#3793 Score: 0
Nicola
Amministratore del forum
4 punti

Ho corretto alcuni errori di battitura.

 

Aggiungo:

1- rispondere alla associazioni che volevano aderire – al piu’ presto.

DEVE essere in agenda al prrmo posto come discussione,  e dovremmo iniziare a parlarne in chat, per capire i nostri pensieri e confrontarci, in modo da arrivare alla riunione con già una discussione aperta e magari già chiusa, quindi solo da deliberare per poterla attuare.

2- per Luciano; su Telegram, per non perdere il filo del discorso, OCCORRE FARE un RISPONDI al messaggio così si può risalire sempre al messaggio di partenza

Certo non è sempre facile trovarlo il filo, anche con RISPONDI, ma aiuta , te lo assicuro.

 

3- Aggiungo sulla parte sul discorso di Luciano sulla associazione dove è o era lui nel suo paese.

Io ricordo che ha detto che  persone della sua associazione, “preferivano” parlare con i “politici di turno” , consiglieri o altro, invece che andare a parlare con i cittadini, perché erano i consiglieri che decidevano le cose, e quindi parlare con i cittadini era una perdita di tempo. Queste persone erano fortemente politiche prima che “democratiche”, da quello che io ho capito, arrivavano dai partiti , e quindi non mettevano in primo piano le persone, ma il politico che faceva le cose, perdendo così di vista il punto, “il cittadino”

Io ho detto che secondo me queste persone pensavano al partito , a cosa voleva il partito, invece che ai cittadini, che dovrebbero essere il punto di contatto per il cambiamento.

E secondo me li c’è il primo ostacolo, le persone che sono fortemente partitiche, NON mettono davanti i diritti dei cittadini, ma tentano di fare  e portare il pensiero partitico. Vedi deriva oligarchica di Ostrogowski.

Erminio a chiesto di scrivere le argomentazioni da me esposte, per fare dei confronti.

 

4- ricordo a tutti, che oltre ai tre punti sotto elencati, ed in precedenza indicati da Leonello, dobbiamo discutere di altri argomenti rimasti in sospeso ed alcuni altri nuovi.

– redigere un testo complessivo sugli strumenti di democrazia da rivendicare.
– convocare una riunione dei gruppi “post referendum” per:
– incitare a sfruttare ed orientare la promessa di “cambiamento” con il quale il referendum si e’ concluso.

– ECI europea per un LIBRETTO INFORMATIVO obbligatorio in tutti gli statti membri dell’Europa, per tutti i referendum che il paese membro farà in futuro, in modo da informare i cittadini interni al paese dove si fa il referendum,

Inoltre, fare si che tutti i REFERENDUM EUROPEI siano anche essi con un libretto informativo inviato ai cittadini,

 

Quindi una ECI su due punti:

a- LIBRETTO INFORMATIVO per il REFERENDUM EUROPEO

b- LIBRETTO INFORMATIVO per il REFERENDUM di ogni stato membro

 

5- aggiungo: preparare della documentazione, per chiedere alla regione una raccolta firme basata sula condanna dell’ONU all’Italia, vinta da Staderini.DeLucia, prendendo come base il file inviatomi da Stefano Longano.

Quindi fare da punto di esempio mettendo a disposizione FILE di esempio per la raccolta firme.

Qui direi che dovrei occuparmene prima io, visto che ho raccolto la proposta di farlo per l’Emilia Romagna. Con l vostro aiuto.

6- c’erano altri punti per le riunioni dei gruppi, ma or ano ricordo.

  • Questa risposta è stata modificata 2 anni, 2 mesi fa da Nicola.