbiamo pensato ad una parte più attiva da sfruttare durante l’attesa della riunione dei gruppi per il relativo tema.

    Abbiamo pensato a meeting online settimanali o anche più brevi, dipende da voi, al quale chi ha presentato il tema farà da relatore, e per i temi che non hanno uno specifico “proponente”, chiediamo agli intervenuti di farci pervenire la propria disponibilità ed anche interesse a trattare il tema, in modo da poter fare dei gruppi per ogni stanza online.

    Abbiamo stilato un elenco provvisorio con il nome del proponente e di altri che si vorrebbero occupare del tema, sono ben accetti altre persone che vogliono contribuire.

    Vi chiediamo quindi di essere attivi nel cambiamento che ci accingiamo  a fare.

    Faremo anche un Dudle, per permettere di prendere appuntamento sul tema in modo maggioritario, con preferenze.

    Oppure fate voi un Dudle e proponete dei giorni di incontro.

    Qui il link per preparare un nuovo Dudle , una volta creato, copiare il link ed inviare una email alla ML dei GRUPPIDD indicando il link per il Dudle del tema che avete scelto.

    Un esempio dal quale iniziare:
    5- Educazione civica alla democrazia ed alla partecipazionehttps://meet.jit.si/piudemit-05 Dudle: https://dudle.inf.tu-dresden.de/CPfLskel9w/

    10 – Quorum zero o limitato per le votazioni popolari   – https://meet.jit.si/piudemit-10
    Dudle: https://dudle.inf.tu-dresden.de/T7uHHydNmA/

    14 – Federalismo   – https://meet.jit.si/piudemit-14 
    Dudle: https://dudle.inf.tu-dresden.de/eJiwqkd8Lg/

    27 – Introduzione strumento revoca del mandato (Recall)   – https://meet.jit.si/piudemit-27
    Dudle: https://dudle.inf.tu-dresden.de/JvZaGMDMnA/

    Maggiori dettagli alla pagina

    Elenco dei temi e proponenti/referenti:

    1– Leonello – (Erminio – Luca Raitieri) : Preferenze nella legge elettorale

    2– Ragno – Staderini: Semplificazione raccolta firme (denuncia ONU)

    3– Pasquale – Erminio : Legge sul conflitto di interesse

    4– LeonelloPietro Muni Erminio : Informazione libera ed indipendente come servizio pubblico

    5– Luca Vinti – Pasquale – Guido De Simone –Diego Pascale:  Educazione civica alla democrazia ed alla partecipazione

    6– Erminio – Luciano : Referendum propositivo (da fare ripartire l’iter)

    7– Leonello : Referendum obbligatorio

    8– Luciano – Erminio – Angelo Sturni – (Leonello): Inserire strumenti partecipativi negli statuti comunali

    9– Guido De Siomne Diego Pascale Erminio : Strumenti di informazione ai cittadini nei processi decisionali (Libretto informativo etc..)”

    10– Leonello – Pasquale: Quorum zero o limitato per le votazioni popolari

    11– Leonello – Ragno – Sistema Elettorale Proporzionale

    12– RagnoStaderini /Nannoni /Cappato/Com.Rodota (Leonello) : Assicurare l’Iter parlamentare delle LIP (Leggi Iniziativa Popolare)

    13– NannoniVinti : Implementazione di strumenti di democrazia partecipativa

    14– Leonello – Pasquale : Federalismo

    15– Nicola Ragno – Dario Fe – Manca Maurizio: Regolamentazione democratica negli statuti dei partiti

    16– Nannoni – Luca Raitieri –  Zanolli /Grandis  /Vignozzi /Pluchino : Assemblee dei cittadini

    17– Leonello- CDC Besostri : Preferenze anche disgiunte

    18– Alex Marini – Erminio: Attuazione delle norme in materia di trasparenza

    19– Erminio – (Fraccaro?) : Sfiducia Costruttiva

    20– De Simone Guido: Primarie aperte

    21– Besostri Felice – Ragno:  Verifica di legittimità costituzionale sulle leggi elettorali

    22– Leonello : Governi collegiali e rappresentativi

    23– Alex Marini – (Manca Maurizio) : Potenziare gli strumenti degli organi di garanzia

    24– Pietro Muni – Estendere il potere legislativo ai cittadini mediante revisione art. 70 cost.

    25– Zanolli – Nannoni -Luca Raitieri – Pluchino -(Vignozzi – Luciano Grandis): Strumenti di estrazione a sorte (parlamentare ed altro)

    26– Nusca Manuele – (Besostri – Erminio):  Sistema del  VOTO DUALE (studio dell’applicazione)

    27– Luca Aime- Pasquale (Erminio) : Introduzione strumento revoca del mandato (Recall)


    = = =
    Qui di seguito:
    I LINK ALLE DISCUSSINI SUI TEMI.

