Home Forums 7 – Attività ed interventi di Più Democrazia Italia e cooperazioni con altri. Versione attuale del “libretto” (sul “taglio”)

Visualizzazione 23 filoni di risposte
  • Autore
    Post
    • #2801 Score: 1
      Leonello Zaquini
      Moderatore
      45 punti

      Pag 1 (copertina).
      = = =

      OPUSCOLO INFORMATIVO DELLA VOTAZIONE
      del 29 Marzo 2020

      Oggetto: Riduzione del numero dei parlamentari

    • #2802 Score: 1
      Leonello Zaquini
      Moderatore
      45 punti

      Pag 2
      = = =
      Integrate proposte del 23 e 24 _02 (salvo “conteggi” del senato ” x su 100 mila”).
      = = =

      PRESENTAZIONE DELL’ ARGOMENTO E CONTESTO GENERALE, IN BREVE.

      IL CONTESTO: riduzione del numero dei parlamentari
      Con questo referendum il popolo italiano viene chiamato ad approvare o meno la legge approvata dal parlamento in data 11 luglio 2019 del disegno di legge costituzionale A.S. 214-515-805-B dal titolo: “Modifiche agli articoli 56, 57 e 59 della Costituzione in materia di riduzione del numero dei parlamentari” modifica costituzionale che prevede il passaggio dagli attuali 630 a 400 deputati e dagli attuali 315 a cui si aggiungono senatori a vita a 200 senatori. La riforma limita a 5 il numero massimo di senatori a vita.
      – L’ art.138 della Costituzione prevede che le modifiche costituzionali: «… sono sottoposte a referendum popolare quando, entro tre mesi dalla loro pubblicazione, ne facciano domanda un quinto dei membri di una Camera».
      – Nei tempi indicati sono state raccolte le firme richieste.
      – Il 15 Gennaio la Corte di Cassazione ha approvato la «ammissibilità del referendum».

      COSA E COME SI VOTA: “si” o “no” alla riduzione, senza quorum
      Votando SI approvate la riduzione del numero dei parlamentari.
      Votando NO stabilite che il numero rimanga quello attuale.
      Inoltre, in caso di approvazione, verrà modificata la legge elettorale per ridefinire i collegi elettorali coerentemente al numero inferiore dei parlamentari eletti
      In questa votazione, trattandosi di un referendum costituzionale, non esiste il quorum quindi prevarrà la maggioranza dei voti espressi indipendentemente dal numero dei votanti.

      EFFETTI: rapporto tra elettori ed eletti
      Il numero dei parlamentari e la definizione dei collegi elettorali influenza i rapporti tra gli elettori e gli eletti, influenza anche i rapporti tra i partiti ed i loro candidati e poi gli eletti, inoltre influenza il processo legislativo. Gli effetti vengono stimati, da chi è favorevole, principalmente in quanto renderebbe più snello il decidere ed anche, sebbene con prudenza, come riduzione di spese. Da chi invece è contrario l’effetto principalmente temuto è la riduzione della rappresentatività.
      Questi argomenti verranno presentati più in dettaglio nei capitoli seguenti.

      ESEMPI: in altri paesi e contesti
      Il problema del numero dei parlamentari è affrontato in modo diverso nei diversi paesi UE.
      I paragoni sono resi difficili dal fatto che i sistemi politici possono essere diversi da paese a paese. Per esempio in alcuni paesi esiste una sola Camera, in altri il Senato ha funzioni e prerogative diverse. Nei paesi a struttura federale i parlamenti locali si sovrappongono alle funzioni del Parlamento in uno stato non federale.
      In generale però si può constatare che:
      – il numero di parlamentari per 100 mila abitanti aumenta nei paesi di piccole dimensioni,
      – i paesi con struttura federale ne hanno tendenzialmente meno, dato che è come se avessero più parlamentari rispetto al numero strettamente indicato a livello centrale.
      A seconda dei sistemi democratici, possiamo constatare che il numero dei parlamentari può essere fissato in rapporto alla popolazione (come è ora in Austria, e come era nella Costituzione italiana dal 1948 al 1963), oppure in base ad un numero fisso, previsto nella Costituzione (come è in Italia a partire dalla modifica costituzionale del 1963), oppure il numero viene stabilito per legge (come è in Francia, dove la costituzione si limita a fissare dei numeri massimi o minimi).

      DATI comparativi tra diversi paesi
      In base ai dati forniti dal Servizio Studi del Senato Italiano, l’Italia attualmente, con 1,6 parlamentari ogni 100 mila abitanti, si colloca al 22° posto tra i 27 paesi europei (al primo posto Malta con 16,6 parlamentari per 100 mila abitanti, all’ultimo la Germania, paese federale, con 0,8).
      In caso di approvazione della riduzione dei parlamentari tale rapporto scenderebbe allo 0,99 eletti per 100.000 abitanti, resteremmo penultimi prima della Germania e dopo la Spagna (1,3).
      Nei grandi paesi democratici del mondo, quali USA, Brasile ed India, il rapporto tra elettori ed eletti è intorno ad un eletto ogni 500 mila elettori.

      LA COSTITUZIONE DEL 48
      In Italia, il testo originario della Costituzione (valido tra il 1948 ed il 1963) prevedeva per la Camera, un deputato ogni 80.000 abitanti; per il Senato, prevedeva un senatore ogni 200.000 abitanti, questo avrebbe richiesto in totale di circa 110 parlamentari in più rispetto ai 930 attualmente in vigore.
      Con la modifica Costituzionale del 1963, che fissa il numero dei rappresentanti indipendentemente dal numero degli abitanti, in rapporto alla popolazione aumentata negli anni, oggi il rapporto è cambiato: vi è un deputato ogni 96.000 abitanti circa e un senatore ogni 189.000 abitanti circa, ed un rapporto complessivo di 1,6 parlamentari ogni 100 mila abitanti.

      SETTE TENTATIVI di riforma, in passato.
      Dal 1983 si sono succeduti sette tentativi di riduzione del numero dei parlamentari. Per motivi diversi non hanno avuto seguito.
      = = =

      *** la nota esplicativa seguente non fa parte del testo proposto (era un aiuto alla redazione):

      NOTA: il testo è approvato da un gruppo di cittadini attivi in comitati favorevoli e contrari.
      Integrati i commenti.

      • Questa risposta è stata modificata 4 mesi, 3 settimane fa da Leonello Zaquini.
      • Questa risposta è stata modificata 4 mesi, 3 settimane fa da Leonello Zaquini.
      • Questa risposta è stata modificata 4 mesi, 3 settimane fa da Leonello Zaquini.
      • Questa risposta è stata modificata 4 mesi, 2 settimane fa da Leonello Zaquini.
      • Questa risposta è stata modificata 4 mesi, 2 settimane fa da Leonello Zaquini.
      • Questa risposta è stata modificata 4 mesi, 2 settimane fa da Leonello Zaquini.
      • Questa risposta è stata modificata 4 mesi, 2 settimane fa da Leonello Zaquini.
      • Questa risposta è stata modificata 4 mesi, 2 settimane fa da Leonello Zaquini.
      • Questa risposta è stata modificata 4 mesi, 2 settimane fa da Leonello Zaquini.
      • Questa risposta è stata modificata 4 mesi, 2 settimane fa da Leonello Zaquini.
      • Questa risposta è stata modificata 4 mesi, 2 settimane fa da Leonello Zaquini.
      • Questa risposta è stata modificata 4 mesi, 2 settimane fa da Leonello Zaquini.
      • Questa risposta è stata modificata 4 mesi, 2 settimane fa da Leonello Zaquini.
      • Questa risposta è stata modificata 4 mesi, 2 settimane fa da Leonello Zaquini.
      • Questa risposta è stata modificata 4 mesi, 2 settimane fa da Leonello Zaquini.
      • Questa risposta è stata modificata 4 mesi, 2 settimane fa da Leonello Zaquini.
    • #2803 Score: 0
      Leonello Zaquini
      Moderatore
      45 punti

      Pag. 3
      = = =

      ARGOMENTI PER IL SI

      COSA E’ la Demorazia Rappresenttiva
      La democrazia rappresentativa non è un’improvvisazione. Deriva dall’aver constatato nei secoli che le scelte pubbliche non possono essere gestite con la democrazia diretta quando convivono oltre qualche decine di migliaia di cittadini. Dunque la democrazia rappresentativa fa i cittadini titolari delle scelte pubbliche complesse attraverso il Parlamento, in cui gli eletti discutono e decidono. Non è uno strumento rigido. Aggiorna le regole del convivere al passar del tempo, resta soggetto alla continua valutazione dei cittadini nonché a periodici loro giudizi elettorali a scrutinio segreto. Può avvalersi di forme di democrazia diretta su singole tematiche circoscritte.

      I CAMBIAMENTI DERIVANTI dal SI
      Il 29 marzo 2020, il voto SI rende più funzionale la democrazia rappresentativa. Infatti il Parlamento ha approvato in doppia lettura a maggioranza – per la prima volta dopo due decenni di rinvii – il taglio nel numero dei parlamentari. Questo taglio,
      – rende più snello discutere e decidere (da sempre l’inflazione numerica di una carica pubblica, la depotenzia),
      – rende più trasparenti gli atti parlamentari,
      – agevola giudicare da fuori quanto accade,
      – consente allo Stato un risparmio certo, seppure di ammontare assai limitato,
      – contrasta alla base la campagna ultradecennale dei media contro il parlamento
      e a favore delle elites di governo distanti dai cittadini.

      CRITICHE senza SPESSORE
      Le critiche al ridurre il numero dei parlamentari sono fatte per lo più da chi ne ha sostenuto per anni la necessità. Le principali criticano il non aver esteso le riforme ad altri meccanismi istituzionali. Tuttavia non hanno spessore poiché sorvolano sul fatto che il taglio avvicina ai cittadini e che non impedisce di fare le correzioni ritenute utili.

      LA CAPACITA’ RAPPRESENTATIVA
      La capacità rappresentativa non è il rapporto quantitativo tra rappresentanti e rappresentati e la misura del territorio coperto. La capacità rappresentativa esprime le scelte operate dai cittadini circa i progetti politici e circa i rappresentanti eletti per dibattere e decidere come agire in via istituzionale, in base al raggrupparsi delle diverse Libertà dei cittadini. Uno vale uno nell’esprimersi, non nell’esser rappresentato quale singolo. La distanza fra rappresentato e rappresentante non attiene all’attribuzione fisica (come se la rappresentanza aumentasse se più vicina al rapporto 1:1), bensì al criterio adottato dagli eletti nel discutere e nel decidere basandosi più o meno sulle conseguenze nei rapporti tra i cittadini. E ciò sotto il profilo della quantità e anche della qualità della rappresentanza. Anche dopo il taglio, il suffragio resta democratico, libero, uguale per ognuno nello scegliere la rappresentanza.

      PERCHE’ si à arrivati al REFERENDUM
      Approvato a maggioranza assoluta (molto estesa nella quarta votazione), il taglio avrebbe modificato la Costituzione se un quinto dei senatori non avesse richiesto di sottoporla a referendum. E’ stato determinante il gruppetto di senatori di un partito i quali, dopo aver votato SI’ al taglio nelle 2 votazioni in aula, hanno fatto raggiungere la soglia per il referendum, preferendo far decidere ai cittadini.

