#5430 Score: 0
Leonello Zaquini
Moderatore
105 punti

B) PROPOSTA DI SOLUZIONE ALLA PROPAGANDA  DELLA DEMOCRAZIA DIRETTA COME STRUMENTO SPECIFICO PER IL CAMBIAMENTO.

Riparto dal punto:
“1) Per ottenere un cambiamento occorre essere in molti a volerlo ed a manifestare di volerlo.”

La realta’ italiana e’ costituta da “Molti che voglio molte cose diverse”.

Per altro e’ anche vero che per ottenere il cambiamento di una realta’ complessa :

– Occorre agire su molte cose diverse

Per questo chi sostiene la Democrazia diretta come soluzione particolaremente incisiva (come ritiene chi scrive), fa bene a non commettere l’errore di credere che sia “la soluzione salvifica” e “unica”, e fa bene a cercare di convincere altri a non illudersi che le loro “soluzioni preferite” possano essere le “uniche” e le sole “salvifiche”.

Fa bene a spiegare a tutti che:
– il crederlo non corrisponde alla REALTA’ di una sistema complesso come e’ la democrazia.
– genera divisione.
– impedisce qualsiasi cambiamento.

Per convincere gli altri , gli scettici della democrazia diretta, ( o gli altri che vorranno convincere i sostenitori della DD della utilita’ di altri punti)  occorre:

– affiancare gli altri nelle loro rivendicazioni e proposte di cambiamento.
– cooperare per ottenere il cambiamento, anche sui punti ritenuti “secondari” da alcuni, “primari” da altri.
– fare notare i limiti sempre presenti nelle “soluzioni uniche”.

Il lavoro comune:

– creera’ unita’.
– favorira’ l’ascolto reciproco.
– consentirà l’identificazione dei limiti sempre presenti nelle “soluzioni uniche” e rendera’ piu’ corretta ed incisiva la soluzione finale.
– produrra’ effetti e realizzera’ il cambiamento.
– il cambiamento sarà migliore.