    Le discussioni sono aperte a tutti e sono presenti nel forum. Cliccate sul tema che vi interessa ed aggiungete le vostre considerazioni ( occorre registrarsi al forum, e’ gratuito):


    Petizione per la raccolta Firme per i referendum Regionali

    Presentiamo la petizione in cui raccogliamo le firme per chiedere alla Regione di cambiare le modalità di sottoscrizione per i referendum raccogliendo le istanze di Staderini e De Lucia dopo la sentenza ONU che condanna l’Italia per irragionevoli metodi di raccolta firme.

    Proponiamo un documento da presentare alla Regione Emilia Romagna, per trovare metodi alternativi per la raccolta e per l’autenticazione firme per i Referendum, in modo che non siano ostacolo alla presentazione di referendum proposti dai cittadini, in ottemperanza alla condanna ONU, avvenuta nel Novembre 2019, a seguito della denuncia di due cittadini italiani, il Comitato per i diritti umani dell’ONU ha stabilito inter alia che le procedure referendarie previste dalla normativa nazionale presentano irragionevoli ostacoli alla raccolta delle firme, costituendo così una inaccettabile violazione dei diritti civili e politici dei cittadini italiani.

    Il documento verrà presentato alla regione Emilia Romagna da Nicola Ragno come primo firmatario, portavoce di Più Democrazia Italia, in collaborazione con l’associazione Più Democrazia in Trentino. La regione Emilia Romagna richiede i dati completi solo del primo firmatario, e deve essere un cittadino della regione a presentare la petizione.

    Nel documento è scritto tutto ciò che chiediamo al Presidente della Regione, la copia dell’originale della condanna ONU all’Italia e la sua traduzione.

    Inviate questo documento a tutti vostri contatti e inviateci il documento firmato da quanti più cittadini riuscite.
    Noi ci impegniamo a inviare la petizione alla Presidenza della regione Emilia Romagna appena si raggiunge un significativo numero firme.

    Essendo una petizione, non necessita di autenticazione, quindi è più semplice sottoscriverla e farne la raccolta.

    Inviare modulo firmato allegandolo alla e-mail a nicolaragno [AT] piudemocraziaitalia.org, oppure clicca il pulsante rosso qui sotto che autocompila il destinatario ed allegando il file.

    Il pulsante INVIA MAIL funziona SOLO se si ha un client di posta tipo Thunderbird , Outlook o altro come applicazione predefinita. SE si usa la mail via WEB, occorre compilare a mano il destinatario.

    L’intenzione è quella di fare la stessa cosa per ogni regione italiana, sperando di trovare associazioni che ci aiutino in questa battaglia, e quindi vi chiediamo di diffonderlo prima in Emilia Romagna e poi alle altre regioni chiedendo ai vostri contatti di cercare associazioni nel loro territorio che si prendano in carico tale possibilità, secondo le norme regionali vigenti.

    In caso abbiate bisogno di aiuto per fare ciò, non esitate a contattarci, cercheremo di trovare il modo di fare un documento adatto alla regione indicata nella richiesta.

    Altro progetto simile, è quello di presentare lo stesso tipo di petizione in ogni comune, in modo da “FARE il cambiamento” il prima possibile , e dare nuovamente la parola ai cittadini.
    Questo anche in virtù del fatto che si sta proponendo di cambiare gli statuti dei Comuni, cercando di avere più strumenti democratici negli statti comunali.

    Articoli correlati per “FARE il cambiamento“:

    Statuti comunali a confronto

    Inserire strumenti partecipativi negli statuti comunali

    Assemblea Associati 2021

    Assemblea Annuale Associati indetta per il 23/01/2021

    Convocazione per il giorno 23/01/2021, sabato, alle ore 6,00 in prima convocazione, ed alle 10.00 in seconda convocazione.

    L’incontro è riservato agli associati e si terrà, come al solito, online.

    Ordine del giorno:

    1- Relazione del Portavoce, Tesoriere e Segretario.
    2- Bilancio consuntivo 2020 e preventivo 2021.
    3- Decidere  la quota associativa: mantenere la stessa o cambiarla.
    4- Discussione modifiche allo statuto di associazione per adattarlo all’accesso dei gruppi esterni, se serve.
    5- Decisione sulle attività del “FARE il cambiamento”, come incentivare l’aggregazione e la partecipazione.
    6- Varie ed eventuali: eventuale trasformazione del Comitato in Associazione riconosciuta.

    Riunione Gruppi del 30 gennaio 2021

    Riunione Gruppi: FARE il cambiamento – terza riunione

    Cari amici attivisti della Democrazia, con la prima riunione del 28 novembre 2020, abbiamo iniziato il ciclo di riunioni per “FARE il cambiamento” e dare così continuità alla cooperazione ed al lavoro avviato insieme nel tempo.

    Il 19 dicembre abbiamo fatto un secondo incontro.
    Abbiamo definito un ordirne cronologico ai vari punti raccolti, in base alle valutazioni da voi inviate, e formulato una classifica, in modo che ai successivi incontri, si possa iniziare a parlare dei temi nell’ordine stabilito durante la riunione del 19/12/2020.