      Nel rispetto delle leggi vigenti, il 29 marzo andremo alle urne. Eppure non serviva far votare i cittadini sul quesito che approva o respinge la legge votata, finché in Senato il quorum non è stato raggiunto facendo una scelta opposta a quelle precedenti in Aula. In realtà il 29 marzo è un obiettivo che mira a logorare il Parlamento con la scusa di preservarne la capacità rappresentativa. Solo che tale capacità non è legata alla quantità degli eletti e a quanto territorio coprano. E’ legata alle scelte espresse dai cittadini circa i progetti politici e circa i rappresentanti eletti per dibattere e decidere quale progetto attuare. In seguito i cittadini giudicano i risultati ottenuti.

      EFFETTI del votare SI
      I cittadini che vogliono battere le manovre di palazzo riempiranno le urne con il SI’. Questo servirà sia a battere i fautori a parole della democrazia civica (i quali intendono favorire concezioni di governo sopra i cittadini), sia a potenziare le istituzioni rappresentative con i correttivi migliorativi introdotti dal taglio che avvicina ai cittadini.

      • Questa risposta è stata modificata 4 mesi, 2 settimane fa da Leonello Zaquini.
      • Questa risposta è stata modificata 4 mesi, 2 settimane fa da Leonello Zaquini.
      • Questa risposta è stata modificata 4 mesi, 2 settimane fa da Leonello Zaquini.
      • Questa risposta è stata modificata 4 mesi, 2 settimane fa da Leonello Zaquini.
      • Questa risposta è stata modificata 4 mesi, 2 settimane fa da Leonello Zaquini.
    • #2804 Score: 0
      Leonello Zaquini
      Moderatore
      45 punti

      Pag 4
      = = =

      ARGOMENTI PER IL NO

      La riduzione di un terzo del numero dei parlamentari tocca equilibri delicati.

      LA COSTITUZIONE DEL ’48  prevederebbe 110 parlamentari in più.
      La Costituzione del ‘48 prevedeva un rapporto fisso tra il numero dei parlamentari e quello dei cittadini, assicurava così che tra gli eletti e gli elettori potessero esistere contatti e rapporti.
      Senza la riforma del 1963 oggi avremmo circa 110 parlamentari in più.

      MAGGIORE CONTROLLO DEI PARTITI, senza voti di preferenza
      L’ulteriore riduzione del numero dei parlamentari oggettivamente renderà più difficoltosa l’esistenza di un rapporto personale diretto tra i cittadini e gli eletti, facilitando così il controllo dei partiti sui loro rappresentanti. Tale fenomeno è già presente ed è tra i motivi dell’aumento dell’astensionismo al voto (ritenuto inutile) e della sfiducia nelle istituzioni. Anche l’assenza del voto di preferenza e il mancato rafforzamento e quindi l’indebolimento di strumenti di partecipazione democratica dei cittadini, come gli strumenti di democrazia diretta e partecipativa (alcuni già previsti dalla Costituzione, come quello che siamo in procinto di utilizzare, ed il cui potenziamento, originariamente, era previsto avrebbe dovuto accompagnare la riforma), queste carenze contribuiscono a rafforzare il fenomeno dell’allontanamento dei cittadini dalle istituzioni che sarebbe rafforzato dalla riduzione dei parlamentari. In queste condizioni, si rafforza anche la tendenza che spinge i rappresentanti, allontanati dai cittadini, a degenerare in «funzionari del partito». Al contrario i costituenti introdussero primi ed essenziali strumenti di democrazia diretta e precisarono che i parlamentari dovessero agire “senza vincolo di mandato” e quindi: pensando con la propria testa.”

      ECONOMIA INCONSISTENTE : meglio ridurre gli stipendi.
      I propositori della modifica costituzionale hanno usato l’ argomento «economia», ma in paesi con un numero molto più alto di parlamentari in rapporto ai cittadini, questi parlamentari vengono pagati meno e l’economia è assicurata meglio e senza incidere sulla rappresentatività. Una cattiva legislazione infatti, costa ai cittadini molto più cara che non l’economia della riduzione dei parlamentari, stimata a 7 millesimi della spesa pubblica.

      NESSUNA SEMPLIFICAZIONE, vengono penalizzati i partiti minori e le piccole regioni.
      Anche l’argomento della « semplificazione delle procedure » non pare avere consistenza. Se alcuni parlamentari, nel corso dei dibattiti, espongono le loro opinioni e magari quelle di cittadini con i quali possono tenersi in contatto, questo sarebbe un vantaggio per la democrazia e per la qualità della legge, e non una complicazione che esiga di essere « semplificata ».
      L’argomento « semplificazione » si annulla se si pensa che, se approvata, la modifica impone la ridefinizione della legge e delle circoscrizioni elettorali. Le regioni piccole (Basilicata, Valle D’Aosta…) potrebbero trovarsi a poter eleggere solo rappresentanti dei partiti di maggioranza. La circoscrizione estero perderebbe ancora di più la propria rappresentanza (passando da 18 a 12 rappresentanti). I partiti di piccole dimensioni verrebbero penalizzati maggiormente.

      RISCHIO MODIFICHE COSTITUZIONALI, senza ratifica popolare.
      – I senatori di partiti di minoranza potrebbero non essere presenti nelle Commissioni, anche in occasioni deliberanti.
      – Aumenterebbe il rischio di modifiche costituzionali approvate anche senza referendum dei cittadini, essendo più facile il superamento della maggioranza dei 2/3.

      Circoscrizioni più grandi: MAGGIORE IMPORTANZA DELLE LOBBY

      Inoltre, per un candidato, la necessità di farsi conoscere da un numero più elevato di cittadini ed in una circoscrizione più estesa, implica maggiori spese elettorali e, soprattutto, maggiore sostegno da parte di: gestori di media, canali di informazione … ecc.
      Per questo, la riduzione del numero dei parlamentari produrrebbe:
      – un rafforzamento del legame tra gli eletti ed il partito di appartenenza,
      – un rafforzamento del « partitismo » ( consistente nel mirare al bene del partito e non a quello della collettività).
      – un rafforzamento della importanza delle lobby di potere (purtroppo esistenti), sia al momento dell’elezione e che durante l’attività legislativa.

      TENDENZE NEGATIVE GIÀ PRESENTI, sarebbero favorite con il SI
      Con il SI, favorite tendenze negative già presenti.
      In un Parlamento eletto senza preferenze e controllato dai capi-partito, il numero dei parlamentari è relativamente secondario .
      Riteniamo che la riduzione potrà favorire tendenze negative già presenti, come il rafforzamento dell’esecutivo ai danni del legislativo, e manifestatesi anche in precedenti proposte di modifica della Costituzione, rifiutate dai cittadini. Il voto SI rafforzerebbe : il partitismo, l’influenza delle lobby, la distanza dei rappresentanti dai cittadini e la difficoltà dei cittadini di esprimersi ed incidere.
      Invitiamo a votare NO per riaffermare il ruolo dei parlamentari come rappresentanti dei cittadini ed in continuo contatto con gli elettori, come previsto dalla Costituzione”.

       

      • Questa risposta è stata modificata 4 mesi, 3 settimane fa da Leonello Zaquini.
      • Questa risposta è stata modificata 4 mesi, 2 settimane fa da Leonello Zaquini.
      • Questa risposta è stata modificata 4 mesi, 2 settimane fa da Leonello Zaquini.
      • Questa risposta è stata modificata 4 mesi, 2 settimane fa da Leonello Zaquini.
      • Questa risposta è stata modificata 4 mesi, 2 settimane fa da Leonello Zaquini.
      • Questa risposta è stata modificata 4 mesi, 2 settimane fa da Leonello Zaquini.
      • Questa risposta è stata modificata 4 mesi, 2 settimane fa da Leonello Zaquini.
      • Questa risposta è stata modificata 4 mesi, 2 settimane fa da Leonello Zaquini.
      • Questa risposta è stata modificata 4 mesi, 2 settimane fa da Leonello Zaquini.
      • Questa risposta è stata modificata 4 mesi, 2 settimane fa da Leonello Zaquini.
      • Questa risposta è stata modificata 4 mesi, 1 settimana fa da Leonello Zaquini.
    • #2806 Score: 0
      Leonello Zaquini
      Moderatore
      45 punti

      Pag 5
      = = =
      Inegrate proposte del 23_02
      = = =
      IL QUESITO SOTTOPOSTO AL VOTO

      «Approvate il testo della legge costituzionale concernente :
      Modifiche agli articoli 56, 57 e 59 della Costituzione in materia di riduzione del numero dei parlamentari”,
      approvato dal Parlamento e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana – Serie generale – n.240 del 12 ottobre 2019

      VOTO IN PARLAMENTO, finale (seconda lettura).
      Alla Camera: presenti 569, votanti 567, favorevoli 553, contrari 14, astenuti 2.

      Al Senato: presenti 231, votanti 230, favorevoli 180, contrari 50, astenuti 1

      • Questa risposta è stata modificata 4 mesi, 3 settimane fa da Leonello Zaquini.
      • Questa risposta è stata modificata 4 mesi, 3 settimane fa da Leonello Zaquini.
      • Questa risposta è stata modificata 4 mesi, 2 settimane fa da Leonello Zaquini.
      • Questa risposta è stata modificata 4 mesi, 2 settimane fa da Leonello Zaquini.
    • #2810 Score: 0
      Leonello Zaquini
      Moderatore
      45 punti

      Pag 6
      = = =
      (Integrati commenti del 24_02)
      = = =

      NOTA sulla redazione dell’opuscolo.

      Nelle importanti occasioni, come sono le votazioni popolari,  occorre che l’informazione dei cittadini sia all’altezza delle loro responsabilità e sia in grado di mettere ciascuno nelle condizioni migliori in modo che possa fare la scelta più intelligente per la collettività intera.

      L’informazione, quindi, deve essere al tempo stesso sintetica ma completa, pluralista, accessibile a tutti. Non può essere “di parte”, tanto meno può essere affidata ad entità a carattere commerciale (come lo sono i media privati).

      Nei paesi dove gli strumenti di democrazia diretta, affiancati da quelli di democrazia rappresentativa,  sono presenti da più tempo e sono di uso più frequente ( Svizzera … , California … ecc ecc), un documento come il presente esiste e viene gratuitamente diffuso da enti pubblici agli elettori.

      Auspicando che in prospettiva anche in Italia tale documento venga redatto in modo ufficiale e da enti pubblici indipendenti, ne abbiamo prodotto un esempio. I testi sono stati redatti  da semplici cittadini, attivisti di comitati a favore del SI e del NO, in cooperazione tra di loro ( in modo simile a quanto avviene nello stato USA dell’Oregon, dove i redattori vengono estratti a sorte tra i cittadini).

      Per il bene del popolo italiano e della sua democrazia, come cittadini, esortiamo i legislatori a fare in modo che un testo con queste caratteristiche venga redatto e reso pubblico in ogni futura occasione.

