Home Forums 10 – FARE il cambiamento Strumenti di estrazione a sorte (parlamentare ed altro) Rispondi a: Strumenti di estrazione a sorte (parlamentare ed altro)

#5334 Score: 0
Leonello Zaquini
Moderatore
105 punti

Pasquale propone un punto aggintivo: “Riforma elettorale” che dia la possibilità a chi si esprime in quel senso di farsi rappresentare da una persona estratta a sorte.

Mi pare opportuno inserire questa possibilia in questo punto a questo punto il testo potrebbe essere il seguente: ho aggiunto una frase, qella in grassetto, e per mantenere la sinteticita’ ho tolto il riferimento a “Mussolini ed Hitler” che mi pare meno essenziale, in una “descrzione breve” ( spero che Samuele, sia d’accordo).

= = =

STRUMENTI DI ESTRAZIONE A SORTE ( PARLAMENTARE ED ALTRO)

Il sorteggio è uno strumento, un mezzo, un modo di selezionare un tipo di rappresentanza politica dei cittadini. Lo scopo a cui mira l’utilizzo di questo strumento è quello di avere una democrazia e una politica più solide, più sentite, più informate, più responsabili, più vicine alla realtà dei cittadini.

Il sorteggio può essere contrapposto ad altre due forme di selezione: l’elezione e le “porte aperte”. Può anche essere ottenuto consentendo agli elettori di precisare nella scheda elettorale che non intendono votare per candidati di partiti ma per un estratto a sorte.

Il sorteggio funziona meglio dell’elezione perché dà a tutti le stesse possibilità di partecipare, di dire la propria, di mettersi in gioco, di fare la differenza, di contribuire al benessere della comunità. E ci riesce perché come si dice, la sorte è cieca, non guarda in faccia a nessuno. Non si fonda, come l’elezione, sull’apparenza, sull’impegno “di immagine” che il candidato deve mettere per farsi eleggere.

Le porte aperte fanno partecipare solo i più interessati, ma la politica e la democrazia sono di tutti, ed è giusto che tutti se ne possano interessare.

L’attribuzione di cariche pubbliche mediante il sorteggio che elimina le influenze delle lobby ha una lunga storia che va dall’antica democrazia ateniese alla Repubblica Veneta. Oggi in Australia di scutono se nominare a sorteggio il loro Senato. Stumenti di nomina a sorteggio sono anche in vigore nei comuni di Parma e Varese.