    I tre temi da dibattere per il prossimo incontro sono:

    1Preferenze nella legge elettorale
    2Semplificazione raccolta firme (denuncia ONU)
    3Legge sul conflitto di interesse

    Di ogni tema, verrà quindi redatto un documento con il contributo di tutti, dove trascriveremo modi e strumenti individuati per promuoverlo e sostenerlo, per perseguire il fine della proposta, in che modo presentarla, a chi e quando.

    La riunione si svolge online al link https://meet.jit.si/piudemocraziaitalia
    A partire dalle ore 14. Termine previsto: ore 17 , il giorno 30/01/2020

    Per collegarsi, occorre un browser recente ed aggiornato se si usa un Computer.
    Da Telefono o Tablet, con la APP è scaricabile dal Google Store al link:
    https://play.google.com/store/apps/details?id=org.jitsi.meet
    Da Apple Store: https://apps.apple.com/us/app/jitsi-meet/id1165103905

    Qui sotto, nell’immagine, l’elenco dei temi con la graduatoria presentata in conferenza.
    Ricordiamo che l’ordine non deve essere un limite, ma solo un modo di organizzarci.
    Tutti i temi verranno trattati, volendo anche contemporaneamente.
    Possiamo farlo attraverso il FORUM e anche con incontri mirati con riunioni online, anche settimanali, per esempio con i propositori dei vari temi come referenti o anche altri che ritengono di poter dare supporto.
    Metteremo in queste pagine, sul forum e via mail dei gruppi, notizie dei vari incontri, definendo anche delle proposte di date.

    I temi nel FORUM

    ≡ Lista dei temi 

    Il nostro canale YouTube per seguire la diretta video e vedere le conferenze passate.

    Riunione Gruppi del 19 dicembre 2020

    Riunione Gruppi: FARE il cambiamento – seconda riunione

    Cari amici attivisti della Democrazia, con la prima riunione del 28 novembre 2020, abbiamo iniziato il ciclo di riunioni per “FARE il cambiamento” e dare così continuità alla cooperazione ed al lavoro avviato insieme nel tempo.

    Il 19 dicembre ci incontriamo per definire l’ordirne di avvio dei lavori dei vari temi raccolti, in base alle valutazioni da voi inviate.
    Formuleremo così la classifica, in modo che ai successivi incontri, si possa iniziare a parlare dei temi nell’ordine stabilo in riunione.
    Mostreremo quindi i risultati delle vostre votazioni, e da tale classifica, si sceglieranno i 3 argomenti da trattare ad ogni successiva riunione.

    Alla fine della riunione decideremo la data del successivo incontro e, nel periodo che passa tra una riunione e l’altra, si proseguirà, nel FORUM, la discussione dei 3 temi indicati in riunione, al fine di produrre un documento di massima da presentare ai cittadini/partiti/parlamento, che verrà redatto nella riunione successiva.
    Di ogni tema, verrà quindi redatto un documento con il contributo di tutti, dove trascriveremo modi e strumenti individuati per promuoverlo e sostenerlo, per perseguire il fine della proposta, in che modo presentarla, a chi e quando.

    La riunione si svolge online al link https://meet.jit.si/piudemocraziaitalia
    A partire dalle ore 14. Termine previsto: ore 17

    Per collegarsi, occorre un browser recente ed aggiornato se si usa un Computer.
    Da Telefono o Tablet, con la APP è scaricabile dal Google Store al link:
    https://play.google.com/store/apps/details?id=org.jitsi.meet
    Da Apple Store: https://apps.apple.com/us/app/jitsi-meet/id1165103905

    I temi nel FORUM

    ≡ Lista dei temi 

    Fare il cambiamento

    Qui di seguito le versioni del documento: ” Fare il cambiamento” con la descrizione sintetica di 27 punti , per commenti ed approfondimenti sui temi raccomandiamo di utilizzare il Forum, ringraziamo i gruppi e gli attivisti della democrazia di avere contribuito alla redazione del documento e di proseguire con noi nel lavoro di approfondimento, di diffusione e di azione per l’applicazione dei punti di cambiamento qui descritti:




    FARE il cambiamento

    Cari amici attivisti della Democrazia, con la prima riunione del 28 novembre 2020, abbiamo iniziato il ciclo di riunioni per “FARE il cambiamento” e dare così continuità alla cooperazione ed al lavoro avviato insieme nel tempo.
    Lo scorso referendum sul taglio dei parlamentari, era stato promesso dal governo che sarebbe stato un “primo passo per il cambiamento”.
    Ma ad oggi, non ne abbiamo visti tanti dopo tale evento, anzi zero.
    Come detto in riunione, abbiamo raccolto, da fonti ed opinioni diverse, una lista di temi che si è allungata grazie al vostro prezioso contributo.
    Ora vi chiediamo di valutare questi temi per arrivare a formulare una classifica, in modo che ai successivi incontro, si possa iniziare a parlare dei temi in ordine di classifica.
    Sempre con il vostro contributo, cercheremo di redarre un documento finale di 2 o 3 pagina o quante ne servono, da presentare ai cittadini e alle istituzioni.
    Cercheremo anche di individuare modi e strumenti, da decidere assieme, per promuoverli e sostenerli.
    Già dopo la prima riunione, vi abbiamo chiesto di inviarci i vostri temi e una descrizione su esso e su quelli presenti in questa pagina, con il relativo riferimento sul FORUM.
    È già possibile fare commenti sul Forum, inserendo i vostri, senza dover passare preventivamente dalla vostra mail inviata a noi.