       

      • Questa risposta è stata modificata 4 mesi, 3 settimane fa da Leonello Zaquini.
      • Questa risposta è stata modificata 4 mesi, 3 settimane fa da Leonello Zaquini.
      • Questa risposta è stata modificata 4 mesi, 3 settimane fa da Leonello Zaquini.
      • Questa risposta è stata modificata 4 mesi, 3 settimane fa da Leonello Zaquini.
      • Questa risposta è stata modificata 4 mesi, 3 settimane fa da Leonello Zaquini.
      • Questa risposta è stata modificata 4 mesi, 2 settimane fa da Leonello Zaquini.
      • Questa risposta è stata modificata 4 mesi, 2 settimane fa da Leonello Zaquini.
      • Questa risposta è stata modificata 4 mesi, 2 settimane fa da Leonello Zaquini.
    • #2822 Score: 0
      Leonello Zaquini
      Moderatore
      45 punti

      Indicazioni per la redazione collaborativa de “libretto”.
      = = =

      Vi proponiamo di proseguire nella collaborazione per la redazione del “Libretto delle votazioni” ( detto anche “Opuscolo informativo”).

      Come promesso vi trasmettiamo l’insieme dei testi attualmente esistenti, ed anche l’impostazione generale del “libretto”.
      La trovate qui:

      https://www.<wbr />piudemocraziaitalia.org/forum/<wbr />topic/versione-attuale-del-<wbr />libretto-sul-taglio/

      In particolare vi chiediamo di:

      – comunicarci i vostri commenti e suggerimenti per il capitolo a pag 2, “PRESENTAZIONE DELL’ ARGOMENTO E CONTESTO GENERALE, IN BREVE”.
      Questo capitolo, nella sua vesione finale, dovra’ essere consensuale, come anche lo dovra’ essere l’impostazione generale del “libretto”.

      Sara’ importante riuscire a redigere il libretto nella sua versione finale entro la fine del mese di febbraio.
      Poi passeremo alla divulgazione del testo.

      Sono graditi anche i vostri commenti al capitolo “Argomenti per il NO”, per quanto possibile ne terremo conto.

      Vi ringraziamo per averci trasmesso una vostra prima proposta per il testo “Argomenti per il SI”.

      Ne abbiamo discusso e riteniamo di dovervi segnalare che dovreste fare lo sforzo di concretizzarlo ed argomentarlo più in dettaglio.
      Temiamo in fatti che possa apparire “sproporzionato” rispetto agli argomenti per il NO, tanto da rischiare di dare una impressione
      squilibrata ed non sufficientemente imparziale del “Libretto”.

      Per questo e per farvi avere altro materiale ci permettiamo di mettervi in contatto con il Ministro Fraccaro; sperando che possa tramettervi del materiale.
      Conosciamo ed apprezziamo l’interesse del Ministro Fraccaro per gli strumenti di democrazia diretta.
      Sappiamo che il Ministro sa e conosce il fatto che “libretto delle votazioni” e’ uno degli strumenti essenziali.

      Anche il sig. R***, che ha contribuito alla redazione del capitolo per il “NO”, si rende disponibile per riferirvi e trasmettervi commenti per rafforzare il testo.
      Inoltre il Sig. R*** puo’ mettervi in contatto anche con Alex Marini, Consigliere provinciale a Trento, dal quale anche potreste ricevere dei contributi utili per il “SI”.

      Come gia’ detto il testo puo’ raggiungere i 4’000 caratteri (ed e’ opportuno che vi si avvicini, atrimenti anche questo sarebbe uno elemento di “squilibrio”).

      A parte Alex Marini (di cui non ho l’indirizzo e mail, ma lo ha R***), le persone che possono contribuire alla redazione del testo “per il Si” ed alla definizione finale del “libretto”
      leggono in copia.

      Grazie a tutti per la collaborazione.

      Cari saluti.

      Leonello Zaquini

      PS.
      Ritrasmetto, qui di seguito, il testo delle “Raccomandazioni”, aggiornato ai 4’000 caratteri.

      = = =

      Raccomandazioni per la redazione del testo:

      Preciso che le risposte vengono dalla mia esperienza di lettura di questi testi, dato che risiedo in Svizzera da diversi anni, ed in questo paese come di certo sapete esiste una lunga tradizione di uso di strumenti di democrazia diretta.

      1) Il numero di caratteri nel quale i capitoli “Argomenti a favore ” e “contro” e’ opportuno che sia attorno ai 4’000 caratteri circa (spazi inclusi). Solo il testo introduttivo ( ” Il problema in breve”), a volte può essere leggermente piu’ lungo ma resta attorno ai 4’500 caratteri (due pagine, A5)

      2) Confermo che i testi, inclusi quelli “pro” e “contro”, sono redatti (da un ufficio specializzato della cancelleria) nel modo seguente:
      a- sono scritti in modo chiaro ed usando vocaboli comprensibili da tutti.
      b- sono evitate espressioni che abbiano carattere “polemico”.
      c- usano “argomenti” basati su fatti e deduzioni dai fatti.
      d- incitano a riflettere sul TEMA e sulle CONSEGUENZE della decisione, non nell’evocare o nell’appellarsi a “simpatia” o ” antipatia” per chi e’ o e’ stato a favore o contro.

      Per quanto concerne il punto “d”, fare il contrario sarebbe incitare ad  un “voto gregario”, (esiste in Svizzera l’espressione “Voto gregario” , correntemente usata per definire un voto espresso non in base alla riflessione sul contenuto della proposta e le sue conseguenze, ma in base a “simpatie / antipatie” per chi e’ o si e’ espresso a favore o contro. L’espressione “voto gregario” e’ correntemente usata in senso fortemente negativo: descrive una forma di inciviltà).

      3) Anche noi conosciamo poco le ragioni del SI. Sappiamo pero’ che e’ stata usata quella sull’economia. Pensiamo non possa mancare. Di certo, se verremo a conoscenza di altri argomenti, ve li faremo conoscere.

      Altri vostri punti:
      – Conoscenza reciproca dei testi.
      Non avevamo scritto che terremo conto del vostro testo per redigere il nostro. Ma che vi faremo conoscere il nostro testo e volentieri terremo conto anche dei vostri commenti su di esso.
      Di certo quindi vi faremo conoscere il nostro testo.
      Dovremo per altro cooperare per redigere, in modo consensuale, il testo di introduzione. Ve ne faremo avere una prima bozza (affronteremo assieme il tema della descrizione del tipo di referendum).

      Grazie per l’attenzione, ci compiaciamo per la collaborazione.

      Buona giornata ed a presto.<span style=”color: #888888;”>

      Leonello Zaquini
      = == =
      Cari Signori,

      Approfitto della domanda di chiarimento che ho ricevuto da M* (che ringrazio per il messaggio)  per trasmettere ulteriori chiarimenti e tutti ed anche per sollecitare da parte vostra una indicazione sul vostro consenso a procedere nella collaborazione iniziata.
      Grazie al contributo del gruppo “Il si delle libertà” che ci ha gentilmente mandato il capitolo ” Argomenti per il Si ” (questo e’ il titolo che corrisponde meglio al modello del “libretto” svizzero), abbiamo potuto redigere una prima bozza del “libretto”. La trovate al link (che ripeto qui di seguito per praticità ).

      https://www.<wbr />piudemocraziaitalia.org/forum/<wbr />topic/versione-attuale-del-<wbr />libretto-sul-taglio/

      Vi preghiamo di farci pervenire:
      1) i vostri commenti al capitolo “Presentazione … in breve” (Pag 2).
      Questo capitolo dovra’ essere neutro ed oggettivo e quindi condiviso sia dai favorevoli al SI che ai favorevoli al NO. Come anche dovranno essere condivise le altri parti del “libretto”, salvo il capitoli “argomenti per il SI e per il NO” per la redazione dei quali per altro e’ opportuno lo scambio delle opinioni.

      2) Suggeriamo di rafforzare il contenuto degli “Argomenti per il SI” che potra’ essere anche piu’ lungo (ad un conteggio piu’ preciso della versione svizzera del “libretto”, nei suoi diversi formati, abbiamo constatato che ci si puo’ spingere fino ai 4’000 caratteri).

      3) Se avete dei commenti / critiche alla versione attuale del capitolo “Argomenti per il NO” vi siamo grati se ce li fate avere. Sara’ il gruppo dei favorevoli per il NO respondabile del testo definitivo, ma il gruppo terra’ conto delle indicazioni che ci perverrranno.^

      Come canale per la comunicazione suggeriamo di utilizzare:
      – questo indirizzario e mail.
      Ed anche, per chi lo preferisse:
      – il forum del sito di “piu democrazia italia” nel quale si trova la bozza del libretto e nel quale metteremo anche questi messaggi di chiarimento (evitando i nomi propri, per conservare la confidenzialita’ per chi lo preferisse).
      Per utilizzare il forum occorre inscriversi. L’iscrizione e’ gratuita.
      – Pensiamo di raccogliere informazioni / indicazioni e pareri anche via Facebook

      Nel forum metteremo anche questi messaggi di chiarmento sulla redazione collaborativa del “libretto”. E Man mano aggiorneremo i capitoli nelle prime 6 pagine.

      Certo sarebbe bello potersi “incontrare dal vivo” (come possono fare i cittadini estratti a sorte in Oregon, o come fa l’ufficio della cancelleria svizzera,  incaricati della redazione del “libretto”) , ma purtroppo non e’ possibile: siamo sparpagliati tra la Danimarca e la Calabria (vi sto scrivendo dalla Svizzera).
      Purtroppo l’incontro non e’ possibile, ed il tempo e’ veramente raccorciato: la versione finale dovra’ essere disponibile per la fine del mese in modo da poter essere diffusa ed essere di aiuto concreto per gli elettori ed anche rappresentare un esempio concreto di questo importante strumento della democrazia diretta che e’ il “libretto delle votazioni” (come e’ chiamato correntemente in Svizzera) detto ufficialmente: “Opuscolo informativo”.

      Restiamo in attesa di vostri commenti e contributi.
      Grazie per l’attenzione e per la collaborazione.

      Leonello Zaquini
      Vi scrivo in quanto incaricato dal comitato di piudemocraziaitalia.

      • Questa risposta è stata modificata 4 mesi, 3 settimane fa da Leonello Zaquini.
      • Questa risposta è stata modificata 4 mesi, 3 settimane fa da Leonello Zaquini.
    • #2825 Score: 1
      Luciano Grandis
      Partecipante
      2 punti

      Ciao Leonello. Ho letto con attenzione: ottimo lavoro! Propongo solo una piccola integrazione ed un taglio entrambi sulla pag. 2.

      Integrerei la frase “… quindi prevarrà la maggioranza dei voti espressi … ” con ” …quindi prevarrà la maggioranza dei voti espressi indipendentemente dal numero dei votanti.” Per i non addetti forse risulterebbe più chiaro.

