Home Forums Discussione generale. Proposte verso una organizzazione socio-politica più umana.

Questo argomento contiene 16 risposte, ha 4 partecipanti, ed è stato aggiornato da  xpol 1 mese, 1 settimana fa.

  • Autore
    Articoli
  • #1255 Score: 0

    xpol
    Partecipante

    Vi mando una mia idea generale su come si potrebbe impostare un cammino di riconsegna alle comunità locali dei problemi politici più importanti per la convivenza civile.

    Oltre ai commenti sulla visione generale, interesserebbero commenti più tecnici, su come realizzare  il meccanismo tecnico e legislativo che permette alle unità sociopolitiche di base di esercitare il loro potere consultivo, nei confronti delle autorità locali, relativamente agli argomenti stabiliti.

    Gli argomenti che porto ad esempio, in fondo, sono solamente indicativi. L’unico a cui saprei contribuire, per la mia lunga esperienza nel campo, è in quello educativo di adolescenti e giovani.

     

    Paolo

     

    — all

    Proposte verso una organizzazione socio-politica più umana.

    Indice generale

    Proposte verso una organizzazione socio-politica più umana.
    1 Migliorare i confini regionali, entro la nazione italiana
    2 Le comunità di lavoro distribuite, nella società informatizzata
    3 La proposta politica.
    4 Un primo elenco di temi affrontabili localmente.

    1 Migliorare i confini regionali, entro la nazione italiana

    All’interno del territorio nazionale italiano, si dovrebbe
    riconoscere che i confini regionali sono il risultato di rapporti
    di forza e di accordi politici che risalgono ad una realtà molto
    lontana e che non hanno più ragione d’essere, così come sono. In
    altri termini, anche se tali contorni sono utili per la
    valorizzazione delle risorse umane locali, il loro rigido
    mantenimento, anche quando non rispecchia fedelmente le dinamiche
    della società al loro interno, non permette che le potenzialità
    di una località o regione si esprimano al meglio.

    Sarebbe perciò il caso di mettere a punto un metodo e dei criteri
    di scelta per determinare e continuamente aggiustare simili
    strutture di media dimensione, affinchè esse risultino dalla
    aggregazione consapevole di unità politiche più piccole, di base,
    di estensione paragonabile a quella delle province attuali, dove
    i rapporti personali siano decisivi per la scelta dei
    rappresentanti politici.

    La scelta di appartenere a una area più estesa, paragonabile a
    quella delle attuali regioni, dovrebbe essere presa sulla base di
    una combinazione di differenti criteri, come la affinità o la
    complementarietà economica, la vicinanza culturale, la omogeneità
    delle risorse naturali.

    2 Le comunità di lavoro distribuite, nella società informatizzata

    I mezzi di informazione di cui la società contemporanea gode
    mostrano un doppio aspetto: da una parte permettono al singolo o
    a piccoli gruppi di approfondire una enormità di argomenti in
    modo autonomo, che possono poi essere messi a frutto localmente,
    e di partecipare a progetti concreti senza limiti geografici.
    Dall’altro mettono il navigatore a rischio di dispersione delle
    proprie energie e di gravi manipolazioni, se non è in grado di
    valutare la utilità del materiale e di selezionare le fonti su
    basi di attendibilità.

    Per queste ragioni, oggi, è necessario che la moltitudine dei
    fruitori delle informazioni venga sostenuta nella fruizione con
    modi peculiari, differenti da quelli in uso per le fonti più
    tradizionali, giornali riviste, notizie radiotelevisive, dove la
    garanzia della qualità è offerta da giornalisti e direttori.

    Il modo che si è affermato negli scorsi decenni per far fronte
    alla eterogeneità delle fonti su internet è quello delle comunità
    virtuali, ovvero ambienti in cui, anche se non sono presenti
    personalità eminenti, il contatto con ambienti professionali è
    garantito da esperti e conduttori delle discussioni con un buon
    livello di preparazione riguardo ai temi affrontati dalla
    comunità e dove i rapporti di fiducia si consolidano e le
    conoscenze si ampliano anche durante occasionali incontri in
    persona.

    3 La proposta politica.

    Il modo per delineare una possibile ripartizione della società
    italiana in unità politiche di base potrebbe essere trovato
    incoraggiando la creazione di comunità virtuali di tal genere,
    tali che siano finalizzate al miglioramento di alcuni, ben
    determinati, aspetti delle leggi che regolamentano la convivenza
    civile e che siano investite dal governo centrale di un potere
    consultivo per le istituzioni pubbliche locali.