    Una volta stilata la classifica, indicheremo un calendario di date, a scadenza fissa di circa 1 mese l’uno dall’altro, da concordare tutti assieme, dove ad ogni data, si parlerà di 3 temi alla volta, in ordine di classifica, quella stilata con i punteggi da voi inviati, così da arrivare ad esaurire tutti i punti concordati.
    E’ possibile scaricare il foglio di calcolo in formato Open Document, dal pulsante download qui sotto, per definire dell’ordine di trattazione dei temi.DOWNLOAD

    Da inviare via e-mail compilato.
    Cliccando sul pulsante rosso qui sotto potrete aprire il client di posta per autocompilare la nuova mail.INVIA EMAIL

    Il pulsante INVIA MAIL funziona SOLO se si ha un client di posta tipo Thunderbird , Outlook o altro come applicazione predefinita. SE si usa la mail via WEB (webclient), occorre compilare a mano i destinatari indicati nel file.

    I temi nel FORUM

    ≡ Lista dei temi 




    I temi nel FORUM

    Il calendario degli EVENTI

    La riunione si svolge online al link https://meet.jit.si/piudemocraziaitalia

    Per collegarsi, occorre un browser recente ed aggiornato se si usa un Computer.
    Da Telefono o Tablet, con la APP scaricabile dai link sotto indicati
    Google Store: https://play.google.com/store/apps/details?id=org.jitsi.meet
    Da Apple Store: https://apps.apple.com/us/app/jitsi-meet/id1165103905

    Tutti gli EVENTI

    Gli incontri ad oggi:

    Riunione Gruppi del 28 novembre 2020

    FARE il cambiamento

    Cari amici attivisti della Democrazia, vi invitiamo ad una riunione dei gruppi, per parlare di come “FARE il cambiamento” e dare così continuità alla cooperazione ed al lavoro avviato insieme nel tempo.
    Abbiamo raccolto, da fonti ed opinioni diverse, una lista di punti di cambiamento e vi chiediamo di valutare altre proposte da inviarci così da aggiungere il vostro prezioso contributo all’elenco da noi stilato. Questa sarà la prima di una serie di riunioni sul tema “FARE il cambiamento”. Fisseremo scadenze, possibilmente regolari, stilando un calendario di incontri per fare una disamina di tutti i punti trovati e per decidere assieme cosa fare per promuoverli e sostenerli.
    Vi chiediamo quindi di inviarci all’indirizzo e-mail: portavoce [AT] piudemocraziaitalia.org , possibilmente entro il 26 novembre, le vostre proposte da inserire nella lista degli argomenti che andremo a trattare, così da permetterci di stilare, prima del giorno dell’incontro, un elenco completo. Durante la riunione si potranno proporre anche altri temi non inviati in precedenza.
    In questa pagina troverete la lista raccolta fino ad oggi.

    La lista dei punti è in costante aggiornamento.

    INVITIAMO TUTTI I DEMOCRATICI

    Sabato 28 novembre 2020

    a partire dalle ore 14.00
    (conclusione prevista: ore 17.00)
    via rete all’indirizzo:

    https://meet.jit.si/piudemocraziaitalia

    Il nostro canale YouTube per seguire la diretta video

    UNIAMOCI PER TROVARE, PROPORRE E SOSTENERE INSIEME PUNTI DI
    CAMBIAMENTO PER MIGLIORARE LA DEMOCRAZIA IN ITALIA.

    Cari amici,
    in occasione dello scorso referendum era stato
    promesso che sarebbe stato un
    “primo passo per il cambiamento”.

    E’ tempo che i democratici italiani,
    purtroppo divisi tra i “SI” ed i “NO” dell’ultimo
    referendum costituzionale, si riuniscano per
    concordare, sostenere ed incentivare il
    cambiamento promesso.

    Più Democrazia Italia ha raccolto,
    da fonti ed opinioni diverse, una lista di punti
    elencati qui di seguito.
    Vi invitiamo al dibattito per organizzarci e sostenerli.


    Senza un movimento per la democrazia forte,
    unito, propositivo e determinato, nessuno di questi punti
    potrà realizzarsi. Per questo:

    PROPONIAMO UN INCONTRO per:
    raccogliere e valutare altre proposte di punti di
    cambiamento – decidere assieme cosa fare per promuoverli
    e sostenerli – fissare scadenze, possibilmente regolari, di
    altri incontri per dare continuità alla cooperazione ed al
    lavoro insieme avviato.