      Taglierei infine, poco sotto, tutta la frase “<span style=”text-decoration: line-through;”>. La riduzione implica, ed è vista, sia come un allontanamento tra i rappresentanti ed i cittadini, sia come una semplificazione dei processi decisionali ed una riduzione di spese. A seconda dei punti di vista (per il NO o per il SI), può prevalere il primo od il secondo degli argomenti. </span>”. Queste motivazioni, accompagnate da altre, sono spiegate in modo molto approfondito nelle parti delle ragioni del SI/NO. Messe qui mi sembrano fuori luogo e soprattutto riduttive. La frase precedente mi pare più che sufficiente ad inquadrare le conseguenze della scelta che farà il Cittadino.

      Grazie ancora per il lavoro.

      lg

      • #2865 Score: 0
        Nicola
        Amministratore del forum
        2 punti

        concordo,

        è più chiara la frase così

    • #2826 Score: 0
      Leonello Zaquini
      Moderatore
      45 punti

      Via e mail ci perviene da MM, il seguente testo per “Argomenti per il SI”.
      = = =
      ARGOMENTI per il SI
      “In Italia i rappresentanti sono troppi, e troppi sono quelli retribuiti. Non è solo un problema di costi
      finanziari, ma della trasformazione dell’attività di rappresentanza in una vera e propria carriera lavorativa,
      con tutte le conseguenze che abbiamo già segnalato. Il numero complessivo dei parlamentari va ridotto: se
      ne parla da anni ma la riforma viene sempre rinviata alla volta successiva; anche con quella della destra se
      ne parlerà nel 2011”. Così scrivevano, nel 2005, nel libro intitolato “Il costo della democrazia – Eliminare
      sprechi, clientele e privilegi per riformare la politica”, pag. 174 (libro che aprì il dibattito, poi amplificato – e
      semplificato – da “La casta” dei giornalisti Rizzo e Stella, di due anni dopo) i professori, e senatori del
      centro-sinistra, Cesare Salvi e Massimo Villone, quest’ultimo oggi presidente del Comitato per il no nel
      referendum sulla riduzione del numero dei parlamentari.
      Per giustificare il cambio di opinione, il prof. Villone scrive che le proposte di un tempo giungevano
      “quando vere organizzazioni di partito erano un collettore effettivo della domanda sociale”, mentre oggi
      esse “sono ridotte – salvo la Lega – a ectoplasmi” (Il Manifesto, 4.2.2020), e questo non garantirebbe una
      seria scelta dei candidati (“quando i partiti fanno ridere, i candidati fanno piangere”: sempre su Il
      Manifesto, 8.10.2019).
      Si potrebbe dire, invece, che proprio il venir meno di solide organizzazioni di partito rende più arduo
      selezionare una classe dirigente numerosa, e rischia di riempire il parlamento di peones pronti ad ogni
      avventura in vista del proprio interesse personale. Questo potrebbe spiegare perché si rende utile ridurre il
      numero dei rappresentanti anche oltre quello che è il rapporto numerico tra popolo e parlamentari negli
      altri paesi europei.
      In linea generale, l’inflazione numerica di una carica pubblica tende a depotenziarla. Giulio Cesare, per
      consolidare la propria dittatura che preparava l’impero, aumentò a dismisura il numero dei senatori (da 600
      a 900), e quello dei titolari delle altre magistrature (i questori, gli edili, i pretori). I circa 400 deputati e i soli
      100 senatori degli USA sono potenti e temuti, svolgendo un ruolo di forte contrappeso rispetto al
      Presidente, mentre i circa 3.000 deputati cinesi svolgono un ruolo poco più che decorativo, e – anche al
      netto del fatto che in Cina vi è un partito unico – un’assemblea così pletorica ben poco altro sarebbe in
      grado di fare.
      La migliore governabilità dell’assemblea (e delle commissioni che, specie alla Camera dei deputati, sono
      oggi numerose come dei consigli regionali) non va quindi a detrimento della rappresentanza, ma serve a
      rafforzare il peso specifico del Parlamento rispetto al Governo, togliendo a quest’ultimo qualche pretesto
      per abusare di decreti-legge, delegazioni legislative, voti di fiducia, tagliole, ghigliottine e quant’altro. La
      strozzatura dei dibattiti, che sembra necessaria quando a parlare vogliono essere in tanti, sarà più difficile
      da giustificare quando ad intervenire saranno di meno.

    • #2827 Score: 0
      Leonello Zaquini
      Moderatore
      45 punti

      ELENCO PROPOSTE MODIFICA.
      = = =

      INFORMAZIONE PROPOSTE:
      1 – da Alex Marini ci viene il suggerimento ad informarsi qui:

      http://www.riformeistituzionali.gov.it/it/la-riduzione-del-numero-dei-parlamentari/

      Nota 1
      Per la redazione del testo “Argomento in Breve” (pag2) e “Argomenti per il NO” (Pag4) abbiamo gia’ tenuto conto di questo sito e delle indicazioni.
      La segnaliamo a tutti ed in particolare ai redattori del testo “Argomenti per il SI” ( Pag 3).

      = = =
      2 – da G.B. ci viene il commento: ” testi troppo lunghi”

      NOTA 2
      Proponiamo di: ” Creare un margine in lato al testo e metterci un ” titolo ”
      Come fosse una ” ultra sintesi ” della parte del testo a cui si riferisce.
      In questo modo, leggendo solo il margine ( scritto im grassetto ) hai una ” ultra sintesi del testo ” .
      Del resto l’ idea e’ gia’ implementata nel libretto svizzero .”.

      FATTO (salvo il “argomenti per i SI”

      = = =
      3 – L.G ha messo dei commenti e suggerimenti:
      https://www.piudemocraziaitalia.org/forum/topic/versione-attuale-del-libretto-sul-taglio/

      NOTA 3.
      Ci impegneremo per: integrarli.

      FATTO.
      = = =
      4- MM ci fa pervenire (via e mail) una nuova versione degli “Argomenti per il SI”.
      La trovate nel sito.
      NOTA 4.
      Preghamo gli estensori del testo precente ed MM di armonizzare le loro versioni.
      = = =
      5 – MM approva il testo “Argomenti per il NO”
      NOTA 5
      Ne prendiamo atto.

      FATTO
      = = =
      6- MM, suggerisce per il testo del “Argomenti in breve ” (pag 2), quanto segue:
      ” far riferimento … alla
      comparazione tra le camere basse. Infatti le camere alte per loro
      natura sono qualcosa di singolare che varia da paese a paese … mentre le camere basse sono più
      omogenee e perciò si prestano meglio ad un esame comparato.”
      NOTA – 6
      Pur nel rispetto del limiti dei caratteri, integreremo il commento.

      FATTO

      = = =

      7- Roberto S ci fa pervenire (via telegram) il suggerimento a citare nella pag 2 “argomenti in breve”, la tabella 3 del sito:

      http://www.riformeistituzionali.gov.it/media/1240/confrontointernazionale.pdf

      NOTA 7
      compatibilmente al numero dei caratteri, proponiamo di aggiungere: ” siamo al primo posto, passeremmo al terzo “, accanto e simmetricamente a dove e’ scritto ( prima tabella ) ” siamo al 22° passiamo al 27° “.

      NOTA 7.1 Luciano G, si dice contrario.

      MANCA CONSENSO ” e l’aggiunta di precisazione al punto 6 chirisce ed integra.

      • Questa risposta è stata modificata 4 mesi, 3 settimane fa da Leonello Zaquini.
      • Questa risposta è stata modificata 4 mesi, 3 settimane fa da Leonello Zaquini.
      • Questa risposta è stata modificata 4 mesi, 3 settimane fa da Leonello Zaquini.
    • #2836 Score: 0
      Leonello Zaquini
      Moderatore
      45 punti

      Per “Argomenti per il SI” abbiamo ricevuto due nuovi “contributi”.

      Occorre fare notare che sono scritti in uno stile “personale” e quindi dovrebbero essere riadattati utilizzabdo le indicazioni messe a disposizione, a seguito della “Bozza”.

      Mettiamo i due testi conunque a disposizione di chi vorra’ impeganrsi a redigere il testo “Argomenti per il SI”.

      = = =
      <span dir=”ltr”><span class=”_3l3x _1n4g”>Io voterò si. Ma non per risparmiare le indennità. Se quello fosse stato l’obiettivo bastava rivedere la legge che le fissa, e mettere in quella anche gli eventuali trattamenti successivi (che per altro non capisco perché non possano avere lo stesso trattamento pensionistico che abbiamo tutti). Oppure ridurre quantità e stipendi dei dipendenti. Mentre invece ci si prepara ad assumerne un’altra infornata.
      Intanto non ha senso votare no. Quello della riduzione della rappresentanza non è un argomento razionale in assenza di altre informazioni. In particolare non abbiamo una “teoria” sul numero ottimale. E comunque si dovrebbe definire ottimale rispetto a cosa.
      Il mero argomento numerico (meno rappresentanti -> meno rappresentanza -> meno democrazia) porta di per se a ragionamenti assurdi.
      Se più rappresentanti -> meno democrazia allora raddoppiamoli. O decuplichiamoli. Così avremo molta più democrazia.
      Se invece mostrate con argomenti razionali che esiste un numero di rappresentanti ideali allora possiamo parlarne. Ma solo allora.
      Nella pratica noi oggi abbiamo due problemi per gli organi legislativi.
      a) si fanno decisamente troppe leggi
      b) il nostro sistema istituzionale di fatto rende l’esecutivo la sorgente della maggior parte delle norme che vanno in discussione.
      Esecutivo che per altro dopo aver fatto approvare la norma, che è la vetrina, non fa il suo lavoro approvando i decreti attuativi. Per cui molte norme restano di facciata (a volte per fortuna per altro).

      Il problema b) è in assoluto il più grave. Ma nessuno lo affronta, anzi. Di recente qualche stronzo ha tirato fuori il “sindaco d’Italia”, probabilmente solo perché oramai “pieni poteri” sembrava brutto.
      Se vogliamo trovare pericoli per la democrazia e la rappresentanza li dobbiamo cercare li, non nel numero dei parlamentari.

