#1314 Score: 0
Leonello Zaquini
Moderatore
105 punti

Tema SISTEMA POLITICO SVIZZERO.

Il sistema politico svizzero si caratterizza fondamentalmente per i seguenti aspetti:

1- Federalismo.
2- Esecutivi rappresentativi e collegiali.
3- Democrazia diretta moderna.

1- Federalismo.
Esso si basa principalmente sul criterio della “sussidiarietà”: viene deciso localmente tutto quello che è possibile decidere localmente,
viene deciso centralmente solo quello che, per le sue implicazioni, non può essere deciso che centralmente.
Questo implica che ogni cantone ha una propria Cosituzione e quindi anche una propria legislazione. Un “tribunale federale”,
gestisce le controversie tra i cantoni e la federazione, assicura anche il rispetto di alcuni criteri generali e di base.
Sono gestiti localmente anche la gestione del territorio, il sistema impositivo.
Il sistema scolastico è gestito a livello dei comuni, mentre e’ cantonale a livello scuole superiori e università.
Esiste un sistema di “Perequazione intercantonale” che prevede finanziamenti dei cantoni organicamente e strutturalmente “poveri”.
Cosi’ come, all’interno dei cantoni, una “Perequazione inter comunale”.

Autostrare, ferrovie ed emissione della moneta sono gestiti a livello federale.

2- Esecutivi rappresentativi e collegiali.
I sistemi elettorali ed i poteri degli organi cantonali e comunali sono decisi a livello cantonale e comunale, ma è generalizzato
il metodo degli “esecutivi collegiali” che esiste (sebbene con regole elettorali diverse) anche a livello federale.
In sintesi si assicura che non solo gli organi legislativi (comunali cantonali e federali) ma anche gli organi esecutivi (i governi) siano rappresentativi in quento
costituiti da rappresentanti di tutti i maggiori partiti.
Ongi Governo quindi non rapresenta mai ne’ “un parito” e nemmeno una “coalizione” ma si presenta si di fronte ai cittadini come di fronte all’organo legislativo come un “Organo collegiale”: e’ fatto divieto ai suoi membri di
parlare a nome proprio e tanto meno a nome “del partito”.
Una “Proposta del governo” non è mai riconducibile alla iniziativa di nessun “ministro” e nemmeno di nessun partito.
In questo modo è scompare la nozione di “maggioranza ed opposizione”: le delibere o le leggi sono votate, a maggioranza, in base ai soli contenuti.
Il vocabolo “Governabilità” non esiste e non viene capito nemmeno dopo spiegazoni.

Gli organi legislativi, in genere nei cantoni come a livello federale, sono eletti mediante in modo proporzionale. I cittadini possono attribuire preferenze anche a candidati di parti diversi ed anche s-preferenze.
In due cantoni ed in molti comuni vige la demcorazia diretta di tipo medioevale che esclude l’esistenza dell’organo legislativo, il quale viene sostituito dalla “assemblea cittadina”.

3- Democrazia diretta moderna.
Generalmente a livello comunale e cantonale, come a livello federale sono disponibili strumenti di democrazia diretta moderna (che affianca e non sostitisce l’orgno legislativo rappresentativo).

Questi in genere sono:
– le modifiche costituzionali e/o le leggi di iniziativa popolare a voto popolare.
– i referendum abrogativi.
. i referendum obbligatori (senza raccolta preventiva di firme, voto popolare indetto obbligtoriamente sulla base del contenuto. Per esempio in caso di modifiche costituzionali tr ale quali le leggi elettorali
ed i decreti governativi classificati come “urgenti”).

A livello federale le “inizitive popolari” possono agire su tutti i temi ma solo a livello della costituzione.
Il voto e’ valido senza quorum a solo se ottiene la “doppia maggioranza”: maggioranza dei votanti e maggioranza dei cantoni (un cantone dove sia abbia una maggioranza vale “1 voto” nel conteggio della maggioranza
dei cantoni).

Prima di ogni votazione viene pubbligato e diffuso gratuitamente il “libretto dlle votzioni” dove ogni tema in votazione e’ presetato in tre capitoli:
a) “il problema in breve”. In cosa consiste il problema e come e’ affrotto in latri cantoni e/o paesi e ella storia. Il capitolo e’ neutro ed oggettivo.
b) “argomenti a favore”. Redatto cin il contributo del comitato di iniziativa.
c) “argomenti contro”.

Il “libretto” ed il materiale di voto arriva a casa per posta. E’ possibile il voto per posta, oppure portando il materiale di voto negli uffici
comunali durante un arco di 10 giorni, oppure anche (in alcuni cantoni) via internet.