    Primo elenco dei punti di cambiamento

    Nella prima riunione, tutti assieme, in modo democratico, con votazioni, daremo delle priorità ai temi da esaminare, così da avere una scaletta stabilita e ordinata da noi tutti, su quali saranno i temi da esaminare per primi ed i successivi, fino all’esaurimento dei vari punti. I temi proposti sono descritti molto sinteticamente, ed il lavoro di noi tutti sarà di fare una descrizione dettagliata di ogni punto che verrà stabilito di trattare.

    Il nostro intento è quello di portare due o tre temi in esame ad ogni incontro.
    Al primo incontro quindi, dopo aver deciso l’ordine dei temi da trattare, divideremo l’elenco in gruppi di tre, e per ogni gruppo di temi, decideremo una data per l’incontro successivo in cui tratteremo quei tre temi, con scadenza di circa un mese l’uno dall’altro.

    Tutti i temi saranno messi nel forum in anticipo, uno per uno, così da permettere a tutti di inserire commenti, per cercare di portare una disamina ed una discussione iniziale, che si concluderà, auspicabilmente, con l’incontro dei gruppi relativo ai temi decisi per la discussione, per arrivare ad un accodo comune sul come trattare tali argomenti.

    Scaricare il foglio di calcolo dal pulsante download qui sotto, per definire dell’ordine di trattazione dei temi in formato Open Document.

    Da inviare compilato via e-mail compilato, clicca il pulsante rosso qui sotto per inviare.

    Il pulsante INVIA MAIL funziona SOLO se si ha un client di posta tipo Thunderbird , Outlook o altro come applicazione predefinita. SE si usa la mail via WEB, occorre compilare a mano i destinatari, indicati nel file.

    I temi nel FORUM

    FACCIAMOCI SENTIRE – Invito a tutti i gruppi ed ai democratici ad incontrarsi il 16 giugno 2020

    Cari attivisti della Democrazia,

    In Italia già esistono, previsti dalla nostra Costituzione, due strumenti di Democrazia Diretta:
    – il referendum abrogativo
    – la legge di iniziativa popolare a voto parlamentare.

    L’effettivo uso di questi strumenti (ai quali se ne potrebbero aggiungere altri) è però indebolito da diversi impedimenti, anche di carattere burocratico, come per esempio l’obbligo di avere speciali certificatori presenti al momento della raccolta delle firme ed impedendo altre forme di certificazione, le quali, per altro, non solo sono possibili ma esistono in altri paesi. Infatti anche la Comunità Europea, per le sue ECI ( legge di iniziativa popolare europea) ammette ed invita i paesi europei ad utilizzare la firma anche per via telematica.

    Proprio per il pesante impedimento burocratico imposto ai cittadini italiani nella raccolta delle firme, nel Novembre del 2019 il Comitato per i Diritti Umani delle Nazioni Unite ha condannato l’Italia per aver violato l’articolo 25 del Patto Internazionale sui Diritti Umani e Politici.  L’intervento dell’ONU era stato richiesto nel 2015 da alcuni attivisti radicali italiani (Mario Staderini e Michele De Lucia).
    L’organo legislativo italiano sarebbe dovuto intervenire entro 180 giorni dalla data della condanna (quindi entro fine maggio 2020).

    NON lo ha fatto.

    Un’altra anomalia è il fatto che la proposta di introduzione, anche in Italia, della
    legge di iniziativa popolare a voto popolare (detta anche “Referendum Propositivo”),
    già discussa, ed anche approvata, in prima lettura alla Camera, nel febbraio 2019, pare come scomparsa da ogni agenda. L’iter legislativo di questo potente strumento di democrazia diretta risulta misteriosamente bloccato dopo aver superato il 25% del suo percorso (con i tempi e le spese per i dibattiti nelle commissioni, in Parlamento, in votazione).

    Cari amici e democratici, FACCIAMOCI SENTIRE !

    Un modo per farci sentire potrebbe essere quello di raccogliere delle firme per delle petizioni.
    Ma proprio per discutere di come reagire

    PROPONIAMO UN INCONTRO:
    MARTEDI 16.06.2020, a partire dalle ore 20.30 (durata prevista: 2 ore),
    all’indirizzo: https://meet.jit.si/piudemocraziaitalia
    (Come nelle occasioni precedenti, per partecipare basta: collegarsi al sito, attivare microfono alla richiesta, inserire il nome se ci si collega per la prima volta.
    Si raccomanda l’uso di cuffie e microfono).

    Proponiamo tre TEMI DI DISCUSSIONE:

    – Condanna ONU sulla raccolta firme, riforma della legge 352 del 1970.
    – Ripresa dell’iter legislativo per il “Referendum Propositivo”.
    – Varie ed eventuali.