      Le troppe leggi sono un problema sia per la quantità che per la loro quantità.
      Parte della (mancanza di) qualità è dato, soprattutto alla camera, sia dal regolamento che dalla quantità dei parlamentari. Vengono presentate troppi emendamenti, spesso contraddittori e la cui approvazione dipende da convergenze strane di interessi.
      Nella finanziaria poi ogni parlamentare cerca di portare qualcosa al suo territorio per farsi “bello”. Ricordate qualche anno or sono il mitico Ivo Tarolli che si vantava di aver fatto avere alla curia trentina (per qualche ricorrenza) 5 Milioni dalla finanziaria. Che poi il vescovo (eravamo in periodo di tagli alla spesa pubblica) rifiutò.
      Ma a parte l’annedottica, la rappresentanza territoriale spesso di esaurisce in questo.
      Chiunque conosca un po’ da vicino il funzionamento delle camere oggi sa che il Senato lavora meglio della Camera. Anche (non solo) per il minor numero dei suoi componenti.
      Il numero previsto dopo il taglio è più che sufficiente a far svolgere all’organo il suo lavoro.
      Che tra il resto io spero sia sempre meno sul piano normativo, contando sul fatto che molte competenze statali sarebbero meglio svolge a livello regionale. Sia per la legislazione che per il controllo.
      Se proprio si vuole migliorare la rappresentanza e il suo funzionamento ci sono tre semplici cose da fare:
      a) separazione vera tra esecutivo e legislativo. Soluzioni minima (che si può fare con legge ordinaria) incompatibilità tra incarichi nell’esecutivo (ministro, sottosegretario, e vice vari) e seggio nelle camere.
      b) legge elettorale che garantisca la rappresentanza. Anche differenziata tra camera e senato (che a costituzione vigente dovrebbe essere su base regionale
      c) proseguire decisi sull’autonomia differenziata (con obiettivo un vero federalismo)

      La discussione tra si e no è il nuovo “oppio dei popoli” (almeno quelli di italica stirpe).
      E in ogni caso, se vogliamo tanto bene ai nostri rappresentanti, questa è la sesta volta che provano ad autoridursi. Diamo loro questa soddisfazione <span class=”_5mfr” title=”émoticône wink”><span class=”_6qdm”>;-)</span></span>.</span></span>
      = = =

    • #2837 Score: 0
      Leonello Zaquini
      Moderatore
      45 punti

      Secndo contributo, “Pietro.P” …  (Perveuto via e mail. Il precedente ci e’ stato trasesso via FB da parte di Stefano L ).
      = = =

      In Italia la fiducia nel Parlamento non supera il 30%. I cittadini chiedono migliorare l’istituto parlamentare.
      Ho sostenuto la riduzione dei parlamentari perché tiene conto delle critiche dei cittadini e ciò è l’elemento più importante, visto che la riduzione dei costi della politica ha una dimensione trascurabile. La riduzione del numero degli eletti rende più efficiente e trasparente il percorso parlamentare diminuendo gli attori in scena. Inoltre, favorendo in sede elettorale il confronto su idee e progetti, migliorerà la qualità del personale politico.

      I CRITICI cioè i promotori del NO, sostengono che il taglio diminuirebbe la rappresentanza democratica. Non è vero né in linea di principio né in linea di fatto. È evidente che questo è un pretesto (scappatoia) più che un argomento serio. È infatti, impiegata come spauracchio per evitare che si cambi l’attuale assetto istituzionale che (i) gli consente di proteggere lo status quo in cui hanno sguazzato sino ad ora e (ii) gli lascia qualche speranza elettorale in vista della prossima tornata. Tuttavia, voglio approfondirlo per dimostrare, al di là delle pragmatiche intenzioni dei sostenitori del NO che i Liberali si battono per promuovere il cambiamento – a prescindere dai compagni di viaggio – per migliorare la convivenza tra cittadini.

      DI PRINCIPIO la democrazia rappresentativa sceglie tra le idee e i progetti dando un peso in base ai voti. Uno vale uno nell’esprimersi, non nell’esser rappresentato quale singolo. La distanza fra elettori e eletti non sta nell’attribuzione fisica, numerica, cioè quantitativa, bensì nel fatto se gli eletti nel discutere e nel decidere nelle aule del Parlamento tengono conto delle conseguenze delle decisioni sui rapporti civili. Anche dopo il taglio, il voto politico resta libero e uguale per ogni cittadino.

      DI FATTO il taglio non rappresenta una minaccia per la democrazia, non limita infatti, la rappresentanza rispetto agli Stati UE. Sommando gli eletti nelle due Camere nei vari paesi europei, il rapporto tra eletti e abitanti dopo il taglio colloca l’Italia al quinto posto (un eletto ogni 101 mila abitanti) dopo Germania, Francia, Olanda, Regno Unito mentre senza taglio (un eletto ogni 64 mila abitanti) è all’ottavo posto, superata anche da Spagna, Polonia e Belgio. Non si sono considerate le grandi Democrazie del mondo, quali USA, Brasile ed India, dove il rapporto tra elettori ed eletti è intorno ad un eletto ogni 500 mila elettori.

      SI OBIETTERÀ che gli USA hanno un assetto profondamente diverso con Stati, contee, etc. Anche in Italia ci sono le Regioni (una volta le province), le Città Metropolitane, i Comuni, e l’Europa.

      Che serva una riforma più generale del funzionamento dello Stato, a cominciare dalle regioni, è in dubbio. Ma proprio per questo da qualche parte si deve cominciare.
      I sostenitori del NO non considerano che l’elevato numero di eletti non ha agevolato la vita dei cittadini. In Italia vi sono da dieci a venti volte e più norme che negli altri paesi UE. La critica non è che i parlamentari non lavorano. Piuttosto che operano male.

       

      • Questa risposta è stata modificata 4 mesi, 3 settimane fa da Leonello Zaquini.
    • #2843 Score: 0
      Leonello Zaquini
      Moderatore
      45 punti

      In base alla lista di proposte arrivateci (vedi sopra) sono state applicate le modifiche seguenti ai capitoli Pag 2 e (“Probema in breve”) e pag 4 ( ” NO”).

      Restiamo in attesa del capitolo pag 3 ( ” SI”) nella sua versione piu’ recente.

      = = =
      Prima di inseririli nella “bozza” (prii interventi della discusisone) presentiamo qui i capitoli nella versione piu’ recente.

      = = =

      Esempio di integrazione della proposta: miglirare la leggibilità, proposta di modifica 2.
      et anche 3 , 5 , 6, 7,

      = = =
      Pag 2
      = = =
      PRESENTAZIONE DELL’ ARGOMENTO E CONTESTO GENERALE, IN BREVE.

      IL CONTESTO: riduzione del numero dei parlamentari
      Con questo referendum confermativo il popolo italiano viene chiamato ad approvare o meno la legge approvata dal parlamento in data 11 luglio 2019 del disegno di legge costituzionale A.S. 214-515-805-B dal titolo: “Modifiche agli articoli 56, 57 e 59 della Costituzione in materia di riduzione del numero dei parlamentari” modifica costituzionale che prevede il passaggio dagli attuali 630 a 400 deputati e dagli attuali 315 a cui si aggiungono senatori a vita a 200 senatori. La riforma impone a 5 il numero massimo di senatori a vita.
      – L’ art.138 della Costituzione prevede che le modifiche costituzionali: «… sono sottoposte a referendum popolare quando, entro tre mesi dalla loro pubblicazione, ne facciano domanda un quinto dei membri di una Camera».
      – Nei tempi indicati sono state raccolte le firme richieste.
      – Il 15 Gennaio la Corte di Cassazione ha approvato la «ammissibilità del referendum».

      COSA E COME SI VOTA: “si” o “no” alla riduzione, senza quorum
      Votando SI approvate la riduzione del numero dei parlamentari.
      Votando NO stabilite che il numero rimanga quello attuale.
      Inoltre, in caso di approvazione, verrà modificata la legge elettorale per ridefinire i collegi elettorali coerentemente al numero inferiore dei parlamentari eletti
      In questa votazione, trattandosi di un referendum costituzionale, non esiste il quorum quindi prevarrà la maggioranza dei voti espressi indipendentemente dal numero dei votanti.

      EFFETTI: rapporto tra elettori ed eletti, semplificazioni e riduzione spese o riduzione rappresentatività
      Il numero dei parlamentari e la definizione dei collegi elettorali influenza i rapporti tra gli elettori e gli eletti, influenza anche i rapporti tra i partiti ed i loro candidati e poi gli eletti, inoltre influenza il processo legislativo.

      ESEMPI: in altri paesi e contesti
      Il problema del numero dei parlamentari è affrontato in modo diverso nei diversi paesi UE.
      I paragoni sono resi difficili dal fatto che i sistemi politici possono essere diversi da paese a paese. Per esempio in alcuni paesi esiste una sola Camera in altri il Senato, e con funzioni e prerogative diverse. Nei paesi a struttura federale i parlamenti locali si sovrappongono alle funzioni del Parlamento in uno stato non federale.
      In generale però si può constatare che:
      – il numero di parlamentari per 100 mila abitanti aumenta nei paesi di piccole dimensioni,
      – i paesi con struttura federale ne hanno tendenzialmente meno, dato che è come se avessero più parlamentari rispetto al numero strettamente indicato a livello centrale.
      A seconda dei sistemi democratici, possiamo constatare che il numero dei parlamentari può essere fissato in rapporto alla popolazione (come è ora in Austria, e come era nella Costituzione italiana dal 1948 al 1963), oppure in base ad un numero fisso, previsto nella Costituzione (come è in Italia a partire dalla modifica costituzionale del 1963), oppure il numero viene stabilito per legge (come è in Francia, dove la costituzione si limita a fissare dei numeri massimi o minimi).
      In base ai dati forniti dal Servizio Studi del Senato Italiano, l’Italia attualmente, con 1,6 parlamentari ogni 100 mila abitanti, si colloca al 22° posto tra i 27 paesi europei (al primo posto Malta con 16,6 parlamentari per 100 mila abitanti, all’ultimo la Germania, paese federale, con 0,8).
      In caso di approvazione della riduzione dei parlamentari tale rapporto scenderebbe allo 0,99 eletti per 100.000 abitanti, resteremmo penultimi prima della Germania e dopo la Spagna (1,3).
      Limitando il confronto alle sole “camere basse”, che sono più omogenee,  (escludendo il senato), l’Italia, occupa attualmente il 24° posto e passerebbe all’ultimo tra i paesi europei.

      In Italia, il testo originario della Costituzione (valido tra il 1948 ed il 1963) prevedeva per la Camera, un deputato ogni 80.000 abitanti; per il Senato, prevedeva un senatore ogni 200.000 abitanti, questo avrebbe richiesto in totale di circa 110 parlamentari in più rispetto ai 930 attualmente in vigore.
      Con la modifica Costituzionale del 1963, che fissa il numero dei rappresentanti indipendentemente dal numero degli abitanti, in rapporto alla popolazione aumentata negli anni, oggi il rapporto è cambiato: vi è un deputato ogni 96.000 abitanti circa e un senatore ogni 189.000 abitanti circa, ed un rapporto complessivo di 1,6 parlamentari ogni 100 mila abitanti.

      Sei tentativi di riforma, in passato.
      Dal 1983 si sono succeduti 6 tentativi di riduzione del numero dei parlamentari. Per motivi diversi non hanno avuto seguito.
      = = =

      NOTA: il testo è approvato da un gruppo di cittadini attivi in comitati favorevoli e contrari.
      Integrati i commenti.

       

    • #2844 Score: 0
      Leonello Zaquini
      Moderatore
      45 punti

      Pag 4
      = = =
      ARGOMENTI PER IL NO

      La Costituzione del ’48 prevederebbe 110 parlamentari in più.
      La riduzione di un terzo del numero dei parlamentari tocca equilibri delicati.
      La Costituzione del ‘48 prevedeva un rapporto fisso tra il numero dei parlamentari e quello dei cittadini, assicurava così che tra gli eletti e gli elettori potessero esistere contatti e rapporti.
      Senza la riforma del 1963 oggi avremmo circa 110 parlamentari in più.