    Si propone perciò che l’attuale parlamento italiano si impegni a
    costituire un ufficio nazionale per coordinare, qualificare e
    indirizzare lo sviluppo di comunità virtuali con tali finalità,
    che siano sufficientemente grandi da poter contare su persone con
    esperienza sui temi trattati e capaci di condurre il confronto in
    rete, ma localizzate geograficamente in aree ristrette, per poter
    creare occasioni frequenti di incontro in persona tra i
    partecipanti.

    Tali comunità locali dovrebbero essere coordinate da un consiglio
    che rappresenti sia tutte le realtà culturali del posto e le
    istituzioni civiche locali..

    Gli obiettivi di tali comunità, che potrebbero essere chiamate
    unità socio-politiche di base virtuali (usp), aperte alla
    partecipazione di tutti, dovrebbero riguardare temi concreti
    locali e dovrebbero avere la possibilità, riconosciuta per legge,
    di elaborare proposte per risolvere problemi, in collaborazione
    con le istituzioni pubbliche.

    Gli argomenti affrontati a livello delle usp potranno essere
    raccolti da comunità di livello più elevato di partecipazione,
    geograficamente distribuite e composte da specialisti, in grado
    di porsi come interlocutori delle istituzioni politiche
    nazionali.

    4 Un primo elenco di temi affrontabili localmente.

    Si propone di trattare nelle usp i seguenti temi, direttamente
    legati alla convivenza civile e che richiedono una viva
    partecipazione a livello locale

    • Giustizia

    – Sulle strade

    – Nella tutela dei soggetti deboli

    • Educazione

    – Formazione di adolescenti e giovani

    – Rapporti con la ricerca scientifica e tecnologica mondiale

    • Risorse naturali

    – Gli elementi alla base della vita:

    ∗ terra,

    ∗ aria,

    ∗ acqua

    – La architettura urbana

    – Lo sfruttamento delle fonti energetiche

    .

    [https://drive.google.com/open?id=1ZKqc7HCF0RjtJzli_2PJGXYFLmVB-k-v||preleva il pdf]

    .

    Paolo M. Pumilia

    • Questo argomento è stato modificato 4 mesi, 1 settimana fa da  xpol.
    • Questo argomento è stato modificato 4 mesi, 1 settimana fa da  portavoce.
    • Questo argomento è stato modificato 4 mesi, 1 settimana fa da  portavoce.
  • #1263 Score: 0

    portavoce
    Amministratore del forum
    6 punti

    Per quanto riguarda il primo punto la maggior parte del comitato è sicuramente federalista.

    Io vorrei che agganciata ad un federalismo completo sia facilitata anche una autodeterminazione democratica.

    Al giorno d’oggi con una accentuata mobilità transnazionale questi temi devono essere discussi a livello Europeo.

  • #1264 Score: 0

    portavoce
    Amministratore del forum
    6 punti

    Inoltre proposte serie ci sono già state.

    Quella della Società Geografica Italiana è completa ed una buona base di partenza ma ad essa è stata opposta la proposta delle macro-regioni che a mio avviso ha poco senso geografico e di popolazione.

    Tanto valeva restare alle provincie.

    Metto su Telegram la proposta.

  • #1265 Score: 0

    portavoce
    Amministratore del forum
    6 punti

    Per i punti seguenti credo che riguardino la partecipazione come spesso discussa su questo sito.

    Evidenzio su Telegram la proposta portata al Global Forum 2018.

  • #1266 Score: 0

    xpol
    Partecipante

    Ho dato un’occhiata allo studio della Soc. Geografica Italiana. Non lo conoscevo e mi sembra un lavoro interessante e certamente utile e complementare al discorso che abbiamo avviato. Sarebbe il caso di conoscere gli autori e sapere se siano disponibili ad elaborare un progetto comune.

    Mentre lo studio della SGI si basa, principalmente,  su un criterio di mobilità lavorativa (assieme ad altri) ed elabora una ripartizione dall’alto, la mia proposta è quella di avviare un percorso di basso, che faccia anche crescere la sensibilità a questo problema nelle istituzioni locali. Queste dovrebbero essere favorite nel prendere decisioni comuni. A proposito potrebbe essere utile conoscere meglio il decreto legge n. 95/2012, citato dalla SGI.

    Partendo dalla situazione di fatto, quella dei comuni e delle regioni di oggi, incoraggiare iniziative sovra-comunali di vario genere (nel campo politico e in quello socio-educativo) e verificare quale estensione prendano le aggregazioni di cittadini e le municipalità con interessi e obiettivi comuni.