    Testo ONU:
    https://www.piudemocraziaitalia.org/wp-content/uploads/2020/06/Decisione-2655-del-Comitato-diritti-umani-dellOnu-Staderini-DeLucia-Vs-Italia-per-violazione-diritti-politici.pdf

    Lettera aperta del Ministro per i rapporti con il Parlamento e per la Democrazia Diretta Riccardo Fraccaro

    Il ministro Fraccaro ha messo a disposizione dei cittadini la possibilità di parlare con il governo sulla Democrazia diretta, fornendo

    http://www.riformeistituzionali.gov.it/it/democrazia-diretta/

    All’interno della lettera, rimanda al link per poter fornire idee e suggerimenti.

    Per contattarci sulla democrazia diretta

    http://www.riformeistituzionali.gov.it/it/per-contattarci-sulla-democrazia-diretta/

    una grande occasione per le associazioni che promuovono la Democrazia Diretta di farsi ascoltare e dare suggerimenti e idee in merito.

    Facciamoci sentire.

    Libretto informativo Referendum 2020 sul taglio dei parlamentari

    PREMESSA: fatti antecedenti e successivi alla redazione.
    Prima di organizzare la redazione dell’ “Opuscolo informativo” (detto anche “libretto delle votazioni”, che potete scaricare da questa pagina), avevamo scritto ai parlamentari invitandoli ad organizzare l’esistenza del libretto in una forma “ufficiale”. Non avendo ricevuto risposte ci si è organizzati tra semplici cittadini di opinioni diverse per la redazione, in modo che questo importante strumento di informazione indispensabile all’uso corretto degli strumenti di democrazia diretta esistenti in Italia (come sono i referendum costituzionali) esistesse e fosse conosciuto. In seguito abbiamo potuto constatare, con piacere, che ci sono alcuni parlamentari sensibili la problema e favorevoli all’esistenza di questo strumento di informazione: L’On, Vittoria Baldino ci ha contattato per complimentarsi del lavoro fatto, esprimendo parere favorevole all’esistenza del “libretto”. Il testo è stato poi citato in una seduta della Camera l’11 giugno 2020 per iniziativa dell’ On. Riccardo Magi e l’Esecutivo ha risposto positivamente all’invito di fare conoscere il “libretto”.

    (L’appello inviato ai parlamentari, ed il resoconto del successivo dibattito alla Camera potete leggerli qui:
    https://www.piudemocraziaitalia.org/2020/01/30/richiesta-pubblicazione-libretto-informativo-sui-referendum-di-stato/ )

    Abbiamo poi il piacere di informare che l’ opuscolo informativo per le consultazioni referendarie è già previsto dal Codice degli Enti locali del Trentino-Alto Adige e dalla legge provinciale sui referendum di Bolzano e questo dal 2014. Ma non solo: recentemente, il 22 luglio 2020, per iniziativa del consigliere Alex Marini, il Consiglio regionale del Trentino-Alto Adige/Sűdtirol a larghissima maggioranza ha chiesto formalmente a Governo e Parlamento di adoperarsi per predisporre un opuscolo informativo ufficiale in occasione dell’imminente referendum.
    Raccomandiamo di leggere maggiori indicazioni in proposito, qui:

    https://alexmarini.com/2020/07/23/opuscolo-informativo-da-abbinare-ai-referendum-il-consiglio-regionale-del-trentino-alto-adige-impegna-governo-e-parlamento-a-modificare-la-norma-statale

    NOTA sulla redazione dell’opuscolo.
    I testi presenti nel “Opuscolo informativo” sul Referendum sul taglio dei parlamentari sono stati redatti da semplici cittadini, attivisti di comitati a favore del SI e del NO, in cooperazione tra di loro ( in modo simile a quanto avviene nello stato USA dell’Oregon, dove i redattori vengono estratti a sorte tra i cittadini).
    Infatti, nelle importanti occasioni come sono le votazioni popolari, occorre che
    l’informazione dei cittadini sia all’altezza delle loro responsabilità e sia in grado di
    mettere ciascuno nelle condizioni migliori in modo che possa fare la scelta più
    intelligente per la collettività intera. L’informazione, quindi, deve essere al tempo
    stesso sintetica ma completa, pluralista, accessibile a tutti. Non può essere “di
    parte”, tanto meno può essere affidata ad entità a carattere commerciale (come lo
    sono i media privati). Nei paesi dove gli strumenti di democrazia diretta, affiancati da
    quelli di democrazia rappresentativa, sono presenti da più tempo e sono di uso più
    frequente ( Svizzera … , California … ecc ecc), un documento come il presente esiste
    e viene gratuitamente diffuso da enti pubblici agli elettori.
    Per il bene del popolo italiano e della sua democrazia, i cittadini democratici e gli enti
    che sostengono la diffusione di questo strumento di informazione esortano i
    legislatori a fare in modo che un testo con queste caratteristiche venga redatto e reso
    pubblico in ogni futura occasione.