      Senza voto di preferenza: maggiore controllo dei partiti.
      L’ulteriore riduzione del numero dei parlamentari oggettivamente renderà più difficoltosa l’esistenza di un rapporto personale diretto tra i cittadini e gli eletti, facilitando così il controllo dei partiti sui loro rappresentanti. Tale fenomeno è già presente ed è tra i motivi dell’aumento dell’astensionismo al voto (ritenuto inutile) e della sfiducia nelle istituzioni. Anche l’assenza del voto di preferenza e di strumenti di partecipazione democratica dei cittadini, come gli strumenti di democrazia diretta e partecipativa (che, originariamente, era previsto avrebbero dovuto accompagnare la riforma), contribuiscono a generare questa tendenza, che sarebbe rafforzata dalla riduzione dei parlamentari. In queste condizioni, si rafforza la tendenza che spinge i rappresentanti, allontanati dai cittadini, a degenerare in «funzionari del partito». Al contrario i costituenti precisarono che i parlamentari dovessero agire “senza vincolo di mandato” e quindi: pensando con la propria testa.

      Economia: inconsistente, meglio ridurre gli stipendi.
      I propositori della modifica costituzionale hanno usato l’ argomento «economia», ma in paesi con un numero molto più alto di parlamentari in rapporto ai cittadini, questi parlamentari vengono pagati meno e l’economia è assicurata meglio e senza incidere sulla rappresentatività. Una cattiva legislazione infatti, costa ai cittadini molto più cara che non l’economia della riduzione dei parlamentari, stimata a 7 millesimi della spesa pubblica.

      Nessuna semplificazione, vengono penalizzati i partiti minori e le piccole regioni.
      Anche l’argomento della « semplificazione delle procedure » non pare avere consistenza. Se alcuni parlamentari, nel corso dei dibattiti, espongono le loro opinioni e magari quelle di cittadini con i quali possono tenersi in contatto, questo sarebbe un vantaggio per la democrazia e per la qualità della legge, e non una complicazione che esiga di essere « semplificata ».
      L’argomento « semplificazione » si annulla se si pensa che, se approvata, la modifica impone la ridefinizione della legge e delle circoscrizioni elettorali. Le regioni piccole (Basilicata, Valle D’Aosta…) potrebbero trovarsi a poter eleggere solo rappresentanti dei partiti di maggioranza. La circoscrizione estero perderebbe ancora di più la propria rappresentanza (passando da 18 a 12 rappresentanti). I partiti di piccole dimensioni verrebbero penalizzati maggiormente.

      Rischio di modifiche costituzionali, senza ratifica popolare.
      – I senatori di partiti di minoranza potrebbero non essere presenti nelle Commissioni, anche in occasioni deliberanti.
      – Aumenterebbe il rischio di modifiche costituzionali approvate anche senza referendum dei cittadini, essendo più facile il superamento della maggioranza dei 2/3.

      Circoscrizioni più grandi: maggiore importanza delle lobby.
      Inoltre, per un candidato, la necessità di farsi conoscere da un numero più elevato di cittadini ed in una circoscrizione più estesa, implica maggiori spese elettorali e, soprattutto, maggiore sostegno da parte di: gestori di media, canali di informazione … ecc.
      Per questo, la riduzione del numero dei parlamentari produrrebbe:
      – un rafforzamento del legame tra gli eletti ed il partito di appartenenza,
      – un rafforzamento del « partitismo » ( consistente nel mirare al bene del partito e non a quello della collettività).
      – un rafforzamento della importanza delle lobby di potere (purtroppo esistenti), sia al momento dell’elezione e che durante l’attività legislativa.

      Con il SI, favorite tendenze negative già presenti.
      In un Parlamento eletto senza preferenze e controllato dai capi-partito, il numero dei parlamentari è secondario … .
      Ma riteniamo che la riduzione non potrà che favorire tendenze negative purtroppo già presenti nel nostro sistema democratico: il partitismo, l’influenza delle lobby, la distanza dai cittadini e la difficoltà dei cittadini di esprimersi ed incidere
      La riduzione potrà favorire tendenze negative purtroppo già presenti nel nostro sistema parlamentare: il partitismo, l’influenza delle lobby, la distanza dai cittadini e la difficoltà dei cittadini di esprimersi ed incidere.
      Invitiamo a votare NO per riaffermare il ruolo dei parlamentari come rappresentanti dei cittadini ed in continuo contatto con gli elettori, come previsto dalla Costituzione.

    • #2845 Score: 0
      Leonello Zaquini
      Moderatore
      45 punti

      Dal comitato per il SI ( comitato per le liberta) riceviamo il presente contributo.
      Grazie !
      Integreremo le modifiche quanto prima.

      Raccomandiamo di integrare anche nel capitolo a pag 3 (“SI”) , la soluzione “a capitoli” adottata per risponere alla proposta di modifia n° 2.
      = = =

      NOTA
      Sulla redazione dell’opuscolo.
      Nelle importanti occasioni, come sono le votazioni popolari,
      occorre che l’informazione dei cittadini sia all’altezza delle loro
      responsabilità e sia in grado di mettere ciascuno nelle condizioni
      migliori in modo che possa fare la scelta più intelligente per la
      collettività intera.
      L’informazione, quindi, deve essere al tempo stesso sintetica ma
      completa, pluralista, accessibile a tutti. Non può essere “di parte”,
      tanto meno può essere affidata ad entità private e di a carattere
      commerciale (come lo sono i media privati).
      Per questo, nei paesi dove gli strumenti di democrazia diretta ,
      affiancati a quelli della democrazia rappresentativa, sono presenti
      da più tempo e sono di uso più frequente ( Svizzera … , California
      … ecc ecc), un documento come il presente esiste e viene
      gratuitamente diffuso da enti pubblici agli elettori.
      Auspicando che in prospettiva anche in Italia tale documento
      venga redatto in modo ufficiale e da enti pubblici indipendenti, ne
      abbiamo prodotto un esempio. I testi sono stati redatti  da semplici
      cittadini, attivisti di comitati a favore del SI e del NO, in
      cooperazione tra di loro ( in modo simile a quanto avviene nello
      stato USA dell’Oregon, dove i redattori vengono estratti a sorte tra
      i cittadini).
      Per il bene del popolo italiano e della sua democrazia, come
      cittadini, esortiamo i legislatori a fare in modo che un testo con
      queste caratteristiche venga redatto e reso pubblico in ogni futura
      occasione.

      ===========

      IL TESTO QUESITO SOTTOPOSTO AL VOTO
      «Approvate il testo della legge costituzionale concernente :
      “Modifiche agli articoli 56, 57 e 59 della Costituzione in materia
      di riduzione del numero dei parlamentari”,
      approvato dal Parlamento e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale
      della Repubblica italiana – Serie generale – n.240 del 12 ottobre
      2019
      VOTO IN PARLAMENTO, finale (seconda lettura).
      Alla Camera: presenti 569, votanti 567, favorevoli 553, contrari
      14, astenuti 2.
      Al Senato: presenti 231, votanti 230, favorevoli 180, contrari 50,
      astenuti 1
      =========
      Con questo referendum confermativo il popolo italiano, viene
      chiamato ad approvare o meno la legge approvata dal parlamento
      in data 11 luglio 2019 del disegno di legge costituzionale A.S.
      214-515-805-B dal titolo: “Modifiche agli articoli 56, 57 e 59
      della Costituzione in materia di riduzione del numero dei
      parlamentari” modifica costituzionale che prevede il passaggio
      dagli attuali 630 a 400 deputati e dagli attuali 315 a cui si
      aggiungono senatori a vita a 200 senatori. La riforma impone
      limita a 5 il numero massimo di senatori a vita.
      – L’ art.138 della Costituzione prevede che le modifiche
      costituzionali: «… sono sottoposte a referendum popolare quando,
      entro tre mesi dalla loro pubblicazione, ne facciano domanda un
      quinto dei membri di una Camera».
      – Nei tempi indicati sono state raccolte le firme richieste.
      – Il 15 Gennaio la Corte di Cassazione ha approvato la
      «ammissibilità del referendum».
      Votando SI approvate la riduzione del numero dei parlamentari.
      Votando NO stabilite che il numero rimanga quello attuale.

      Inoltre, in caso di approvazione, verrà modificata la legge
      elettorale per ridefinire i collegi elettorali coerentemente al
      numero inferiore dei parlamentari eletti
      In questa votazione, trattandosi di un referendum costituzionale,
      non esiste il quorum quindi prevarrà la maggioranza dei voti
      espressi.
      Il numero dei parlamentari e la definizione dei collegi elettorali
      influenza i rapporti tra gli elettori e gli eletti, influenza anche i
      rapporti tra i partiti ed i loro candidati e poi gli eletti, inoltre
      influenza il processo legislativo. La riduzione implica, ed è vista,
      sia dai fautori del NO come un allontanamento tra i rappresentanti
      ed i cittadini, sia dai fautori del SI come una semplificazione dei
      processi decisionali ed una riduzione di spese. A seconda dei punti
      di vista (per il NO o per il SI), può prevalere il primo od il
      secondo degli argomenti.
      Il problema del numero dei parlamentari è affrontato in modo
      diverso nei diversi paesi UE.
      I paragoni sono resi difficili dal fatto che i sistemi politici possono
      essere diversi da paese a paese. Per esempio in alcuni paesi esiste
      una sola Camera in altri il Senato, e con funzioni e prerogative
      diverse. Nei paesi a struttura federale i parlamenti locali si
      sovrappongono alle funzioni del Parlamento in uno stato non
      federale.
      In generale però si può constatare che:
      – il numero di parlamentari per 100 mila abitanti aumenta nei
      paesi di piccole dimensioni,
      – i paesi con struttura federale ne hanno tendenzialmente meno,
      dato che è come se avessero più parlamentari rispetto al numero
      strettamente indicato a livello centrale.
      A seconda dei sistemi democratici, possiamo constatare che il
      numero dei parlamentari può essere fissato in rapporto alla
      popolazione (come è ora in Austria, e come era nella Costituzione
      italiana dal 1948 al 1963), oppure in base ad un numero fisso,
      previsto nella Costituzione (come è in Italia a partire dalla