    In campo educativo avrei delle idee più precise, inclusi interventi legislativi nazionali, mentre in altri campi, la opportunità e la modalità di una proposta del genere andrebbe ben ponderata.

    Non è opera semplice, e andrebbe studiata con degli esperti di sociologia e di politica.

    A tal fine mi sembra che ci si potrebbe porre l’obiettivo di costituire un nucleo promotore. Possiamo lavorare a questo primo passo? Con quali forze?

    Paolo M.

     

    • Questa risposta è stata modificata 4 mesi, 1 settimana fa da  xpol.
    • Questa risposta è stata modificata 4 mesi, 1 settimana fa da  xpol.
    • Questa risposta è stata modificata 4 mesi, 1 settimana fa da  xpol.
  • #1277 Score: 0

    Dario Fe
    Partecipante

    Sono molto interessato al tema “comunità virtuali”.

    Avete un piano un po’ più preciso su come strutturarle in pratica, oppure si tratta “soltanto” di un’idea teorica?

  • #1312 Score: 0

    Leonello
    Partecipante
    14 punti

    Caro Paolo,

    A me pare che il punto 1,
    sia apprezzabile in se’ (federalismo …) ma poco coerente con la sostnza della proposta.

    Confesso che mi aveva generato delle difficolta’ di comprensione.

    Io separerei i punti in due documenti diversi.

    • #1333 Score: 0

      xpol
      Partecipante

      La mia è una proposta teorica, diciamo, per rispondere a Dario Fe. Mi interesserebbe riceverne un giudizio un po’ approfondito ed eventualmente  lavorare ad una progetto con simile ispirazione.

      Per Leonello. Non capisco la mancanza di coerenza.

      Il primo punto offre una finalità, il secondo prospetta degli strumenti, il terzo presenta, molto schematicamente, la possibilità di un progetto di lavoro per perseguire quelle finalità attraverso quegli strumenti.

      Questo ultimo è il nocciolo del documento, espresso in forma molto schematica, data la mia estraneità alla materia. Sono disponibile a lavorarci, ma non sono in grado di svilupparlo, da solo; non sono in grado di stendere e di guidare un progetto del genere.

      Ha dei punti di validità, a vostro parere, il punto 3?

      Qualcuno vi sta già pensando, con competenza, nel mondo della politica?

      Qualcuno, a livello accademico, studia problematiche del genere?

       

      Vi sarei grato della segnalazione di enti o persone potenzialmente interessate al punto 3.

      Se sulle finalità, i principi di base del federalismo, siamo d’accordo, vi chiedo un aiuto nel valutare il punto 3 e  nel trovare persone più competenti del sottoscritto per discuterne assieme.

      Grazie per la vostra disponibilità

      Paolo m.

      • Questa risposta è stata modificata 3 mesi, 3 settimane fa da  xpol.
      • Questa risposta è stata modificata 3 mesi, 3 settimane fa da  xpol.
  • #1336 Score: 0

    xpol
    Partecipante

    Nota per l’amministratore. Forse, nel primo invio al forum,  ho dimenticato di richiedere l’avviso di nuovi messaggi. Ho fatto la richiesta nei miei invii successivi, ma non mi è mai arrivata alcuna notifica, fino ad oggi.

    Puoi fare qualcosa per rimediare? grazie

  • #1337 Score: 0

    Leonello
    Partecipante
    14 punti

    Caro Paolo,

    Cerco di spiegarmi meglio.

    Il tema centrale della tua proposta mi pare sia le ” comunita virtuali” che , come dici , dovrebbero essere coinvolte nel processo legislativo nazionale ed usufruire di canali di comunicazione moderni. .. .

    Se a queste proposte fai precedere delle considerazioni sui ” confini ragionali ” oltre a parlare di qualcosa che non ha attinenza con la parte essenziale della tua proposta,

    predisponi il lettore a non capire la tua proposta .

    Non pare anche a te ?

     

    Domando anche agli altri il loro parere.

     

     

    • Questa risposta è stata modificata 3 mesi, 2 settimane fa da  Leonello.
  • #1339 Score: 0

    xpol
    Partecipante

    Capisco, il collegamento tra aumento della partecipazione a livello locale e modifica dei confini regionali è poco evidente.