    SCARICA IL LIBRETTO:

    Dopo avere scaricato il testo ( premere il pulsante “download”, qui sopra), potrete stampare il documento sia in formato normale (A4) come anche in formato libretto.
    Raccomandiamo il formato libretto.

    Ricordiamo che per stampare in formato libretto, di formato A5, occorre usare fogli normali, di formato A4, e selezionare la opzione “libretto” presente tra le opzioni di stampa.
    Ogni libretto necessiterà di due fogli.

    Al link di seguito riportato, potete leggere le varie modifiche per arrivare alla attuale versione.
    https://www.piudemocraziaitalia.org/forum/topic/versione-attuale-del-libretto-sul-taglio/

    Richiesta pubblicazione “libretto informativo” sui referendum di Stato

    Gentili Presidenti del Senato e della Camera, Gentili parlamentari,

    Il popolo italiano si appresta a votare per il prossimo referendum, sul

    tema della riduzione dei parlamentari.

    In queste importanti occasioni  occorre che l’informazione dei cittadini
    sia all’altezza delle loro

    responsabilità e sia in grado di mettere ciascuno nelle condizioni migliori in modo da poter fare la scelta più intelligente per la collettività intera.

    L’informazione, quindi, deve essere al tempo stesso completa,
    pluralista, accessibile a tutti.

    Non può essere “di parte”, tanto meno può essere affidata ad entità private e di carattere commerciale (come lo sono i media privati).

    Per questo, come voi di certo sapete, nei paesi dove gli strumenti di democrazia diretta sono

    presenti da più tempo e sono di uso più frequente ( Svizzera … , California … ecc ecc), esiste e viene gratuitamente diffuso agli elettori  il “Libretto delle votazioni” che, su ogni tema referendario, contiene:
    – una informazione generale, oggettiva e neutra sul problema.
    – gli argomenti a favore.
    – gli argomenti contro.

    I testi sono redatti  in cooperazione con i comitati a favore del SI o
    del NO, o gli enti promotori e oppositori.

    Per il bene del popolo italiano e della sua democrazia, come cittadini e
    come associazione Più Democrazia Italia, vi esortiamo di fare in modo che un testo con queste caratteristiche venga redatto e reso pubblico. Questa è l’occasione per iniziare un percorso da ripetere per tutti i
    referendum che verranno, utile al futuro di un’ Italia Democratica, non solo a parole, ma anche nei fatti.

    Potete gentilmente darci conferma del fatto che questo importantissimo
    strumento di democrazia verrà reso disponibile?
    Attendiamo questa conferma da parte vostra, anche per contribuire a
    propagandarne il corretto uso da parte degli elettori.

    Grazie per l’attenzione.
    Nicola Ragno
    Portavoce della associazione Più Democrazia Italia
    (www.piudemocraziaitalia.org)

    P.S.: – A titolo di esempio potete trovare al link sotto riportato, un
    esemplare del “libretto delle votazioni” svizzero (esistente quindi
    anche in lingua italiana), attualmente in distribuzione in Svizzera
    concernente due temi in votazione nel febbraio prossimo:


    Portavoce Più Democrazia Italia
    Nicola Ragno
    Telegram: @Spidernr
    Twitter: comitato@piudemocraziaitalia.org

    = = =
    Importante aggiornamento: l’11.06.2020, La Camera impegno il Governo a rendere disponibile l’ “opuscolo informativo” :

    https://www.piudemocraziaitalia.org/2020/06/13/la-camera-impegna-il-governo-a-rendere-disponibile-il-libretto/

    Assemblea annuale (2020)

    È convocata l’assemblea annuale dei soci, in seconda lettura, per martedì 21 gennaio alle ore 18,45.

    Come al solito su: Jitsi meet

    Agenda:

    • Approvazione bilancio 2019.
    • Approvazione bilancio di previsione 2020.
    • Approvazione attività e mozioni.
    • Rinnovo cariche.
    • Conferma quota associativa a 20 euro.
    • Chat Comitato solo per soci in regola con il versamento della quota annuale.
    • Varie ed eventuali.

    Il voto sarà valido solo per le persone in ordine con le quote associative per l’anno 2019

    Democrazia diretta in Svizzera

    UNA TRADIZIONE CHE DURA DA 170 ANNI

    Ho appena letto l’ultima pubblicazione di Thomas Benedikter per mezzo di Edizioni Sì.

    Thomas Benedikter, Bolzano, economista e ricercatore sociale, pubblicista, attivo nella ricerca e consulenza politica e nell’educazione civica.
    Dal 2013 responsabile del centro studi politici POLITiS.

    Si tratta di un libro in formato A5 di un centinaio di pagine che tratta l’argomento in maniera completa.

    Il formato, la scorrevolezza della lettura unita alla ricchezza di informazioni e riferimenti alla bibliografia ed agli approfondimenti disponibili sulla rete, sono essenziali per una informazione completa sull’argomento.

