Cari amici,
Abbiamo deciso di incontrarci per discutere del tema:
” Nuova situazione politica, possibili interventi”.
Lunedì 9.09.19 ore 18h45
Il luogo dell’incontro sarà:

https://meet.jit.si/piudemocraziaitalia

( Come al solito per partecipare basta:
collegarsi al sito, attivare microfono alla richiesta.
Si raccomanda l’uso di cuffie e microfono).

E’ particolarmente gradita la partecipazione non solo degli iscritti a piudemocraziaitalia, ma anche di amici, e simpatizzanti di altre associazioni, gruppi o singoli interessati al tema “piu democrazia” .

= = =
Per chi non ci conoscesse, Piudemocraziaitalia e’ un gruppo che da alcuni anni e’ attivo per promuovere: “piu’ democrazia in Italia … , in Europa e … ovunque nel mondo”.
Una descrizione meno sintetica dei nostri intenti la trovate in questo sito, qui:
https://www.piudemocraziaitalia.org/info/

Per quanto concerne il tema che suggeriamo di discutere, in seguito alla nuova situazione politica in italia, abbiamo redatto e pubblicizzato alcuni documenti che abbiamo fatto circolare in rete, presenti nella “home” del sito proprio sotto qesto annuncio:
https://www.piudemocraziaitalia.org/

ed in particolare segnaliamo:
https://www.piudemocraziaitalia.org/2019/08/28/migliorare-la-democrazia-e-consolidare-i-governi-rappresentativi-e-collegiali/




8 pensieri riguardo “Incontro del 9.09 ore 18h45: indirizzo, agenda, resoconto

  1. Contributo alla riflessione, per la riunione:

    1- certe rivendicazioni (soprattutto concernenti strumenti di democrazia) DANNO FASTIDIO a chi svolge la funzione del partito, qualsiasi sia il partito ed i suoi programmi.
    Esempio: le “preferenze” complicano la vita ai “capi partito”.

    2- il “movimento per la democrazia” ( di fatto esistente in Italia) non si e’ fatto abbastanza vedere e sentire.
    Esempio: un giornale come il Fatto Quotidiano, pur se di orientamento “democratico” esclude sistematicamente il tema “democrazia diretta”. Il “movimento” non e’ ruscito a fare pubblicare nemmeno una letterina di commento sul “Global forum” ( avvenuto a Roma a pochi metri dalla redazione del giornale, con centinaia di attivisti provenienti da tutto il mondo), ne’ quando la Camera approvava la proposta di “Referendum propositivo”.

    Sul punto 1, (prevedibilissimo e ben previsto da chi conosce la “sociologia dei partiti politici”, e le analisi di Ostrogorski), i cittadini non ci possono fare molto.

    Sul punto 2, possiamo intervenire correggendoci.
    E questo e’ lo scopo della riflessione e della riunione di lunedi’:

    Trovarci per scoprire insieme:
    – COSA FARE.
    Vale a dire:
    – COSA POSSIAMO FARE PER FARCI VEDERE E SENTIRE DI PIU’ in quando movimento democratico,
    e quindi:
    – COME POSSIAMO INFLUENZARE DI PIU’ E MEGLIO LE COSCIENZE DEI NOSTRI CONCITTADINI e, attraverso quelle, il mondo politico in modo che si prendano decisioni e si introducano strumenti che facciano progredire il sistema demoratico.

  2. Elenco di iniziative possibili.

    1) Creare momenti di incontro, di dialogo e di azione, stabili tra organizzazioni esistenti. Per esempio: incontri via rete sistematici (mensili o bimensili), incontri fisici (annuali) … .
    1.1) Mirare a creare un “bollettino” comune (come quello del ministro Fraccaro, uscito purtroppo solo in due numeri).

    2) Promuovere la costituzione di organizzazioni locali oppure anche su temi specifici e particolari, coerenti con il rafforzamento della democrazia.

    3) Propagandare e fare conoscere risultati positivi, anche se limitati ed ottenuti a livello locale: comunale, regionale … ecc. (Esempio: gli strumenti di democrazia partecipativa ottenuti in Toscana).

    4) Creare e rendere disponibili a tutti strumenti di riflessione e di propaganda (esempio: sottotitolare e rendere disponibile il film “La battaglia dei Gripen” sulla democrazia diretta in Svizzera).

    5) Creare e condividere delle basi di dati ed indirizzari di :
    – politici, personalita’ della cultura, giornalisti, giornali e media potenzialmente favorevoli al rafforzamento degli strumenti della democrazia. (Esempio: riuscire a fare parlare di demorazia diretta il giornale “Il Fatto Quotidiano” e magari altri giornali anche se locali).

    6) Organizzare eventi in comune tra le organizzazioni, come per esempio un “Global forum italiano”, oppure l’ “Omnibus_für_direkte_Demokratie” di Meherdemocratie Deutchland.

    7) Tenere i contatti, seguire e fare conoscere le attività di associazioni, gruppi e movimenti all’estero, attivi sul tema del potenziamento degli strumenti della democrazia.

    8) Promuovere e/o partecipare ad attivita’ di studio e ricerca sui temi della democrazia e diffonderne i risultati.

