Home Forums 10 – FARE il cambiamento Regolamentazione democratica negli statuti dei partiti

Visualizzazione 4 filoni di risposte
  • Autore
    Post
    • #4005 Score: 0
      portavoce
      Amministratore del forum
      12 punti

      Regolamentazione democratica negli statuti dei partiti

      Stanza videoconferenza:

      https://meet.jit.si/piudemocraziaitalia_15

      • Aggiungi al Frasario
        • Non ci sono elenchi di parole per Italiano -> Inglese…
        • Crea un nuovo elenco di parole…
      • Copia
      • Questo topic è stato modificato 3 mesi fa da portavoce.
    • #4034 Score: 0
      Nicola
      Amministratore del forum
      3 punti
       Art. 49 della Costituzione
      
      Tutti i cittadini hanno diritto di associarsi liberamente in partiti
      per concorrere con metodo democratico a determinare la politica
       nazionale [cfr. artt. 18, 98 c. 3, XII c. 1].
      
      https://www.senato.it/1025?sezione=123&articolo_numero_articolo=49
      
      
      Uno Statuto dei partiti democratico, significa avere metodi democratici  interni per definire le linee guida del partito.
      
      In modo che tutti gli iscritti abbiano lo stesso diritto e possibilità di partecipare alla vita del partito e scegliere la direzione, ma NON la guida, perché chi guida, non deve essere uno o un piccolo gruppo di persone, ma tutti gli iscritti, che con voti democratici, decidono tutti assieme, la direzione del partito. Una testa un voto per qualsiasi cosa il partito debba decidere.
      
      Votare persone e ruoli con possibilità di cambio persone, in modo da dare a tutti la possibilità di concorrere al ruolo. Ruoli che non durano a vita, ma a scadenza con possibilità di cambio ogni tot tempo.
      
      – Gruppo dirigente
      
      – Gruppo comunicazione
      
      – Votare le politiche interne e da promuovere verso i cittadini
      
      – etc….
      
      In questo modo si evitano derive oligarchiche, previste da Ostrogowski, dove sola persona decide tutto, come accade ormai da alcuni decenni nel nostro panorama partitico.
      
      Inoltre, se un partito ha uno Statuto democratico, promuove già la democrazia e attrae solo persone che sono ispirate dalla Democrazia e ne condividono il suo fascino.
      
      Fungendo così da faro e ispirazione per tutti cittadini, ed un insegnamento, che se protratto nel tempo, non potrà che portare effetti positivi in tutto il paese.entazione-democratica-negli-statuti-dei-partiti/?view=all#post-3997
      

       

    • #4238 Score: 1
      Leonello Zaquini
      Moderatore
      76 punti

      Grazie Nicola per il contributo.
      Suggerisco di esporlo in una forma piu’ “tradizionale” per facilitarne la lettura.

      Sul tema ci possono essere anche diverse proposte aggiuntive come per esempio l’obbligo dei partiti di rispettare le promesse elettorali.

      Sarebbe anche interessante sapere se in qualche paese del mondo sono stati introdotti strumenti che assicurino la democrazia nei  partiti

      • Questa risposta è stata modificata 2 mesi, 1 settimana fa da Leonello Zaquini.
    • #4268 Score: 0
      Nicola
      Amministratore del forum
      3 punti

      Interessante argomentazione presa da un post sulla taverna dei Pirati del 2012.

      Anche qui si affronta la presa di potere di un capo di partito, in un partito senza uno statuto solido come fondamenta.

      https://taverna.arrembaggio.eu/t/prima-le-persone-adotta-ex-statuto-pirata/799

       

      Scenari politici di attacco

      Consideriamo uno scenario esemplare per dimostrare la vulnerabilità di tale statuto. Consideriamo un utente genuino che discute una proposta politica a discapito di una certa industria ed un altro utente pagato da tale industria. Immaginiamo che tale secondo coinvolga il primo in un litigio che scende sul personale (facile da provocare in rete). Agli altri partecipanti può apparire che entrambe le persone si stiano comportando male. Stando allo statuto l’amministratore del sito web è implicitamente incaricato a risolvere le questioni disciplinari perciò potrebbe sanzionare entrambi gli utenti. In questo caso il lobbista ha vinto in quanto la proposta ha perso di credibilità e popolarità. La vittima non può nemmeno appellarsi al Collegio Arbitrale… perchè manca.

      Altro scenario critico sarebbe, cosa succede se l’amministratore del sito web decide di fare il Casaleggio per “Prima Le Persone” ? Bisogna aspettare l’assemblea fisica per rimpiazzarlo? E se si comporta bene con tutti tranne con quelli che fanno le proposte politiche scomode? La base sarebbe in grado di accorgersi che ha relegato un enorme potere esecutivo ad una singola persona e di formare una maggioranza nell’intento a rimpiazzarlo? Cosa succede se l’amministratore del sito web è una persona popolarissima nel movimento, superfidata da tutti? Un Beppe Grillo per esempio? Sarebbero in grado le vittime di comprovare l’accaduto in modo concreto? O ci farebbero la figura dei paranoici, asociali e malpensanti, coloro che promuovono di rimpiazzare l’amministratore e il suo staff? Se fosse così non c’è nessuno per il quale sarebbe opportuno criticare l’amministratore. Meglio starsene zitti e sperare che le proprie proposte passino.

    • #4719 Score: 0
      Leonello Zaquini
      Moderatore
      76 punti

      Con Dario ci si interrogava su come e dove si potrebbero trovare paesi dove una regolamentazione simile fosse presente.

      Ho cercato un po’ in rete.
      Riporto qui quello che ho trovato.
      Ci soo deglil articoli e documenti interessanti, anche se non riportano le indicaizoni cercate.

      Queste mi paiono piu’ presenti nell’ultimo dei punti trovati.
      Qui di seguto la lista con le “voci” che ho usato per la ricerca via google, ed i siti che mi sono parsi piu’ interessanti:

      Voce: “partiti democrazia interna mondo”

      https://core.ac.uk/download/pdf/333582759.pdf

      http://www.area-c54.it/public/la%20democrazia%20interna%20dei%20partiti%20politici%20-%20tesi_0.pdf

      https://journals.openedition.org/qds/433?lang=fr

      IN inglese:

      (Questo non parla di pariti, ma della democrazia nel mondo):

      https://www.idea.int/sites/default/files/publications/chapters/the-global-state-of-democracy-2019-CH1.pdf

      Voce: legal regulation intra parties democracy world

      https://aceproject.org/electoral-advice/archive/questions/replies/110615365

       

Visualizzazione 4 filoni di risposte
  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.