      modifica costituzionale del 1963), oppure il numero viene stabilito
      per legge (come è in Francia, dove la costituzione si limita a
      fissare dei numeri massimi o minimi).
      In base ai dati forniti dal Servizio Studi del Senato Italiano, l’Italia
      attualmente, con 1,6 parlamentari ogni 100 mila abitanti, si
      colloca al 22° posto tra i 27 paesi europei (al primo posto Malta
      con 16,6 parlamentari per 100 mila abitanti, all’ultimo la
      Germania, paese federale, con 0,8).
      In caso di approvazione della riduzione dei parlamentari tale
      rapporto scenderebbe allo 0,99 eletti per 100.000 abitanti.
      In Italia, il testo originario della Costituzione (valido tra il 1948 ed
      il 1963) prevedeva per la Camera, un deputato ogni 80.000
      abitanti; per il Senato, prevedeva un senatore ogni 200.000
      abitanti, questo avrebbe richiesto in totale di circa 110
      parlamentari in più rispetto ai 930 attualmente in vigore.
      Con la modifica Costituzionale del 1963, che fissa il numero dei
      rappresentanti indipendentemente dal numero degli abitanti, in
      rapporto alla popolazione aumentata negli anni, oggi il rapporto è
      cambiato: vi è un deputato ogni 96.000 abitanti circa e un senatore
      ogni 189.000 abitanti circa, ed un rapporto complessivo di 1,6
      parlamentari ogni 100 mila abitanti.
      La riduzione del numero dei parlamentari a 400 deputati e 300
      senatori, porterebbe il paese ad avere circa 1 parlamentare ogni
      101 mila abitanti. Tale rapporto sarebbe compreso fra il valore
      dalla Germania di 0,8 parlamentari per 100 mila abitanti e il
      valore della Spagna di 1,3 parlamentari per 100.000 abitanti.
      Verrebbe dopo Germania, Francia, Olanda, Regno Unito mentre
      senza taglio (un eletto ogni 64 mila abitanti) è all’ottavo posto,
      superata anche da Spagna, Polonia e Belgio. Al decrescere del
      numero complessivo degli abitanti delle singole nazioni UE, tale
      rapporto sale progressivamente ed al ventitreesimo posto con la
      Slovenia, con circa 2.000.000 di abitanti, tale rapporto sale 6,3
      parlamentari per 100.000 abitanti. Nelle grandi democrazie del

      mondo, quali USA, Brasile ed India, il rapporto tra elettori ed
      eletti è intorno ad un eletto ogni 500 mila elettori.
      Dal 1983 si sono succeduti 6 tentativi di riduzione del numero dei
      parlamentari. Per motivi diversi non hanno avuto seguito.
      = = =
      NOTA: il testo è approvato da un gruppo di cittadini attivi in
      comitati favorevoli e contrari.

      =========
      ARGOMENTI PER IL NO
      La riduzione di un terzo del numero dei parlamentari tocca
      equilibri delicati.
      La Costituzione del ‘48 prevedeva un rapporto fisso tra il numero
      dei parlamentari e quello dei cittadini, assicurava così che tra gli
      eletti e gli elettori potessero esistere contatti e rapporti.
      Senza la riforma del 1963 oggi avremmo circa 110 parlamentari in
      più.
      L’ulteriore riduzione del numero dei parlamentari oggettivamente
      renderà più difficoltosa l’esistenza di un rapporto personale diretto
      tra i cittadini e gli eletti, facilitando così il controllo dei partiti sui
      loro rappresentanti. Tale fenomeno è già presente ed è tra i motivi
      dell’aumento dell’astensionismo al voto (ritenuto inutile) e della
      sfiducia nelle istituzioni. Anche l’assenza del voto di preferenza e
      di strumenti di partecipazione democratica dei cittadini, come gli
      strumenti di democrazia diretta e partecipativa (che,
      originariamente, era previsto avrebbero dovuto accompagnare la
      riforma), contribuiscono a generare questa tendenza, che sarebbe
      rafforzata dalla riduzione dei parlamentari. In queste condizioni, si
      rafforza la tendenza che spinge i rappresentanti, allontanati dai
      cittadini, a degenerare in «funzionari del partito». Al contrario i

      costituenti precisarono che i parlamentari dovessero agire “senza
      vincolo di mandato” e quindi: pensando con la propria testa.
      I propositori della modifica costituzionale hanno usato l’
      argomento «economia», ma in paesi con un numero molto più alto
      di parlamentari in rapporto ai cittadini, questi parlamentari
      vengono pagati meno e l’economia è assicurata meglio e senza
      incidere sulla rappresentatività. Una cattiva legislazione infatti,
      costa ai cittadini molto più cara che non l’economia della
      riduzione dei parlamentari, stimata a 7 millesimi della spesa
      pubblica.
      Anche l’argomento della « semplificazione delle procedure » non
      pare avere consistenza. Se alcuni parlamentari, nel corso dei
      dibattiti, espongono le loro opinioni e magari quelle di cittadini
      con i quali possono tenersi in contatto, questo sarebbe un
      vantaggio per la democrazia e per la qualità della legge, e non una
      complicazione che esiga di essere « semplificata ».
      L’argomento « semplificazione » si annulla se si pensa che, se
      approvata, la modifica impone la ridefinizione della legge e delle
      circoscrizioni elettorali. Le regioni piccole (Basilicata, Valle
      D’Aosta…) potrebbero trovarsi a poter eleggere solo
      rappresentanti dei partiti di maggioranza. La circoscrizione estero
      perderebbe ancora di più la propria rappresentanza (passando da
      18 a 12 rappresentanti). I partiti di piccole dimensioni verrebbero
      penalizzati maggiormente.
      – I senatori di partiti di minoranza potrebbero non essere presenti
      nelle Commissioni, anche in occasioni deliberanti.
      – Aumenterebbe il rischio di modifiche costituzionali approvate
      anche senza referendum dei cittadini, essendo più facile il
      superamento della maggioranza dei 2/3.
      Inoltre, per un candidato, la necessità di farsi conoscere da un
      numero più elevato di cittadini ed in una circoscrizione più estesa,
      implica maggiori spese elettorali e, soprattutto, maggiore sostegno
      da parte di: gestori di media, canali di informazione … ecc.
      Per questo, la riduzione del numero dei parlamentari produrrebbe:

      – un rafforzamento del legame tra gli eletti ed il partito di
      appartenenza,
      – un rafforzamento del « partitismo » ( consistente nel mirare al
      bene del partito e non a quello della collettività).
      – un rafforzamento della importanza delle lobby di potere
      (purtroppo esistenti), sia al momento dell’elezione e che durante
      l’attività legislativa.
      La riduzione non potrà che favorire tendenze negative purtroppo
      già presenti nel nostro sistema democratico: il partitismo,
      l’influenza delle lobby, la distanza dai cittadini e la difficoltà dei
      cittadini di esprimersi ed incidere.
      Invitiamo a votare NO per riaffermare il ruolo dei parlamentari
      come rappresentanti dei cittadini ed in continuo contatto con gli
      elettori, come previsto dalla Costituzione.
      ======
      ARGOMENTI PER IL SI

      La democrazia rappresentativa non è un’improvvisazione.
      Deriva dall’aver constatato nei secoli che le scelte pubbliche
      non possono essere gestite con la democrazia diretta quando
      convivono oltre qualche decine di migliaia di cittadini. Dunque
      la democrazia rappresentativa fa i cittadini titolari delle scelte
      pubbliche complesse attraverso il Parlamento, in cui gli eletti
      discutono e decidono. Non è uno strumento rigido. Aggiorna le
      regole del convivere al passar del tempo, resta soggetto alla
      continua valutazione dei cittadini nonché a periodici loro
      giudizi elettorali a scrutinio segreto. Può avvalersi di forme di
      democrazia diretta su singole tematiche circoscritte.

      Il 29 marzo 2020, il voto SI rende più funzionale la democrazia
      rappresentativa. Infatti il Parlamento ha approvato in doppia
      lettura a maggioranza – per la prima volta dopo due decenni di
      rinvii – il taglio nel numero dei parlamentari. Questo taglio,
      – rende più snello discutere e decidere (da sempre
      l’inflazione numerica di una carica pubblica, la
      depotenzia),
      – rende più trasparenti gli atti parlamentari,
      – agevola giudicare da fuori
      quanto accade,
      – consente allo Stato un risparmio certo, seppure di ammontare
      assai limitato,
      – contrasta alla base la campagna ultradecennale dei media
      contro il parlamento
      e a favore delle elites di governo distanti dai cittadini.
      Le critiche al ridurre il numero dei parlamentari sono fatte per lo
      più da chi ne ha sostenuto per anni la necessità. Le principali
      criticano il non aver esteso le riforme ad altri meccanismi
      istituzionali. Tuttavia non hanno spessore poiché sorvolano sul
      fatto che il taglio avvicina ai cittadini e che non impedisce di fare
      le correzioni ritenute utili. La capacità rappresentativa non è il
      rapporto quantitativo tra rappresentanti e rappresentati e la misura
      del territorio coperto.  La capacità rappresentativa esprime le
      scelte operate dai cittadini circa i progetti politici e circa i
      rappresentanti eletti per dibattere e decidere come agire in via
      istituzionale, in base al raggrupparsi delle diverse Libertà dei
      cittadini. Uno vale uno nell’esprimersi, non nell’esser
      rappresentato quale singolo. La distanza fra rappresentato e
      rappresentante non attiene all’attribuzione fisica (come se la
      rappresentanza aumentasse se più vicina al rapporto 1:1), bensì al
      criterio adottato dagli eletti nel discutere e nel decidere basandosi
      più o meno sulle conseguenze nei rapporti tra i cittadini. E ciò

      sotto il profilo della quantità e anche della qualità della
      rappresentanza. Anche dopo il taglio, il suffragio resta
      democratico, libero, uguale per ognuno nello scegliere la
      rappresentanza
      Approvato a maggioranza assoluta (molto estesa nella quarta
      votazione), il taglio avrebbe modificato la Costituzione se un
      quinto dei senatori non avesse richiesto di sottoporla a
      referendum. E’ stato determinante un drappello di senatori
      sovranisti che, dopo aver votato SI’ al taglio nelle 2 votazioni in
      aula, ha fatto raggiungere la soglia per il referendum, preferendo
      far decidere ai cittadini.
      Nel rispetto delle leggi vigenti, il 29 marzo andremo alle urne.
      Eppure non serviva far votare i cittadini sul quesito che approva o
      respinge la legge votata, finché in Senato il quorum non è stato
      raggiunto rinnegando le scelte precedenti. In realtà il 29 marzo è
      un passaggio che mira a logorare il Parlamento con la scusa di
      preservarne la capacità rappresentativa. Solo che tale capacità non
      è legata alla quantità degli eletti e a quanto territorio coprano. E’
      legata alle scelte espresse dai cittadini circa i progetti politici e
      circa i rappresentanti eletti per dibattere e decidere quale progetto
      attuare. In seguito i cittadini giudicano i risultati ottenuti.
      Riempire le urne con il SI’ è il modo più efficace sia per mettere
      nell’angolo le manovre di palazzo dei fautori a parole della
      democrazia civica (i quali intendono favorire concezioni di
      governo sopra i cittadini), sia per potenziare le istituzioni
      rappresentative con i correttivi migliorativi introdotti dal taglio
      che avvicina asi cittadini.
      ===========

       

    • #2846 Score: 0
      Leonello Zaquini
      Moderatore
      45 punti

      Purtroppo i commenti non appaiono nel testo qui sopra.
      Verranno integrati e messi a disposizione.

    • #2859 Score: 1
      Leonello Zaquini
      Moderatore
      45 punti

      Cari amici,

      Ci viene la proposta di aggiungere al testo “Argomenti per il NO” la frase seguente:

      ” Riteniamo che la riduzione del numero dei parlamentari sia una tappa significativa di un percorso di attacco al Parlamento come istituzione, che va avanti da decenni, e che mira a un rafforzamento dell’esecutivo, ai danni del legislativo e quindi della volontà popolare. Non per nulla tendevano esattamente a questo, pur per vie diverse, i due progetti di grande riforma della Costituzione – di Berlusconi prima e di Renzi poi – respinti dal voto popolare.”

