Home Forums 10 – FARE il cambiamento Strumenti di informazione ai cittadini nei processi decisionali

Visualizzazione 3 filoni di risposte
  • Autore
    Post
    • #4215 Score: 0
      portavoce
      Amministratore del forum
      14 punti

      STRUMENTI DI INFORMAZIONE AI CITTADINI NEI PROCESSI DECISIONALI ( LIBRETTO INFORMATIVO … ecc.) Classifica: 6°

      In occasione di votazioni popolari, per referendum o altre decisioni, vanno resi disponibili per i cittadini degli strumenti di informazione pubblici e gratuiti.
      Questi strumenti devono essere redatti in modo oggettivo e neutro, in un linguaggio semplice, conciso e rispettoso delle opinioni diverse. Devono  includere: informazioni generali sul tema in votazione e gli argomenti per il SI e per il NO.

      Questi strumenti detti anche “Opuscolo informativo” oppure “Libretto delle votazioni” hanno il vantaggio di consentire ai cittadini una informazione corretta sui temi in votazione e la maturazione di convinzioni per il voto.
      Strumenti simili potrebbero anche  essere usati per accompagnare la scelta nella attribuzione di preferenze e selezione di candidati.

      Questi sistemi di informazione  sono in genere presenti nei paesi dove esistono strumenti di democrazia diretta.  In Svizzera, a livello federale, il “Libretto delle votazioni, viene redatto da una commissione specifica e viene spedito al cittadino votante almeno tre settimane prima, in modo da consentire lo studio degli argomenti in votazione. Nello stato USA dell’Oregon ed in alcuni cantoni Svizzeri il “Libretto” viene redatto da cittadini estratti a sorte.
      Purtroppo questo strumenti mancano in Italia ma se ne è fatto esistere un esemplare in occasione di un recente referendum ed il tema era stato discusso in Parlamento, dove il Governo si era impegnato a farlo esistere. L’impegno non è stato poi mantenuto.

      = = =
      Inderito nel doc

      Stanza videoconferenza:

      https://meet.jit.si/piudemocraziaitalia_09

      • Questo topic è stato modificato 3 mesi, 1 settimana fa da portavoce.
      • Questo topic è stato modificato 1 mese, 1 settimana fa da Leonello Zaquini.
      • Questo topic è stato modificato 1 mese, 1 settimana fa da Leonello Zaquini.
      • Questo topic è stato modificato 1 settimana, 1 giorno fa da Leonello Zaquini. Motivo: Inserito nel doc "fare il cambamento"
    • #4216 Score: 0
      portavoce
      Amministratore del forum
      14 punti

       

      Un POPOLO ignorante non può essere SOVRANO.

      Dal 1975, l’Educazione Civica non è stata più una materia d’insegnamento nella Scuola italiana, un paradosso storico in realtà coerente con la deriva anticostituzionale su cui i partiti erano già avviati.

      La Storia insegna che i grandi cambiamenti non avvengono con la sola iniziativa di una minoranza di fortunati intellettuali, gli stessi cui la politica di potere (non tutta la politica) sbarra la strada per evitare la concorrenza di chi sarebbe ben più preparato, o glielo consente solo se controllabili.

      Ben altro accade se il Popolo sa ed è informato sul proprio ruolo, strumenti, diritti e doveri inclusi.

      Reintrodotta l’Educazione Civica nel 2019, la Scuola è in difficoltà perché 45 anni hanno creato un vuoto e bruciato oltre 5 generazioni.

      Per questo l’Educazione Civica e Politica è l’investimento strategico.

      Diego Pascale ci affida il suo compendio di Educazione Civica per ragazzi, primo mattone di una costruzione complessa DA COSTRUIRE TUTTI INSIEME.
      POLIS ETICA è la Piattaforma Aperta e Indipendente di Educazione Civica e Politica per Cittadini dove raccogliere e diffondere tutto ciò.

      Senza un vero POPOLO non si ottiene nulla, senza un DEMÒS non c’è vera DEMOcrazia, senza la conoscenza non c’è un Popolo Sovrano e nulla cambierà.
      = = =
      Da parte di : Guido De Simone.

       

    • #4230 Score: 0
      Leonello Zaquini
      Amministratore del forum
      78 punti

      Mi pare che la “descrizione sintetica” di questo punto con corrisponda al titolo, ma sia una ripetizione della descrizione del punto:

      sulla ” educazione civica”.
      https://www.piudemocraziaitalia.org/forum/topic/educazione-civica-alla-democrazia-ed-alla-partecipazione/

      Inoltre mi pare che il punto qui presente sia una duplicazione di questo:

      https://www.piudemocraziaitalia.org/forum/topic/strumenti-di-formazione-alla-democrazia-per-i-cittadini/

       

      • Questa risposta è stata modificata 3 mesi, 2 settimane fa da Leonello Zaquini.
    • #5008 Score: 0
      Leonello Zaquini
      Amministratore del forum
      78 punti

      STRUMENTI DI INFORMAZIONE AI CITTADINI NEI PROCESSI DECISIONALI ( LIBRETTO INFORMATIVO … ecc,)

      In occasione di votazioni popolari, per referendum o altre decisioni, vanno resi disponibili per i cittadini degli strumenti di informazione pubblici e gratuiti.
      Questi strumenti devono essere redatti in modo oggettivo e neutro, in un linguaggio semplice, conciso e rispettoso delle opinioni diverse. Devono  includere: informazioni generali sul tema in votazione e gli argomenti per il SI e per il NO.

      Questi strumenti detti anche “Opuscolo informativo” oppure “Libretto delle votazioni” hanno il vantaggio di consentire ai cittadini una informazione corretta sui temi in votazione e la maturazione di convinzioni per il voto.
      Strumenti simili potrebbero anche  essere usati per accompagnare la scelta nella attribuzione di preferenze e selezione di candidati.

      Questi sistemi di informazione  sono in genere presenti nei paesi dove esistono strumenti di democrazia diretta.  In Svizzera, a livello federale, il “Libretto delle votazioni, viene redatto da una commissione specifica e viene spedito al cittadino votante almeno tre settimane prima, in modo da consentire lo studio degli argomenti in votazione. Nello stato USA dell’Oregon ed in alcuni cantoni Svizzeri il “Libretto” viene redatto da cittadini estratti a sorte.
      Purtroppo questo strumenti mancano in Italia ma se ne è fatto esistere un esemplare in occasione di un recente referendum ed il tema era stato discusso in Parlamento, dove il Governo si era impegnato a farlo esistere. L’impegno non è stato poi mantenuto.

      = = =
      Proposta LZ, 04-03-2021

      = = =

Visualizzazione 3 filoni di risposte
  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.