    L’ultimo capitolo tratta di come la democrazia diretta è stata esportata nel mondo e come potrebbe essere importata nell’ordinamento italiano.
    Sappiamo che questo processo è in corso, partendo dallo stato embrionale nella nostra costituzione, anche se i nostri concittadini ne sono inconsapevoli.

    Questa lettura è consigliata per comprendere il possibile percorso essenzialmente formativo che permetterebbe al popolo italiano di essere veramente sovrano.

    Il libro è corredato dagli scritti dei nostri amici Andi Gros e Leonello Zaquini.
    = = =
    Qui di seguito ci sono alcune testi il secondo dei quali, quello:

    IL CAPPELLO SUL BASTONE

    Tutto ebbe inizio da un cappello su un bastone”.

    e’ il capitolo del libro “La democrazia diretta vista da vicino” inserto anche nel libro di Thomas

    Lettura consigliata.

    4 Proposte di Legge per l’Emilia Romagna

    Alcune associazioni cittadine propongo 4 LIP per l’Emilia Romagna.

    Alcune associazioni cittadine chiedono ai cittadini di leggere e firmare, così sostenere, 4 proposte di legge.
    Quello che vogliamo fare notare e promuovere come Comitato, è il fatto che queste iniziative dei cittadini sono Democrazia Diretta, proposte per FARE il Cambiamento, e solo i cittadini, con le loro presa di coscienza e lettura delle proposte, possono decidere se farle diventare realtà.

    Sta ai cittadini prendere coscienza del proprio potere decisionale, LEGGERE , INFORMARSI è l’unico modo per decidere in coscienza, con la propria testa.

    Solo leggendo di persona e conoscendo i dati, si potrà prendere una decisione.
    Nel sito trovate tutta la documentazione proposta per proposta, per documentarvi e decidere se firmare o meno le 4 proposte di legge.

    4 Proposte di Legge di iniziativa popolare

    ACQUA
    ENERGIA
    RIFIUTI
    SUOLO

    NO alla cancellazione della democrazia diretta, il referendum del 29 maggio in provincia di Bolzano

    Il 29 maggio prossimo (2022) si terra’ in Trentino Alto Adige ( Süd Tirol), un referendum importante per tutta l’Italia.

    In ultra sintesi: nel 2018 si era riusciti con una nuova legge ad introdurre importanti strumenti di democrazia diretta, tra i quali il “referendum confermativo” , che dà ai cittadini la possibilità di votare per decidere se una delibera o legge approvata dal Consiglio provinciale debba entrare in vigore o meno. Lo strumento elimina il monopolio del potere legislativo (che sta tanto a cuore ai politici-di-mestiere ed alle loro lobby: poverette se la devono vedere con i cittadini e non basta loro comperarsi i favori dei capi-di-partito). La maggioranza di governo provinciale di SVP, Lega e Forza Italia, hanno varato nel giugno 2021 una legge che prevede niente meno che l’abolizione di questo strumento ma anche alcune altre gravi modifiche (p.e. eliminerebbe la imparzialità della redazione per l’opuscolo referendario passandola alla Presidenza del Consiglio) che rafforzerebbero la “centralità” dei politici in altri strumenti di democrazia.

    Pensiamo ed invitiamo tutti a mobilitarci per sostenere il NO al referendum.

    In base ai regolamenti e leggi provinciali secondo una delibera del Consiglio provinciale e’ stata anche introdotta la redazione del “libretto delle votazioni”. Suggeriamo di impegnarci tutti a conoscere e fare conoscere lo strumento al maggior numero di italiani, come abbiamo fatto nel 2020 con il libretto sul referendum di quell’anno e come stiamo facendo adesso con il libretto per il referendum sui temi della giustizia.

    Qui di seguito il link al libretto per il referendum del 29 Maggio della provincia di Bolzano. Da notare che e’ scritto in tre lingue dato che le lingue della provincia sono tre, l’italiano inizia a pag 8. Da notare anche che la parte che invita a sostenere con il Sì lo intitolano come ” progetto della democrazia diretta”. Il cosi’ detto “progetto della democrazia diretta” della SVP per trent’anni consiste in nient’altro che nell’impedire il funzionamento della democrazia diretta, a livello provinciale come a quello comunale. E però la loro battaglia la fanno all’insegna della democrazia diretta, sapendo che i cittadini la approvano e la sostengono.

    https://referendumprovinciale.provincia.bz.it/downloads/informationsbroschuere-opuscolo-informativo_2022-05.pdfreferendumprovinciale.provincia.bz.it/downloads/informationsbroschuere-opuscolo-informativo_2022-05.pdf

    Vi passiamo anche il link alla pagina web sul referendum nel sito di : Iniziativa Per Più Democrazia, di Bolzano.

    https://www.dirdemdi.org/index.php/it/attivita/referendum-salva-il-referendum

    https://www.dirdemdi.org/index.php/it/attivita/referendum-salva-il-referendum

    vedi anche il raffronto tra regolamento del referendum in Svizzera e in Alto Adige