      Spero di essere riuscito a spiegare ai propositori che:

      1- i nomi di persone (ed anche partito) usati o che si possono intendere in modo polemico, vano evitati rigorosamente (e’ aperta una discussione con gli estensori del “Argomenti per il SI” per cercare di ndurli a canellare il nome della Lega.

      2- per quanto possibile vanno eliminate “supposizioni” per cui il “piano di attacco al parlamento” ( che per altro sono anche io propenso a credere che esista) va citato differentemente.

      Mi pare che la proposta possa essere raccolta integrando la frase seguente nel capitolo finale che diventerebbe:

      = = =

      Con il SI, favorite tendenze negative già presenti.

      In un Parlamento eletto senza preferenze e controllato dai capi-partito, il numero dei parlamentari è relativamente secondario .
      Ma riteniamo che la riduzione potrà favorire tendenze negative purtroppo già presenti nel nostro sistema parlamentare e già manifestatesi in precedenti proposte di modifica della Costituzione per fortuna rifiutate dai cittadini. Riteniamo di essere di fronte ad un nuovo tentativo di rafforzamento dell’esecutivo, ai danni del Parlamento come organo legislativo e rappresentativo della volontà popolare. Riteniamo che il SI rafforzerebbe: il partitismo, l’influenza delle lobby, la distanza dei rappresentanti dai cittadini e la difficoltà dei cittadini di esprimersi ed incidere.
      Invitiamo a votare NO per riaffermare il ruolo del Parlamento ed il ruolo dei parlamentari come rappresentanti dei cittadini ed in continuo contatto con gli elettori, come previsto dalla Costituzione.”.”

      Cosa ne dite?
      Abbiamo tempo fino a domani per decidere.

       

      • Questa risposta è stata modificata 4 mesi, 2 settimane fa da Leonello Zaquini.
      • Questa risposta è stata modificata 4 mesi, 2 settimane fa da Leonello Zaquini.
      • Questa risposta è stata modificata 4 mesi, 2 settimane fa da Leonello Zaquini.
      • #2863 Score: 0
        Nicola
        Amministratore del forum
        2 punti

        Io modificherei così (grassetto corsivo la parte aggiunta):

         

        Con il SI, favorite tendenze negative già presenti.
        In un Parlamento eletto senza preferenze e controllato dai capi-partito, il numero dei parlamentari è secondario .
        Ma riteniamo che la riduzione potrà favorire tendenze negative, purtroppo già presenti nel nostro sistema parlamentare e manifestatesi con proposte di modifica della Costituzione rifiutate dai cittadini, che rafforzerebbero : il partitismo, l’influenza delle lobby, la distanza dei rappresentanti dai cittadini e la difficoltà dei cittadini di esprimersi ed incidere.
        Invitiamo a votare NO per riaffermare il ruolo dei parlamentari come rappresentanti dei cittadini ed in continuo contatto con gli elettori, come previsto dalla Costituzione.

        • Questa risposta è stata modificata 4 mesi, 2 settimane fa da Nicola.
    • #2866 Score: 0
      Leonello Zaquini
      Moderatore
      45 punti

      Caro Nicola,

      La tua proposta a me andrebbe bene, ma il comitato del NO della Toscana, suggeriva il testo che ho riferito al messaggio 2859.

      dopo avere eliminato le parti piu’ “polemiche” (ed i nomi … ecc ecc) e’ rimasto un argomento proposto dal quel comitato che effettivamente non mi pare sia presente (quanto meno non lo e’ in modo esplicito) nella parte rimanente del testo.

      Mi riferisco alla parte: “un rafforzamento dell’esecutivo, ai danni del legislativo “.

      Se mi permetti fonderei la tua versione integrando quelle parole e quel concetto.
      Per esempio nel modo seguente:


      Con il SI, favorite tendenze negative già presenti.
      In un Parlamento eletto senza preferenze e controllato dai capi-partito, il numero dei parlamentari è relativamente secondario .
      Ma riteniamo che la riduzione potrà favorire tendenze negative già presenti, come il rafforzamento dell’esecutivo ai danni del legislativo, e manifestatesi anche in precedenti proposte di modifica della Costituzione, rifiutate dai cittadini. Il voto SI rafforzerebbe : il partitismo, l’influenza delle lobby, la distanza dei rappresentanti dai cittadini e la difficoltà dei cittadini di esprimersi ed incidere.
      Invitiamo a votare NO per riaffermare il ruolo dei parlamentari come rappresentanti dei cittadini ed in continuo contatto con gli elettori, come previsto dalla Costituzione”.
      = = =

      Ritengo che l’esplicitare la tendenza ed il pericolo del “rafforzamento dell’esecutivo ai danni del legislativo” (anche se implicitamente gia presente nel testo, a me pare) potrebbe essere positivo, oltre al fatto anche positivo di dare ascolto al suggerimento dei membri di un conitato per il NO.

      Che ne dici?

      • Questa risposta è stata modificata 4 mesi, 2 settimane fa da Leonello Zaquini.
      • #2884 Score: 0
        Nicola
        Amministratore del forum
        2 punti

        Ecco l’ultima modifica e revisione che ho introdotto nel file ver 1.3.6 inviato in chat.

        Ho introdotto le modifiche da te indicate e suggerite dal comitato del NO Toscano.

         

        Con il SI, favorite tendenze negative già presenti

        In un Parlamento eletto senza preferenze e controllato dai capi-partito, il numero dei parlamentari è secondario .

        Riteniamo che la riduzione potrà favorire tendenze negative, purtroppo già presenti nel nostro sistema parlamentare, come il rafforzamento dell’esecutivo ai danni del legislativo e manifestatesi con proposte di modifica della Costituzione rifiutate dai cittadini, che rafforzerebbero : il partitismo, l’influenza delle lobby, la distanza dei rappresentanti dai cittadini e la difficoltà dei cittadini di esprimersi ed incidere.

        Invitiamo a votare NO per riaffermare il ruolo dei parlamentari come rappresentanti dei cittadini ed in continuo contatto con gli elettori, come previsto dalla Costituzione.

    • #2868 Score: 0
      Leonello Zaquini
      Moderatore
      45 punti

      Non lo propongono gli amici toscani, ma suggerisco il “relativamente” prima del “secondario” nella prima frase.

      Come a dire: ” e’ secondario” … ma un po’ di inportanza comunque ce lo ha … (altrimenti non si capisce e si svaluta il nostro impegno per i NO).

      Che ne dici, che ne dite anche di questo?

       

       

      • Questa risposta è stata modificata 4 mesi, 2 settimane fa da Leonello Zaquini.
      • Questa risposta è stata modificata 4 mesi, 2 settimane fa da Leonello Zaquini.
    • #2871 Score: 0
      Leonello Zaquini
      Moderatore
      45 punti

      Proposta per “Argomenti per il SI”,

      al posto di:
      “E’ stato determinante il gruppetto di senatori
      della Lega che, dopo aver votato SI’ al taglio nelle 2 votazioni in aula, ha fatto raggiungere la soglia per il referendum,
      preferendo far decidere ai cittadini”.

      Si propone :
      ” E’ stato determinante il gruppetto di senatori di un partito che … “

      • Questa risposta è stata modificata 4 mesi, 2 settimane fa da Leonello Zaquini.
    • #2877 Score: 0
      Leonello Zaquini
      Moderatore
      45 punti

      Domani dovremo definire la versione finale.
      In attesa di commenti, ho introdotto le modifiche:

      – mettendo in grassetto le modifiche ai testi (nelle sei pagine iniziali).
      – armonizzando l’uso dei caratteri dei commenti a sinistra, maiuscolo e minuscolo nei diversi capitoli.
      – aumetando dei commenti a sinistra nel primo capitolo.

      Nel testo ” …  in breve”, una parte del commento “EFFETTI” era piu’ lingo del testo. Ho trasferito parte del commento , nel testo:

      “… Viene visto come semplificazione e riduzione di spese o anche come riduzione della rappresentatività”.

      • Questa risposta è stata modificata 4 mesi, 2 settimane fa da Leonello Zaquini.
      • Questa risposta è stata modificata 4 mesi, 2 settimane fa da Leonello Zaquini.
    • #2891 Score: 0
      Leonello Zaquini
      Moderatore
      45 punti

      Ho spedito un e mail all’indirizzatio dei redattori.
      Eccolo:

      = = =
      Cari amici,

      In estremis, grazie all’amico Luca e ad un link ad un articolo al giornale “Il Sole 24 ore”, ho corretto quello che era un errore nel testo del capitolo ” … in breve”, alla nota: “… tentativi di riforma in passato” (l’ultia nota): i tentativi sono stati sette e non sei.

      </div>
      L’articolo e’ molto chiaro, e non occorre “contarli” (come invece si era dovuto fare, e si era fatto probabilmente un errore).

      = = =
      Informo gli amici del comitato il si delle liberta’, che non ho ancora cancellato la frase che e’ stata criticata nello stesso capitolo ( “… in breve”) alla nota: “effetti”.

      Ho provato a modificarla, cercando di raccogliere la critica fatta.</div>
      Prego tutti di visitare il sito, esaminare il testo in grassetto. Dire se puo’ stare come e’ oppure se preferite altre soluzioni (tra le quali anche: cancellare tutta la frase in grassetto).
      = = =
      <div>Viste le modifiche, il lavoro di impaginanzione finale (che prevedevamo di fare stasera) lo rinvierei a domani, nel primo pomeriggio.

      <div>Spero avrete il tempo di fare pervenire i vostri commenti.

      Grazie.

      Leonello

      PS: link.
      1) qui il sito all’articolo del “Il sole”:
      https://www.ilsole24ore.com/<wbr />art/ritorna-taglio-<wbr />parlamentari-ma-40-anni-hanno-<wbr />fallito-gia-7-tentativi–<wbr />AEAiyG3F

      2) qui,  per vostra comodita’ di lettura, il link alla “versione attuale del libretto”.
      https://www.<wbr />piudemocraziaitalia.org/forum/<wbr />topic/versione-attuale-del-<wbr />libretto-sul-taglio

      • Questa risposta è stata modificata 4 mesi, 2 settimane fa da Leonello Zaquini.
    • #2951 Score: 0
      Leonello Zaquini
      Moderatore
      45 punti

      Nella versione V7 .

      viene corretta la “nota” nel capitolo ” … per il NO” dove al posto di “ERCONOMIA” ci va “ECONOMIA”.

    • #3637 Score: 0
      Leonello Zaquini
      Moderatore
      45 punti

      Nella versione V8:

      – introdotta la nuova data del referendum: 20 21 settembre .

      – ridotto il testo della “Nota sulla redazione” ( in ultima pagina) per consentirne un uso pubblico.

      – spostata l’indicazione “V8” dalla prima all’ultima pagina, scritto in piccolo.

       

Visualizzazione 23 filoni di risposte
  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.