#3012 Score: 1
Leonello Zaquini
Moderatore
105 punti

Messaggio ai parlamentari.
Riccardo / Dadone/ Baldino / Crimi
= = =

Organizzare un workshop, al « Gobal forum on modern direct democracy » _ Vostro aiuto

Cari amici, gentili parlamentari,

mi permetto di scrivervi per parlare di qualcosa di diverso dall’urgenza sanitaria (che sicuramente assorbe le vostre energie), ma il tema è anche importante.

Stiamo contribuendo ad organizzare il “Global forum on modern direct democracy” che (salvo rinvii) dovrebbe tenersi il prossimo settembre, dal 23 al 26, a Berna.

Abbiamo bisogno del vostro aiuto – indicazioni per organizzare un Workshop sul tema : «  Problems encountered in introdicing / reinforcing direct democracy in Italy ».

Se qualcuno di voi potesse partecipare, sarebbe l’ideale, ma se non poteste vi preghiamo di indicarci qualcuno, sufficientemente informato dei fatti, che possa sostituirvi.

Aggiungo qualche parola di spiegazione.
Ogni anno, sempre in paesi diversi, si tiene questo momento di riflessione collettiva, il « Global forum », al quale partecipa un migliaio di persone, attivisti della democrazi diretta (DD), provenienti da angoli diversi del pianeta.

Quest’anno gli organizzatori ci hanno chiesto ( a noi della associazione « piu democrazia italia »), di organizzare un « Workshop » sul tema indicato.

In grande sintesi il problema che ci chiedono di affrontare è il seguente : spiegare come è accaduto che il programma di rafforzamento degli strumenti di democrazia diretta ( introduzione del « referendum propositivo »), dopo essere stato discusso e votato in prima lettura in Parlamento, e che ci metteva all’avanguardia nel mondo intero sul tema della democrazia diretta, pare avere perso d’attualità.

Per fornire le spiegazioni necessarie ed organizzare questo Workshop, abbiamo bisogno del vostro aiuto.
Infatti, per rispondere alla domanda, occorrerà organizzare interventi  da parte di:

1- parlamentari, (o persone al corrente dei fatti), e che possano spiegare quali sono state le resistenze che si sono manifestate soprattutto al momento di modificare l’alleanza di governo, dopo che l’iter parlamentare era già iniziato.
2- attivisti del « movimento per la DD », che possano spiegare come hanno visto l’evoluzione dei fatti ed anche quali sono stati gli errori del « movimento » stesso, che nel suo complesso non si è dimostrato in grado di sostenere l’iniziativa parlamentare affiancandola con una mobilitazione popolare.

A queste due componenti, si potrebbe anche aggiungere :
3- l’intervento di rappresentanti di enti locali, che spieghino progressi / problemi / possibilità a quel livello.

Voi tutti, ai quali scrivo, vi siete meritevolmente battuti sul tema della democrazia diretta, sia ai tempi della presentazione al Senato della « iniziativa quorum zero e più democrazia» ( l’amico Vito Crimi, che incontravo nel Meetup di Brescia, era uno dei firmatari), sia in occasione della proposta del « Referendum propositivo » ( l’amico Riccardo ne sa qualcosa … , e Fabiana Dadone ne era la relatrice) , come anche per la redazione del « libretto delle votazioni » strumento importantissimo per un uso efficace della DD ( e per il quale so che si è battuta Vittoria Baldino).

Per questo, a nome del comitato della associazione « Piudemocraziaitalia » e in collaborazione con gli organizzatori del « Global Forum », vi prego di indicarci la vostra disponibilità a partecipare a quell’evento di Berna, oppure di indicarci il nome di persone che potrebbero sostituirvi.

A livello mondiale, da Taiwan alla California, gli attivisti della democrazia diretta vorrebbero sapere come è andata da noi in Italia in modo da : evitare gli inconvenienti che abbiamo incontrato.

Se anche abbiamo fatto degli errori (e, come « movimento » fuori dal Parlamento, siamo convinti che ne siano stati fatti diversi), l’importante sarà : farli sapere, in modo che altri li possano evitare.

Grazie per l’attenzione.

Buon lavoro.

Leonello Zaquini