  3. Cosa ha in programma piudemocraziaitalia ?
    L’elenco delle attivita’, qui di seguito, puo’ aiutare a esemplificare i punti precedenti:

    Attivita’ in questo momento :
    1- stiamo traducendo e mettendo i sottotitoli al film Svizzero “La battaglia dei Gripen”, in modo da renderlo visibile ad un pubblico italiano.

    2- Avevamo iniziato e stiamo rilanciando l’organizzazione di una visita in Svizzera dell’ ex ministro per la democrazia diretta italiano, che sarebbe ospitato da diverse associazioni a-partitiche locali. In alcuni eventi ( se ne erano immaginati tre: Ginevra, Basilea, Zurigo) dovrebbe: incontrarsi con personalita’ locali e dovrebbe spiegare quello che era il programma di realizzazione del “referendum propositivo” (una modifica costituzionale per la introduzione della -legge di iniziativa popolare a voto popolare-).
    Fraccaro dovrebbe poi spiegare come mai il tema non è incluso nel programma di governo attuale ed indicare l’origine degli “intoppi” verificatisi pur dopo che si era approvata la modifica costituzionale alla Camera, indicando cosa un “movomento della deocrazia” potrebbe fare per superare gli “intoppi”.

    3- Stiamo redigendo un indirizzario dei contatti (attivita’ decisa durante il nostro incontro a Roma in occasione del Global forum, ma che e’ in ritardo).

    4- Stiamo collaborando con un giornale delle Marche, che ci ha chiesto degli articoli. I tentativi di fare parlare di democrazia diretta il Fatto Quotidiano sono per il momento andati falliti, nonostante diverse decine di lettere ed anche alcuni incontri, rapidi, con Travaglio, Padellaro ed altri , ma … occorrera’ insistere.

  4. Dopo la riunione, raccolgo da appunti proposte e spunti (appunti provvisori, da integrare):
    Da Guido:
    – scuola di politica.
    – costituzione europea fatta dai cittadini europei.

    Da Roberto:
    – esigere referendum obbligatorio pe leggi elettorali ed altre leggi oggettivamente autorifereziali”.

    Da Stefano:
    – studio fisico matematico sulla democrazia.
    (mia nota, connessioni:
    – contattare anche Christian sul tema.
    i ricercatori Di Catania: Putino … ecc.
    – tesi democrazia diretta Rensi .
    – DD e sistemi di qualita’
    – video gioco sulla DD)

    Commento di Piergiorgio:
    Progetto Epale.ec.europa.eu/it

    Libro proposto da Guido:
    “Labirinto del continuo”

    Davide cita:
    – video gioco

  5. Aggiungo,
    DECISO, COSE DA FARE:
    – riunioni con cadenza mensile.
    – proseguire nella creazione / consolidamento: indirizzario:
    – – gruppi/attivisti interessati.
    – – giornali e giornalisti coinvolgibili.
    – – autorita’ e personalita’ potenzialmente interessati

    1. Grazie per il lavoro che state facendo e mi riprometto di partecipare alla prossima riunione. Tutte le proposte che ho letto sarebbero da portare avanti, risorse umane permettendo. Se non si riesce a far tutto darei preferenza a indirizzario, scuola di politica, “bollettino”.
      P.S. In questa fase mi pare che una riunione con cadenza mensile sia troppo poco; terrei la cadenza settimanale del lunedì.
      Luciano.

  6. Grazie Luciano per il tuo commento,
    Condivdo le priorita’ che hai indicato.

    = = =
    aggiungo qui il resoconto della riunione “interna” ( ma aperta i chi volesse partecipare) di martedi’ scorso.
    = = =
    si e’ parlato di :

    A- INDIRIZZARIO
    1) come farlo usando FB.
    2) come archiviarlo in modo ” discreto ” ( condivisibile ma non pubblico ) .
    3) complétare quello ” estero “.

    B- tema ” riduzione parlamentari “.
    Ci siamo trovati D’ accordo nel dire che :
    – siamo in genere contrari: riduce la ( potenziale ) rappresentativita” del parlamento .
    – il parlamento comunque e’ ” partitizzato ” e quindi non e’ di per se attualmente rappresentativo.
    – e’ opportuno approfittare del fatto che il tema sia all” ordine del giiorno per contrastare il partitismo che riduce la rappresentativita’ del parlamento anche con la riduzione dei parlamentari .

    Trattandosi Di una riforma costituzionale puo essere che si arrivera ad un referendum .
    Ci e’ parso opportuno argomentare per il NO.

    Sul tema ne discuteremo nel sito per rédigere un testo collettivo.

    si era anche elencata la lista dei progetti che erano stati proposti durante la “riunione dei gruppi”: Eccola:

    – scuole di democrazia.

    – modello empirico- matematico per dimostrare l’ efficacia della DD . ( come nel libro: ” la democrazia à caso ” ).

    – storia della DD .

    – DD e sistemi di qualita ‘ .
    = = =
    Prossima riunione: martedi’ 8.10 ore 18h45.
    all’indirizzo indicato qui sopra.

Lascia un commento