    Anche se il collegamento c’è, si intravede solo in una visione a lungo termine. La maggiore autonomia locale conquistata, la capacità di determinare i confini locali attraverso accordi tra realtà confinanti, porterebbe, più avanti nel tempo, a ridefinire, almeno in parte, i confini delle regioni. Queste diventerebbero entità scelte dalle realtà locali.

    Si potrebbe eliminare del tutto, tu dici, questa prospettiva troppo lontana, per chiarire meglio la  proposta politica?

    Anch’io attendo commenti sulla proposta politica.

     

     

    • Questa risposta è stata modificata 3 mesi, 2 settimane fa da  xpol.
  • #1357 Score: 0

    Leonello
    Partecipante
    14 punti

    Penso che converrebbe eliminare del tutto il tema “confini regionali”, e se proprio ritieni importante il mettere in ividenza i vantaggi della democrazia esercitata localmente ci farei un accenno, breve e sintetico, alla fine.

    Aspetto una tua versione, magari piu dettagliata sulle “comunita’ vituali”.
    L’aspettava anche Dario.

    Poi volentieri la commento.

  • #1358 Score: 0

    xpol
    Partecipante

    Modificherò la prima sezione, per trattare dei confini in generale, anzichè regionali.

    Non eliminerei la sezione sulle finalità, utile a far capire che la mia proposta non è stabilire nuovi confini, ma creare un sistema che ne permetta la eventuale ridefinizione graduale, in modi e tempi peculiari di ogni territorio.

    Certamente vi sono già leggi nazionali o regionali che vanno in questa direzione e vi sono già enti pubblici che avrebbero le competenze per contribuire ad un progetto del genere, Sono tutti aspetti che andrebbero verificati con degli esperti in materia o con qualche membro del parlamento. Vostre indicazioni al riguardo sarebbero opportune,

    Approfondire invece le modalità attuative delle comunità virtuali, nella sezione 3, non è il centro dell’attenzione, in questa fase ideativa e le mie competenze sono scarse.

    Anche per questo sarebbe utile l’aiuto di esperti.

    Ci proverò comunque, ma il mio apporto sarà molto ingenuo.

     

    paolo m.

  • #1381 Score: 0

    xpol
    Partecipante

    Ho modificato, restringendola la prima sezione:
    “All’interno del territorio nazionale italiano, si dovrebbe riconoscere che i confini politici e amministrativi, da quelli municipali a quelli regionali sono il risultato realtà economiche e vicende storiche che risalgono ad una realtà lontana e che si potrebbero individuare contorni più adatti, affinchè le potenzialità di una località o regione si esprimano al meglio.
    Sarebbe perciò il caso di mettere a punto un metodo e dei criteri per capire quali estensioni siano effettivamente influenti sulla vita della maggioranza delle persone che vi abitano e per trovare il modo di dare ad esse un peso politico.
    I mezzi di comunicazione informatici potrebbero essere utilizzati per perseguire tale finalità”
    La mia proposta è in una fase embrionale.

    Capire come svilupparla e con quali aiuti competenti, sia enti che singoli studiosi, sarebbe il primo passo da fare.

    Paolo M.

  • #1382 Score: 0

    xpol
    Partecipante

    Ho modificato, restringendola la prima sezione:
    All’interno del territorio nazionale italiano, si dovrebbe riconoscere che i confini politici e amministrativi, da quelli municipali a quelli regionali sono il risultato realtà economiche e vicende storiche che risalgono ad una realtà lontana e che si potrebbero individuare contorni più adatti, affinchè le potenzialità di una località o regione si esprimano al meglio.
    Sarebbe perciò il caso di mettere a punto un metodo e dei criteri per capire quali estensioni siano effettivamente influenti sulla vita della maggioranza delle persone che vi abitano e per trovare il modo di dare ad esse un peso politico.
    I mezzi di comunicazione informatici potrebbero essere utilizzati per perseguire tale finalità.
    La mia proposta è in una fase embrionale.

    Capire come svilupparla e con quali aiuti competenti, sia enti che singoli studiosi, sarebbe il primo passo da fare.

    Paolo M.

  • #1389 Score: 0

    Leonello
    Partecipante
    14 punti

    Caro Paolo,

    dove troviamo la nuova versione?
    Mi pare che al link che c’e’ qui sopra ci sia sempre la stessa versione, ( quella che comincia col parlare dei “confini regionali”).

  • #1391 Score: 0

    xpol
    Partecipante

    Leggo solo adesso, scusa il ritardo, non mi è arrivato l’avviso.

    Non ho preparato un nuovo documento.

    Intanto si può ragionare su questo, con la modifica introduttiva.

    Paolo

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.